Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo strumento diagnostico può permettere la rilevazione in loco dell'infezione di coronavirus

Gli scienziati all'università di Warwick hanno dimostrato che uno strumento diagnostico potenziale per la rilevazione del Covid-19 facendo uso degli zuccheri funzionerà con un virus piuttosto che appena le sue proteine, un punto significativo nel rendergli una prova possibile in futuro.

I sistemi diagnostici di Coronavirus corrente richiedono gli impianti centralizzati e la raccolta/distribuzione dei tamponi e dei risultati è “giorno successivo„.

Un nuovo strumento diagnostico che sono diventati dall'università di Warwick ed i sui sistemi diagnostici di Iceni del partner possono permettere la rilevazione in loco dell'infezione di Coronavirus, senza impianti facendo uso di un'unità semplice di disposizione.

I ricercatori hanno dettagliato la loro tecnica in un documento della pubblicazione preliminare annunciato all'inizio di quest'anno, ma ora hanno presentato i risultati supplementari in un documento per la scienza centrale del giornale ACS, pubblicato dai ricercatori dall'università di Warwick, dall'università di Manchester e sistemi diagnostici srl di Iceni basati a Norwich.

Il nuovo strumento diagnostico usa i glycans (zuccheri) per individuare il virus, facendo uso di uno strumento molto simile ad un test di gravidanza domestico.

C'è un bisogno urgente per i nuovi sistemi diagnostici, particolarmente quelli che forniscono risultati rapidi per la schermatura delle professioni di sanità o per ottenere il trasporto, formazione e la fabbricazione dei hub che funzionano ancora.

La prova diagnostica del principio è stata dimostrata negli studi iniziali, ma l'associazione ora sta cercando l'investimento o i donatori filantropici per portare il concetto in avanti.

Il nostro gruppo ora ha potuto indicare che questa tecnica di rilevazione funziona con “un virus pseudotyped„; un più sicuro di trattare alternativa che imita SARS-COV-2. Questo più ancora dimostrato che il formato diagnostico può individuare i virus reali non appena le proteine isolate dalla sua superficie.„

Matthew Gibson, il professor, dipartimento di chimica, università di Warwick

I risultati supplementari hanno permesso che noi regolassimo il sistema più e che imparano più circa come possiamo ottimizzare i limiti di segnalazione ed esattamente come un campione deve essere presentato all'unità, che è cruciale.

La nostra fase seguente è campioni pazienti e capire quanto sensibile l'unità è e realmente pensando come potrebbe essere usata accanto agli strumenti diagnostici esistenti.

La tempestiva rilevazione del virus, per sia la sanità che permettere alla società di ritornare al normale è cruciale. La nostra tecnologia, sviluppata attraverso il lavoro unito dello studente di PhD con i nostri partner dell'industria, usa i glyco-nanomaterials per individuare una parte specifica del coronavirus.

La tecnologia è diretta ed estremamente - basso - costo poichè il kit è cartaceo. La laboratorio-capacità conservata università per la ricerca essenziale di COVID come questo che assicura potremmo compiere la missione dell'università per creare la conoscenza nuova e le soluzioni innovarici.

È grande che lavorano con il talento favoloso nel gruppo di Gibson a Warwick. La combinazione della nostra competenza ci ha permesso di muovere questo progetto avanti rapido - compreso la valutazione clinica iniziale. Aspettiamo con impazienza di estendere le nostre relazioni di lavoro con Warwick per esplorare i sistemi diagnostici per altre malattie infettive basate sui carboidrati e sui glycopolymers„

Il professor Robert Field, co-fondatore e CEO, sistemi diagnostici di Iceni

Il Dott. James Lapworth, innovazioni di Warwick, che sta lavorando con il professor Gibson per commercializzare la tecnologia, ha detto:

“C'è una necessità urgente e globale di aumentare la capacità diagnostica di prova per le infezioni Covid-19. Questo nuovo approccio potenzialmente offre i vantaggi significativi perché consegna un risultato molto rapido e non richiede strumentazione o addestramento di laboratorio dello specialista di completare.

Il risultato è che la gente potrebbe determinare molto rapidamente se hanno un'infezione corrente e prendono i provvedimenti appropriati, per esempio all'auto-isolato.„

Source:
Journal reference:

Baker, A. N., et al. (2020) The SARS-COV-2 Spike Protein Binds Sialic Acids and Enables Rapid Detection in a Lateral Flow Point of Care Diagnostic Device. ACS Central Science. doi.org/10.1021/acscentsci.0c00855.