Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Facendo uso delle simulazioni su elaboratore esaminare ha personalizzato la ventilazione meccanica dei pazienti COVID-19

Le linee guida cliniche iniziali per ventilazione meccanica dei pazienti COVID-19 hanno suggerito dopo gli approcci standard utilizzati nel trattamento della sindrome di emergenza respiratoria acuta (ARDS), che è caratterizzata dall'inizio rapido di infiammazione diffusa nei polmoni.

Tuttavia, l'esperienza clinica emergente in Cina, Italia, Regno Unito ed altrove suggerisce che alcuni pazienti con polmonite COVID-19 presente con un particolare un modulo della sindrome, caratterizzato dal hypoxemia severo (ossigeno insufficiente nel sangue) con i meccanici relativamente ben conservato del polmone. La base patofisiologica per questa caratteristica particolare di COVID-19 ARDS rimane poco chiara ed è corrente l'argomento di dibattito intenso fra i clinici, poiché può avere implicazioni per la gestione del ventilatore.

Gli ingegneri dall'università di Warwick piombo un progetto, che ha ricevuto il finanziamento di £342,863 da EPSRC nel quadro del programma BRITANNICO del governo per la ricerca su COVID-19, per lavorare con i clinici dall'università di Nottingham durante i 18 mesi prossimi per studiare le strategie ottimali per ventilazione meccanica dei pazienti COVID-19.

I primi risultati dal progetto ora sono stati pubblicati nel documento, in silico modellistica di COVID-19 ARDS: comprensioni patofisiologiche ed implicazioni potenziali della gestione nelle prospezioni critiche di cura del giornale, una Gazzetta ufficiale della società della medicina critica di cura, che mira a comunicare rapido le nuove idee ed innovazioni di importanza con pratica clinica.

I ricercatori hanno adattato un simulatore di calcolo avanzato, che è stato sviluppato per studiare la ventilazione meccanica in ARDS convenzionale, per fornire la nuova prova che le caratteristiche particolari di COVID-19 ARDS possono essere il risultato del sangue d'interruzione del virus attraversano il polmone - flusso sanguigno di didascalia alle aree di funzionamento restringendo i vasi sanguigni e/o causando i grumi minuscoli chiamati microthrombi e deviando il flusso sanguigno alle aree nocive del polmone. La valutazione di alcune strategie di ventilazione meccanica facendo uso di questo modello ha indicato che potrebbero essere inefficaci o persino pregiudizievoli ai polmoni dei pazienti sicuri COVID-19.

Il professor Declan la Bates, il ricercatore principale dal banco di assistenza tecnica all'università di Warwick commenta:

“Alcune strategie di ventilazione potrebbero essere danneggiamento di causa o persino inefficace dei pazienti se non riflettono adeguatamente la loro patofisiologia determinata - data l'eterogeneità dei pazienti di COVID-19 ARDS, un approccio personale al trattamento è vitale.„

“Il nostro gruppo interdisciplinare di ingegneri e di clinici piombo gli sforzi mondiali per sfruttare la potenza di modellistica di calcolo per avanzare rapido la nostra comprensione della patofisiologia COVID-19 e sviluppa le strategie personali di ventilazione per questa malattia provocatoria.„

Gli approcci tradizionali a studiare la patologia complessa delle malattie capite male (quale la malattia critica COVID-19) tendono a dare i risultati inconcludenti dovuto la difficoltà della raccolta di dati clinica ed il disturbo inerente nei dati.

Il nostro approccio, facendo uso della modellistica ad alta fedeltà e profondo-convalidata permette la prospezione rapida dei meccanismi degli stati di malattia e la prova preclinica degli approcci terapeutici potenziali, accelerante lo sviluppo di efficaci trattamenti per la malattia critica devastante che può svilupparsi in COVID-19.„

Il professor Jonathan Hardman, ricercatore principale dalla scuola di medicina all'università di Nottingham

Source:
Journal reference:

Das, A., et al. (2020) In Silico Modeling of Coronavirus Disease 2019 Acute Respiratory Distress Syndrome: Pathophysiologic Insights and Potential Management Implications. Critical Care Explorations. doi.org/10.1097/CCE.0000000000000202.