Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I tratti di personalità sono associati con elasticità conoscitivo in adulti più anziani

I nostri cervelli di invecchiamento raccolgono i grovigli e le placche appiccicose che possono interferire nella nostre cognizione e memoria. Ma alcuni adulti più anziani con questa neuropatologia hanno elasticità più conoscitivo che altri, rapporti un nuovo studio nordoccidentale della medicina.

La ragione: le loro personalità.

I tratti di personalità sono stati associati con elasticità conoscitivo, che è la capacità di migliorare vive con la neuropatologia nel cervello che causa la demenza. Persone con una maggior tendenza verso autodisciplina, l'organizzazione, la diligenza, l'alto risultato e la motivazione -- un tratto conosciuto come più alto conscientiousness -- è stato associato con maggior elasticità.

Persone con più alta nevroticità -- una maggior tendenza verso ansia, la preoccupazione, il moodiness e il impulsivity -- erano più probabile avere funzione conoscitiva peggiore di quanto preveduta dato la quantità di neuropatologia individuata all'autopsia.

Lo studio era il 24 settembre pubblicato in giornale di gerontologia: Scienze psicologiche.

Questi risultati forniscono la prova che è possibile che gli adulti più anziani vivano con la neuropatologia connessa con il morbo di Alzheimer e le demenze riferite mentre mantenendo i livelli relativamente sani di funzione conoscitiva.„

Eileen Graham, autore di studio del cavo, assistente universitario di ricerca delle scienze sociali mediche alla scuola di medicina di Feinberg di Northwestern University

“I nostri tratti di personalità di manifestazioni di studio sono collegati con come la gente può mantenere la loro funzione conoscitiva malgrado la neuropatologia di sviluppo,„ Graham ha detto. “Poiché è possibile affinchè la personalità cambi, sia volitionally che con gli interventi, è possibile che la personalità potrebbe essere usata per identificare coloro che è al rischio ed agli interventi iniziali del mezzo da contribuire ad ottimizzare la funzione durante la vecchiaia.„

La personalità ed altri fattori che promuovono l'elasticità conoscitivo possono essere particolarmente importanti nel contesto dello sforzo (come la pandemia COVID-19) e questo è un'area importante della ricerca futura, Graham hanno notato.

Ciò è creduta per essere uno dei primi studi che mostrano che i tratti della personalità di una persona siano collegati a come possono sostenere la loro funzione conoscitiva poichè invecchiano. Questi risultati prestano il credito all'idea che la personalità può essere fatta leva per aiutare le persone a mantenere la loro funzione conoscitiva quando possono altrimenti essere vulnerabili al neurodegeneration.

I dati sono stati raccolti al centro di ricerca del morbo di Alzheimer di Rush University. Le persone hanno fornito l'indagine psicosociale annuale di auto-rapporto ed i dati clinici. All'iscrizione di studio egualmente hanno acconsentito a donare i loro cervelli per l'autopsia post mortem. I partecipanti di studio hanno contribuito gli anni di dati ricchi sul loro funzionamento mentre stavano vivendo come pure dati psicologici e conoscitivi di autopsia dopo che sono morto.

Source:
Journal reference:

Graham, E.K., et al. (2020) Associations Between Personality Traits and Cognitive Resilience in Older Adults. The Journals of Gerontology: Series B. doi.org/10.1093/geronb/gbaa135.