Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le guide novelle di tecnica individuano il danno del cuore nei cani di alto livello della concorrenza

Il frequente esercizio ad alta intensità comporta cardiaco ricostruendo entrambi in esseri umani ed in animali. In cani, particolarmente quelli usati per concorrenza di alto livello, è di grande interesse imparare se sviluppano la cosiddetta sindrome atletica del cuore.

Per migliorare il video clinico a nome dei veterinari che tendono a questi animali, professore alla facoltà della scienza veterinaria all'università di CEU Cardenal Herrera (CEU UCH) di Valencia, Milagros Benito, ha proposto un protocollo cardiaco di valutazione basato su un esame elettrocardiografico ed ecocardiografico di questi cani prima e dopo uno sforzo di corsa, cercante un'individuazione tempestiva degli indicatori cardiaci che differenziano la sindrome atletica del cuore da altre malattie cardiache.

Gli esami fisici, che sono condotti comunemente su questi cani dell'atleta a nome dei loro veterinari non possono prematuramente individuare la ricostruzione ventricolare nelle sue fasi iniziali. Ecco perché consideriamo l'ecocardiogramma un la parte essenziale della valutazione clinica di questi animali, prematuramente di individuare tutta l'alterazione cardiaca patologica e di differenziarlo da altri adattamenti collegati allo sforzo fisico se questi atleti canini.„

Milagros Benito, il professor, università di Cardenal Herrera

Specificamente, lo studio dal professor Benito, pubblicato negli animali del giornale internazionale e condotto in collaborazione con il veterinario francese Laure Boutigny, ha messo a fuoco su un tipo molto specifico di canino: il Greyster.

Questa razza è conosciuta per i sui risultati eccellenti nei concorsi come “bikejöring„, un tipo di mushing, o la slitta cane-tirata, quella è molto esigente dal punto di vista dell'intensità dell'esercizio aerobico richiesto, come i cani che partecipano possono raggiungere le velocità di fino a 42 chilometri all'ora.

“Greysters è un incrocio fra il puntatore tedesco ed il levriero, che partecipano spesso a questi concorsi mushing, sia su neve che sulla terra asciutta, in cui sono buoni concorrenti. Prima e dopo ogni corsa essi subisce gli esami clinici che comprendono i parametri cardiovascolari, che sono quei noi li ha riveduti in questo studio a carne fuori,„ evidenzia il professore di CEU UCH.

Aggiunta dell'ecocardiogramma

La ricerca ha compreso il video completo di 22 segugi di Greyster in questi concorsi, confrontante, prima e dopo ogni corsa, cambia alla loro pressione sanguigna, alla frequenza cardiaca ed alle variabili differenti dei risultati dell'ecocardiogramma.

Lo studio stabilisce quali cambiamenti a questi parametri sono un risultato dello sforzo fisico della concorrenza e quale può essere un indicatore di una malattia cardiaca possibile, per trattarla appena possibile.

“I risultati ottenuti mostrano l'utilizzabilità di aggiunta dell'ecocardiogramma alla valutazione cardiaca clinica: può essere molto utile per i veterinari che guardano fuori per il benessere e la salubrità di questi animali, poichè li avrebbe permessi di identificare l'esistenza dei cambiamenti adattabili fisiologici (sindrome atletica del cuore) o se ci sono segni di altre malattie cardiache che, come accadono in esseri umani, deve essere identificato appena possibile, poichè particolarmente questi animali conducono l'esercizio fisico intenso,„ evidenzia l'autore della ricerca.

Sport canino, senza rischi

Milagros Benito, professore della scienza veterinaria e membro del dipartimento della medicina di sport dell'ospedale clinico veterinario del CEU UCH, è uno dei cinque esperti internazionali che comprendono, da due anni fa, il primo comitato di benessere degli animali (benessere ed etica negli sport del cane di slitta), creato dalla federazione internazionale degli sport di Sleddog (IFSS).

Il professor Benito fa parte egualmente del comitato di Mushing della federazione spagnola degli sport invernali (RFEDI) ed è un membro del comitato di benessere degli animali del banco ufficiale dei veterinari di Valencia (ICOVV).

Ha vasta esperienza nell'assistenza veterinaria ai cani che partecipano ai concorsi mushing più importanti universalmente, compreso Lekkarod nelle alpi.

Milagros Benito ha collaborato, tra l'altro, con il campione del mondo ed il membro del gruppo mushing nazionale del RFEDI, vincitore Carrasco, preoccupantesi per il suo Greyster, Rona.

In tutte queste attività, è incaricata con “lo sguardo fuori per il benessere dei cani che, come i grandi atleti che sono, meritano tutto lo nostro sforzo per garantire la loro salubrità. Cioè per garantire sport senza rischi, come accade in altre discipline di sport

Source:
Journal reference:

Wright, K. N., et al. (2020) Atrioventricular accessory pathways in 89 dogs: Clinical features and outcome after radiofrequency catheter ablation. Journal of Veterinary Internal Medicine. doi.org/10.1111/jvim.15248.