Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le maschere e le coperture della fronte di taglio sono efficaci nella diminuzione della diffusione delle particelle sospese nell'aria

Le prove di laboratorio di chirurgico e delle maschere N95 dai ricercatori all'università di California, Davis, indicano che riducono la quantità di particelle aerosolizzate emesse durante la respirazione, la conversazione e la tosse.

Gli esami delle coperture casalinghe della fronte di taglio del panno, tuttavia, provano che il fabbricato stesso scarica un gran numero di fibre nell'aria, sottolineante l'importanza di lavarle. Il lavoro è il 24 settembre pubblicato nei rapporti scientifici.

Mentre la pandemia COVID-19 continua, l'uso delle maschere ed altre coperture della fronte di taglio è emerso mentre uno strumento importante accanto al tracciato ed isolamento del contatto, a mano lavaggio e sociale distanzianti per diminuire la diffusione del coronavirus.

Il CDC e l'organizzazione mondiale della sanità approvano l'uso delle coperture della fronte di taglio e le maschere o le coperture della fronte di taglio sono richieste da molti stato ed enti locali, compreso lo stato della California.

Lo scopo delle coperture d'uso della fronte di taglio è di impedire la gente che è infettata con COVID-19 ma asintomatico dalla trasmissione del virus ad altri. Ma mentre la prova indica che le coperture della fronte di taglio diminuiscono generalmente la diffusione delle particelle sospese nell'aria, ci sono informazioni limitate sopra come confrontano a vicenda.

Sima Asadi, un dottorando che lavora con il professor William Ristenpart nel dipartimento di Uc Davis di ingegneria chimica e dei colleghi alla scuola di medicina di Icahn e di Uc Davis al monte Sinai, New York, esperimenti installati per misurare il flusso delle particelle dai volontari che indossano le maschere mentre hanno eseguito “le attività espiratorie„ compreso la respirazione, parlanti, tossenti e muoventi la loro mascella come se gomma da masticare.

Asadi e Ristenpart precedentemente hanno studiato come la gente emette le piccole particelle, o aerosol, durante il discorso. Queste particelle sono abbastanza piccole fluttuare attraverso l'aria sopra una considerevole distanza, ma abbastanza grande portare i virus quali influenza o il coronavirus. Hanno trovato che una frazione della gente è “superemitters„ chi emanano molte altre particelle che la media.

I 10 volontari si sono seduti davanti ad un imbuto in un gabinetto di flusso laminare. L'imbuto ha ricavato l'aria davanti alle loro fronti di taglio in un'unità che ha misurato la dimensione ed il numero delle particelle ha esalato. Non hanno indossato o maschera, una maschera chirurgica del medico-grado, due tipi di maschere N95 (scaricate o non), una maschera di carta casalinga o uno casalingo o maschera del panno del due-livello fatta da una maglietta del cotone secondo le direzioni di CDC.

Fino a 90 per cento delle particelle bloccate

Le prove hanno misurato soltanto la trasmissione esterna -- se le maschere potrebbero bloccare una persona infettata dall'emanazione delle particelle che potrebbero portare i virus.

Senza una maschera, parlante (che legge un passaggio di testo) ha emanato circa 10 volte più particelle che la respirazione semplice. La tosse forzata ha prodotto una quantità variabile di particelle. Uno dei volontari nello studio era un superemitter che ha prodotto coerente quasi 100 volte altrettante particelle come gli altri quando tossisce.

In tutti gli scenari della prova, chirurgico e nelle maschere N95 bloccate fino a 90 per cento delle particelle, confrontati a non indossare una maschera. Affronti le coperture egualmente ha diminuito le particelle sospese nell'aria dal superemitter.

Le maschere casalinghe del cotone realmente hanno prodotto più particelle che non indossando una maschera. Queste sono sembrato essere fibre minuscole rilasciate dal fabbricato. Poiché il cotone maschera le particelle prodotte stesse, è difficile da dire se egualmente bloccassero le particelle esalate. Sono sembrato diminuire almeno il numero di più grandi particelle.

I risultati confermano che le maschere e le coperture della fronte di taglio sono efficaci nella diminuzione della diffusione delle particelle sospese nell'aria, Ristenpart hanno detto ed anche l'importanza regolarmente di lavare le maschere del panno.

Source:
Journal reference:

Asadi, S., et al. (2020) Efficacy of masks and face coverings in controlling outward aerosol particle emission from expiratory activities. Scientific Reports. doi.org/10.1038/s41598-020-72798-7.