Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le critiche dei modelli COVID-19 sembrano insidiare la fiducia pubblica nella scienza

Le critiche dei modelli COVID-19 dalle elite Democratic nel maggio 2020 sono sembrato insidiare gli aiuti pubblici per l'uso dei modelli - e fiducia nella scienza più largamente - secondo una serie di esperimenti di indagine eseguiti con la partecipazione di più di 6.000 Americani.

Tuttavia, se le elite repubblicane hanno criticato o supportato i modelli sono sembrato avere scarso effetto. Sara Kreps e David Kriner suggeriscono che la mancanza di risposta a messaggio repubblicano potrebbe essere dovuto il messaggio spaccato del partito da su orientamento sostenuto da scienza per questa emissione.

Quando Democratici hanno criticato i modelli COVID-19, tuttavia, ha contraddetto forte le aspettative del pubblico.

Il fatto è che indipendentemente da fatto che la comunicazione della scienza dei leader politici ondeggia la gente, hanno un obbligo etico di trattare con attenzione la scienza, riconoscendo l'incertezza mentre asserendo che stiamo aggiornando costantemente con le nuovi comprensioni e dati circa il virus.„

Sara Kreps, autore principale di studio

Poiché i modelli sono sviluppati sulle astrazioni e sui dati incompleti che li fanno inerentemente incerti e la ricerca sul coronavirus novello è ancora nella sua infanzia, i modelli che predicono la diffusione dei virus a volte sono stati inesatti.

È rimanere poco chiara come le comunicazioni in competizione circa incertezza nei modelli COVID-19 pregiudicano gli aiuti pubblici per e si fidano di della scienza.

Per capire meglio gli effetti delle comunicazioni di scienza nel contesto della pandemia, Kreps e Kriner hanno sviluppato cinque esperimenti di indagine e li hanno usati per valutare l'opinione pubblica mobile verso i riferimenti ai modelli COVID-19 da Democratici e dai repubblicani prominenti.

Le indagini sono state destinate per verificare le risposte sia al datore di indicazione (il Democratico o al repubblicano) che a se incertezza di modello trascurata, riconosciuta, evidenziata, o weaponized della sua istruzione.

Sulla base dei loro risultati, Kreps suggerisce che gli scienziati dovrebbero evitare sottolineare le implicazioni terribili connesse con i modelli epidemiologici mentre schivare l'incertezza complessivamente, poiché questo approccio potrebbe fallire se le proiezioni provano sbagliato.

“Invece, dovrebbero riconoscerlo che i modelli sono semplificazioni della realtà e del nostro migliore preventivo basati su molte parti mobili,„ dicono. “I politici possono contribuire a trasportare al pubblico che cosa conosciamo e che cosa ancora non conosciamo circa il virus e sottolineano la necessità di adattare le polizze in risposta a nuove informazioni,„ Kriner aggiunge.

Source:
Journal reference:

Kreps, S, E & Kriner, D, L. (2020) Model uncertainty, political contestation, and public trust in science: Evidence from the COVID-19 pandemic. Science Advances. doi.org/10.1126/sciadv.abd4563.