Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sostanza solubile recombinante umana ACE2 utilizzata con successo in un paziente con COVID-19 severo

Un gruppo di ricerca multinazionale recentemente ha pubblicato un documento nella medicina respiratoria della lancetta del giornale che descrive il primo paziente con un modulo severo della malattia di coronavirus (COVID-19) che è stata trattata con successo con la sostanza solubile recombinante umana ACE2.

Una diffusione pandemica del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo è responsabile di quasi un milione di morti dovuto COVID-19. Di conseguenza, le visioni importanti della patofisiologia virale possono facilitare la ricerca per un'efficace opzione del trattamento e del vaccino.

Che cosa già conosciamo è che l'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2) è il ricevitore cruciale per SARS-CoV-2 che permette all'entrata virale nella cella. Tuttavia, questo enzima egualmente protegge una miriade dei tessuti differenti nel corpo umano dalla lesione (che include i polmoni) - soprattutto fungendo da regolatore del sistema renina-angiotensina.

Virus SARS-CoV-2 che lega ai ricevitori ACE2 su una cellula umana, la fase iniziale dell
Virus SARS-CoV-2 che lega ai ricevitori ACE2 su una cellula umana, la fase iniziale dell'infezione COVID-19. Credito dell'illustrazione: Kateryna Kon/Shutterstock

I ricercatori hanno indicato che ACE2 è il ricevitore cruciale in vivo per il virus originale di SAR e spiega perché sia SAR-CoV che SARS-CoV-2 si sono trasformati in in virus altamente patogeni poiché il downregulation di ACE2 via l'associazione del virus interrompe l'omeostasi del tessuto del sistema renina-angiotensina. Naturalmente, ACE2 si è trasformato nel fuoco principale della ricerca COVID-19 ed in molti sforzi di sviluppo della droga.

Un composto recombinante di promessa

Fra i composti novelli corrente in sviluppo è la sostanza solubile recombinante umana ACE2 (abbreviato come hrsACE2), che esibisce due meccanismi di atto che dovrebbero essere del vantaggio contro COVID-19. Quello primo comprende legare la glicoproteina virale della punta e, a sua volta, neutralizzare SARS-CoV-2.

D'altra parte, il secondo meccanismo mira a minimizzare la lesione agli organi multipli - compreso i polmoni, i reni ed il cuore - a causa del hyperactivation inesorabile del sistema renina-angiotensina e della concentrazione aumentata nell'angiotensina II.

Finora, hrsACE2 è stato provato in 89 pazienti (volontari sani o quelli con la sindrome di emergenza respiratoria acuta), rivelanti un buon profilo di sicurezza. Inoltre, hrsACE2 può fare diminuire il caricamento SARS-CoV-2 da un fattore di 1000-5000 negli esperimenti della coltura cellulare e nei organoids costruiti, che direttamente dimostra che ACE2 può efficacemente neutralizzare il virus.

Uso pietoso di hrsACE2

Un gruppo di ricerca piombo dal Dott. Alexander Zoufaly dalla Ospedale-Clinica Favoriten di Kaiser-Franz-Josef a Vienna (Austria) ha descritto un caso di una donna di 45 anni che è stata ammessa all'ospedale con una cronologia di sette giorni della tosse, della febbre, della debolezza, dei dolori di muscolo e delle difficoltà che respirano come pure una cronologia di quattro giorni di diarrea e della nausea.

La diagnosi dell'infezione SARS-CoV-2 è stata fatta da un tampone rinofaringeo usando RT-PCR, che ha provocato il trattamento con idrossiclorochina ed anticoagulazione con il nadroparin. Ciò nonostante, lo stato clinico del paziente non è migliorato; al contrario, è stata esaurita ed avuto bisogno di più ossigeno sulla cannula nasale.

I nove giorni dopo l'inizio di sintomo, il trattamento con l'infusione endovenosa hrsACE2 per cinque minuti al giorno è stato introdotto due volte. Questo trattamento pietoso di uso è stato iniziato dopo le consultazioni fra i medici di partecipazione, la famiglia del paziente come pure gli esperti esterni nella malattia infettiva.

Ed i risultati erano sorprendenti; dopo la prima iniezione di hrsACE2, una profonda riduzione di angiotensina II è stata osservata. Ciò è stata seguita dalla riduzione dei livelli infiammatori di citochina che sono critici per patologia COVID-19 come pure dei livelli C-reattivi e del ferritina della proteina.

Le concentrazioni nell'angiotensina II hanno ritornato alle concentrazioni prima del trattamento in 48 ore dopo cessazione del trattamento, che è in conformità con i dati precedenti su emivita hrsACE2 in esseri umani. Considerevolmente, questo trattamento pietoso di uso è stato iniziato in una fase recente della malattia, con i parametri infiammatori elevati e la funzione respiratoria contrassegnato deteriorata.

Eliminazione virale rapida

Nonostante le limitazioni di questo rapporto, i dati dimostrano chiaramente che il virus è scomparso rapidamente dal siero e dalla cavità nasale e dai polmoni (anche se in un secondo momento dopo il trattamento hrsACE2). Se questa diminuzione virale del caricamento rispecchia l'effetto del trattamento hrsACE2 o appena il corso naturale della malattia rimane infondato.

D'importanza, l'uso di hrsACE2 non ha impedito la generazione di anticorpi di neutralizzazione. Lo stesso è stato osservato con un paziente che ha ricevuto rapido hrsACE2 per il soltanto un giorno - cioè, caricamenti virali inosservabili nel siero e nella generazione di anticorpi antivirali di IgA e di IgG.

Per concludere, considerando come SARS-CoV-2 può direttamente infettare i vasi sanguigni, la consegna endovenosa di hrsACE2 può avere un effetto importante sulla fermata della diffusione sistematica del virus dal polmone ad altri organi. Ulteriore ricerca è necessaria valutare il potenziale del trattamento completo di questo composto.

Journal reference:
Dr. Tomislav Meštrović

Written by

Dr. Tomislav Meštrović

Dr. Tomislav Meštrović is a medical doctor (MD) with a Ph.D. in biomedical and health sciences, specialist in the field of clinical microbiology, and an Assistant Professor at Croatia's youngest university - University North. In addition to his interest in clinical, research and lecturing activities, his immense passion for medical writing and scientific communication goes back to his student days. He enjoys contributing back to the community. In his spare time, Tomislav is a movie buff and an avid traveler.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Meštrović, Tomislav. (2020, September 27). Sostanza solubile recombinante umana ACE2 utilizzata con successo in un paziente con COVID-19 severo. News-Medical. Retrieved on November 25, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20200927/Human-recombinant-soluble-ACE2-successfully-used-in-a-patient-with-severe-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Meštrović, Tomislav. "Sostanza solubile recombinante umana ACE2 utilizzata con successo in un paziente con COVID-19 severo". News-Medical. 25 November 2020. <https://www.news-medical.net/news/20200927/Human-recombinant-soluble-ACE2-successfully-used-in-a-patient-with-severe-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Meštrović, Tomislav. "Sostanza solubile recombinante umana ACE2 utilizzata con successo in un paziente con COVID-19 severo". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200927/Human-recombinant-soluble-ACE2-successfully-used-in-a-patient-with-severe-COVID-19.aspx. (accessed November 25, 2020).

  • Harvard

    Meštrović, Tomislav. 2020. Sostanza solubile recombinante umana ACE2 utilizzata con successo in un paziente con COVID-19 severo. News-Medical, viewed 25 November 2020, https://www.news-medical.net/news/20200927/Human-recombinant-soluble-ACE2-successfully-used-in-a-patient-with-severe-COVID-19.aspx.