Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rivela le differenze nei ricoveri ospedalieri non-COVID-19 durante il periodo di rimbalzo

Mentre i declini nei ricoveri ospedalieri degli Stati Uniti durante l'inizio di COVID-19 è stato ben documentati, piccolo è conosciuto circa come le ammissioni durante il rimbalzo hanno variato dall'età, dalla copertura di assicurazione e dai gruppi socioeconomici.

Il declino nelle ammissioni non-COVID-19 era simile attraverso tutti i sottogruppi demografici ma il rimbalzo parziale che ha seguito indica che le ammissioni non-COVID-19 per i residenti dalle vicinanze ispane erano significativamente più basse di per altri gruppi.

I risultati sono riferiti in un nuovo studio negli affari di salubrità (rilasciati come una via accelerata davanti all'articolo della stampa) condotti da un gruppo di ricerca dai medici sani, dall'istituto universitario di Dartmouth e dall'istituto di Dartmouth per criterio di integrità e dalla pratica clinica alla scuola di medicina di Geisel a Dartmouth.

Il nostro studio indica che i pazienti dalle vicinanze ispane non hanno avuti lo stesso rimbalzo nelle ammissioni non-COVID-19 di altri gruppi, che indichi un'emissione molto più vasta di accesso e di azione ordinaria di sanità per i pazienti di minoranza e più a basso reddito.„

Jonathan Skinner, studia l'autore ed economista senior di salubrità, il professor, istituto di Dartmouth per criterio di integrità e pratica clinica, scuola di medicina di Geisel

Skinner è egualmente il professore di James O. Freedman Presidential nell'economia a Dartmouth.

Di conseguenza, queste barriere possono contribuire agli più alti tassi di mortalità in ospedale ad aprile per questo gruppo che per altri,„ ha aggiunto.

Lo studio ha attinto i dati da 1 milione ricoveri ospedalieri (dai dati amministrativi dell'ospedale e dalle registrazioni elettroniche di fatturazione e mediche) dai medici sani, un grande gruppo medico nazionalmente distribuito con gli ospedali in tutto gli Stati Uniti. I dati sono venuto da 201 ospedale in 36 stati, compreso le aree hanno sbattuto con violenza nella fase iniziale dalla pandemia, compreso il Washington, Mich., l'Ohio e la maggior area metropolitana di New York.

Il gruppo di ricerca ha esaminato le ammissioni non-COVID-19 per le 20 condizioni mediche acute principali, da febbraio fino all'inizio di luglio. Hanno trovato che le ammissioni non-COVID-19 sono caduto a marzo ed hanno raggiunto il suo punto più basso ad aprile. Il rimbalzo ha stabilizzato a giugno /July, che era quando c'era una rinascita dei casi COVID-19 in alcune regioni.

I risultati dello studio riferisce quanto segue:

  • Da febbraio all'aprile 2020, i declini nelle ammissioni non-COVID-19 erano simili attraverso tutti i sottogruppi demografici che superano 20 per cento per tutte le diagnosi primarie di ammissione.                           
  • Il punto più basso nelle ammissioni non-COVID-19 era ad aprile durante il cui il declino globale era 43 per cento.                                                                                                                                                   
  • Da ora alla fine di giugno/all'inizio del luglio 2020, ammissioni non-COVID-19 aveva fatto soltanto un rimbalzo parziale a 16 per cento sotto il volume pre-pandemico del riferimento. (I dati aggiornati suggeriscono questo rimbalzo parziale continuato con l'estate.)                                                                                                             
  • Durante periodo del rimbalzo luglio/di giugno, le ammissioni non-COVID-19 erano sostanzialmente più basse per i pazienti dalle vicinanze del parte-Latino-americano (32 per cento sotto il riferimento) e rimanente bene sotto il riferimento per i pazienti con polmonite (44 per cento sotto il riferimento), la malattia polmonare ostruttiva cronica/l'asma (40 per cento sotto il riferimento), la sepsi (25 per cento sotto il riferimento), l'infezione di apparato urinario (24 per cento sotto il riferimento) e l'infarto miocardico di St-elevazione acuta/l'attacco di cuore (22 per cento sotto il riferimento).

Queste malattie particolari sono riferite nei risultati, come queste erano le circostanze acute per cui i declini erano il più alto. La maggior parte delle vicinanze del parte-Latino-americano in questo gruppo di dati sono state situate nel sud-ovest e verso sud-- La California, l'Arizona, il Texas e Fla.

Il gruppo di ricerca specula che i declini nelle ammissioni mediche possono essere dovuti in parte ad un timore di contratto del COVID-19 da entrambi i medici e pazienti, maggior uso di telemedicina e possibilmente abbassano i velociti di trasmissione delle malattie non-COVID-19 dopo gli ordini casalinghi.

Source:
Journal reference:

Birkmeyer, J. D., et al. (2020) The Impact Of The COVID-19 Pandemic On Hospital Admissions In The United States. Health Affairs. doi.org/10.1377/hlthaff.2020.00980.