Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La protezione della strategia ha potuto essere inefficace nella diminuzione la prevalenza COVID-19 e della mortalità

Con la diffusione della pandemia COVID-19, un obiettivo principale di tutte le misure di contenimento è stato la necessità di impedire un aumento improvviso delle infezioni severe con il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, limitante il carico sui servizi di sanità nei limiti sostenibili. Con il riconoscimento che i sottogruppi sicuri della popolazione sono sembrato avere un elevato rischio di sviluppare la malattia severa dopo l'infezione, alcuni paesi hanno messo la protezione delle polizze a posto per proteggerle dall'infezione.

Un nuovo studio dai ricercatori all'università di Glasgow e di NHS maggiori Glasgow e Clyde e pubblicato sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nel settembre 2020, esamina i vantaggi di tali misure.

Protezione dei gruppi ad alto rischio

La maggior parte dei paesi asiatici hanno adottato le vaste polizze di contenimento, compreso la prova, il tracciato e l'isolazione di tutte le sezioni della società egualmente, in base ad alta disponibilità della prova ed alla determinazione per riflettere ed assicurare l'entrata in vigore delle strategie inventate dai servizi sanitari di salute pubblica. La situazione in Europa è differente, con il sociale popolazione di ampiezza che distanziano e l'igiene della mano che è applicata da un lato, mentre i gruppi di rischio speciali sono protetti, o chiesta per essere nell'isolamento rigoroso, per i periodi varianti.

Ciò è vero anche per la Svezia, l'eccezione eccezionale all'attuazione generalmente costante delle polizze del lockdown in Europa, che ancora ha applicato la protezione di tali sezioni ad alto rischio della società. Nel Regno Unito, due categorie di pazienti schermati sono elencate, vale a dire, quelli ad ad alto rischio e quelli al rischio moderato.

Nel Regno Unito, la protezione dei pazienti ad alto rischio è stata definita come loro non lasciare le loro case c'è ne ma sul pretesto più urgente e perfino prevenzione delle quasi il contatto essenziale con i loro membri della famiglia, mentre l'alimento ed altre necessità sono stati consegnati loro a loro case. I pazienti di moderato-rischio, d'altra parte, sono stati raccomandati per seguire con attenzione le misure della popolazione in genere.

Emissioni con la protezione

Alcuno presto studia indica che la protezione prolungata ha effetti contrari sui beneficiari presunti. Un'altra questione è che il gruppo ad alto rischio qui è definito in base agli scoppi virali precedenti piuttosto che su una buona comprensione di SARS-CoV-2. Corrente, la prova sta versando in quanto la presenza di cuore, rene, o affezione polmonare come pure il diabete e l'obesità auto-riferiti, è collegata alle più alte probabilità di COVID-19 serio che richiede l'ospedalizzazione ed il supporto respiratorio come pure morte in ospedale.

I ricercatori ora stanno lavorando ad un punteggio di rischio COVID-19 ai pazienti dello schermo di guida per la categoria vero ad alto rischio che può consigliarsi per proteggere. Un'emissione importante qui è la mancanza c'è ne ma di dati modellanti matematici quanto a come proteggere può contribuire ai risultati avversi più bassi al livello della popolazione.

Alto- contro i gruppi a basso rischio moderati

Il documento corrente confronta le persone alte- e moderate o a basso rischio in termini di rischio di infezione, rischio di risultato e contributo proporzionale per dei i risultati livelli della popolazione di COVID-19-linked.  Ha incluso complessivamente ~1.300.000 genti, ottenute dalle registrazioni del GP in una singola area di NHS in Scozia. Di questi, circa 2,5% sono stati chiesti per proteggere mentre appena sopra un quarto erano al rischio moderato.

Nel gruppo proteggente, più della metà ha avuto la malattia respiratoria severa, circa un quinto su dialisi, più di 15% sul trattamento immunosopressivo, mentre più piccole percentuali di pazienti con altre condizioni mediche, compreso la malattia di cuore ed i trapianti di organi severi.

La categoria di rischio moderato ha incluso i pazienti con ipertensione, comprendente un poco più di meno mezzo, mentre l'affezione polmonare cronica era presente dentro più di 40%. Circa 40% erano 70 o più vecchio. Un quinto ha avuto il diabete e circa 14% della malattia di cuore.

Risultati in ad alto rischio contro. Altri gruppi

I ricercatori hanno trovato quello di intero gruppo, appena più di 1% avevano subito la prova COVID-19. Le probabilità della prova sono aumentato con l'età, il sesso femminile e la categoria di rischio. La prevalenza di COVID-19 confermato in questo gruppo era circa 0,25% ed era ancora più alta nelle categorie di cui sopra.

Oltre di 3.300 ha confermato i casi COVID-19, appena al disopra 1.600 sono stati ospedalizzati e circa 120 hanno richiesto l'ammissione di ICU. Il rischio di ammissione di ICU era più alto in quelli 45-64 invecchiato che nel gruppo di vecchiaia.

Il numero delle morti era appena al disopra 1.000. Gli uomini e le donne hanno mostrato il rischio uguale, mentre era più alto in gente più anziana. Il rischio di mortalità è aumentato dall'a basso rischio al gruppo ad alto rischio, come previsto, anche dopo adeguamento per il sesso e la privazione socioeconomica.

Il gruppo schermato ha composto circa 9% delle infezioni confermate COVID-19, circa 15% delle ospedalizzazioni, circa 5% di tutte le ammissioni di ICU e 13% delle morti, tutto il relativo a COVID-19. Il rischio di ospedalizzazione era 18 volte più su nel gruppo schermato, ma il rischio di ammissione di ICU era quattro volte maggior riguardante il gruppo a basso rischio.

Nel gruppo di moderato-rischio, il numero delle infezioni, le ospedalizzazioni, le ammissioni di ICU e le morti hanno composto circa 40%, 60%, 20% e 75% del totale. Tuttavia, non c'era differenza significativa nella mortalità fra i gruppi moderati ed ad alto rischio.

Quelli in 70 anni o con immunità indebolita corrono un rischio di morte equivalente a quelli nel gruppo schermato. I settuagenari erano 8 volte più probabili da verificare il positivo malgrado il consiglio da proteggere. Erano 7 volte più probabili da morire della prova seguente di infezione ed hanno avuti un rischio di 74 volte di morte riguardante la categoria a basso rischio. Hanno composto 18% di tutte le infezioni, 23% delle casse dell'ospedale e la metà di tutte le morti dovuto COVID-19.

Implicazioni

Da tre di ogni quattro morti si è presentato nella categoria che cade fuori della protezione delle raccomandazioni, di moderato-rischio è evidente che proteggendo i criteri sia troppo stretto per urtare significativamente i tassi di mortalità.

Per impedire 80% delle morti totali, quindi, proteggenti dovrebbe riguardare molte altre categorie, compreso cinque che corrente sono trattati come il rischio moderato, comprendendo circa 30% la popolazione, piuttosto che i 2,5% correnti chi corrente sono protetti.

Il rischio di ospedalizzazione seguente di ammissione di ICU era 14 volte di meno che in persone superiore a 70 anni che per i pazienti a basso rischio. Ciò è probabile essere un effetto di dovere dare la priorità alla cura per quelli con la migliore prognosi in una situazione del carico in modo schiacciante sul sistema sanitario, piuttosto che essendo il risultato di efficace prevenzione dell'infezione in questa categoria.

Inoltre, il gruppo schermato ha continuato a verificare il positivo ad una tariffa 8 volte più alta, a morire dopo l'infezione confermata ad un'più alta tariffa quintupla ed ad avere 49 volte il rischio di morte dal camice COVID-19. I ricercatori suggeriscono che questo faccia sorgere il dubbio sull'efficacia della strategia proteggente.

Effettivamente, riguardante il gruppo a basso rischio, quelli giudicati essere al rischio moderato, che compongono un quarto della popolazione, hanno avuti quattro volte le probabilità del positivo difficile. Mortalità dopo che l'infezione confermata e la mortalità globale, erano cinque volte e 26 volte più su, rispettivamente, in questo gruppo. Ciò dovrebbe servire da servizio sveglia riconoscere l'ad alto rischio di molti probabilmente al rischio moderato, specialmente coloro che è più vecchio.

i criteri di Moderato-rischio definiscono circa un quarto della popolazione in molti studi. Tuttavia, l'uno Stati Uniti incarta riferito che 45% della popolazione adulta di studio ha avuto uno o più di una lista lunga delle malattie di coesistenza che potenzialmente sono collegate ad un elevato rischio dei risultati avversi con COVID-19. erano quattro volte probabili confermare l'infezione che la categoria a basso rischio.

La protezione di così percentuale grande della popolazione è probabile essere sia inapplicabile che impopolare in considerazione della tendenza aumentare verso rilassamento delle restrizioni del lockdown. Di conseguenza, i ricercatori concludono, “proteggendo è probabilmente la cosa migliore osservato come intervento determinato determinato 6 da usare accanto ad altri interventi popolazione di ampiezza quali distanziare fisico, le coperture della fronte di taglio e l'igiene della mano.„

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, September 23). La protezione della strategia ha potuto essere inefficace nella diminuzione la prevalenza COVID-19 e della mortalità. News-Medical. Retrieved on May 12, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200923/Shielding-strategy-could-be-ineffective-in-reducing-COVID-19-prevalence-and-mortality.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "La protezione della strategia ha potuto essere inefficace nella diminuzione la prevalenza COVID-19 e della mortalità". News-Medical. 12 May 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200923/Shielding-strategy-could-be-ineffective-in-reducing-COVID-19-prevalence-and-mortality.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "La protezione della strategia ha potuto essere inefficace nella diminuzione la prevalenza COVID-19 e della mortalità". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200923/Shielding-strategy-could-be-ineffective-in-reducing-COVID-19-prevalence-and-mortality.aspx. (accessed May 12, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. La protezione della strategia ha potuto essere inefficace nella diminuzione la prevalenza COVID-19 e della mortalità. News-Medical, viewed 12 May 2021, https://www.news-medical.net/news/20200923/Shielding-strategy-could-be-ineffective-in-reducing-COVID-19-prevalence-and-mortality.aspx.