Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio collega 160 geni al restringimento del cervello

Un nuovo studio implica 160 geni nel restringimento del cervello veduto su MRIs di 45.000 adulti in buona salute. Il restringimento è nella corteccia, nel livello dimply esterno del cervello che provoca il pensiero, nella consapevolezza e nell'atto ed in gran parte consiste della materia grigia.

Lo studio, il 22 settembre pubblicato nelle comunicazioni della natura del giornale, esaminate 34 regioni della corteccia in un gruppo di scoperta di 22.894 persone, allora confermato i risultati in un gruppo della replica di 22.635 persone.

È importante capire la biologia delle regioni multiple della corteccia perché ciascuno è influenzato diversamente nei vari tipi di neurodegeneration compreso il morbo di Alzheimer.„

Sudha Seshadri, MD, autore senior di studio, il centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a San Antonio (salubrità San Antonio di UT)

“Abbiamo chiesto, “che cosa sono i geni che sembrano determinare lo spessore, l'area ed il volume di materia grigia in queste regioni? “„ Dott. Seshadri, che dirige l'istituto del Glenn Biggs dell'università per Alzheimer e le malattie di Neurodegenerative, aggiunto. “Ed i geni abbiamo trovato il punto alle vie interessanti che sembrano partecipare alla malattia vascolare e neurodegenerative dello sviluppo del cervello, e ad alcune circostanze psichiatriche.„

Il restringimento del cervello si presenta con invecchiamento normale, ma il reticolo del restringimento in persone in buona salute differisce dal reticolo in coloro che sviluppa la malattia. I geni rappresentano i nuovi obiettivi dello studio per lo sviluppo delle droghe per intervenire prima dell'inizio dei sintomi clinici, il Dott. Seshadri ha detto.

“Questa è una risorsa molto ricca e sarà estratto per molti anni per capire le associazioni che differenti stiamo vedendo,„ il Dott. Seshadri ha detto. “Siamo eccitati per dividerlo con il mondo.„

Grandi campioni di studio

Claudia Satizabal, PhD, dell'istituto di Biggs e del dipartimento delle scienze di salubrità della popolazione a Joe R. di San Antonio di salubrità di UT e scuola di medicina lunga di Teresa Lozano, è uno degli epidemiologi del cavo per la ricerca. “Questo studio ha considerevole potenza statistica,„ il Dott. Satizabal ha detto. “Poiché i risultati dal primo campione sono stati ripiegati in un campione ugualmente grande di secondo, è meno probabile che i risultati sono puramente dovuti chance.„

Il Dott. Satizabal ed il Dott. Seshadri precedentemente hanno pubblicato uno studio sui volumi di strutture in profondità all'interno del cervello che determinano i bisogni subcosciente quale appetito e dormono. In questo nuovo documento il gruppo ha esaminato la superficie del cervello, che è importante per le abilità di pensiero coscienti.

Il campione di scoperta proviene da 20 popolazioni di studio all'interno dei gruppi per cuore e la ricerca di invecchiamento nel consorzio genomica dell'epidemiologia (TASSA) e nel Biobank BRITANNICO. Il campione della replica proviene dalla genetica di miglioramento di NeuroImaging attraverso il consorzio di meta-analisi (ENIGMA).

Studi le limitazioni ha compreso la variabilità degli strumenti all'immagine il cervello fra i gruppi dovuto gli scanner differenti, le resistenze di campo ed il software di analisi. Il campione è composto pricipalmente di ascendenza europea.

“Cerchiamo di aggiungere altre origini etniche ai gruppi della TASSA, compreso la nostra popolazione ispana del Texas del sud,„ il Dott. Seshadri ha detto.

Source:
Journal reference:

Hofer, E., et al. (2020) Genetic correlations and genome-wide associations of cortical structure in general population samples of 22,824 adults. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-18367-y.