Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Fattori di rischio per mortalità fra i pazienti ospedalizzati con COVID-19

La pandemia corrente COVID-19 ha causato quasi milione morti nei nove mesi dall'agente causativo, il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, in primo luogo è stata riconosciuta. Il numero alto delle morti è dovuto i fattori multipli, compreso la severità della malattia, della mancanza di efficaci antivirals efficacemente ricambiare l'infezione, dei rifornimenti medici limitati e del carico in modo schiacciante sulle risorse di sanità in alcuni paesi. Un nuovo studio dagli scienziati alla società di biotecnologia Genentech, Inc. e pubblicato sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare nel settembre 2020 tenta di identificare i fattori che possono modellare il rischio per la morte nella malattia COVID-19.

Rapporti di probabilità di mortalità dalla regressione logistica a più variabili completa. Le barre di errore rappresentano i livelli di fiducia di 95%. i rapporti di probabilità dell
Rapporti di probabilità di mortalità dalla regressione logistica a più variabili completa. Le barre di errore rappresentano i livelli di fiducia di 95%. i rapporti di probabilità dell'Interquartile-intervallo sono usati per i preannunciatori continui (quartile superiore: primo quartile). I gruppi di riferimento per i preannunciatori categorici sono come segue: corsa/origine etnica = “bianco del non Latino-americano„, divisione = “Pacifico„, sesso = “maschio„, fumante = “mai fumatore„.

Individuazione dei preannunciatori giusti

Parecchi studi prognostici già sono stati pubblicati, ma gli esami mostrano una forte probabilità di tendenziosità nella maggior parte di loro dovuto i fattori multipli. Lo studio corrente mira a valutare la prognosi dei pazienti ospedalizzati riguardo alla mortalità da solo, facendo uso di grande gruppo oltre di 13.000 pazienti da tutte le zone degli Stati Uniti. I dati sono stati recuperati da un database elettronico (EHR) della cartella medica.

L'età paziente mediana era di 62 anni, con una maggioranza dei bianchi del non Latino-americano a 56%. C'era un numero quasi uguale dei maschi e delle femmine. Quasi 60% ha avuto ipertensione, un terzo ha avuto diabete, sopra un quarto ha avuto affezione polmonare cronica e un quinto ha avuto problemi del rene. Circa un terzo e una metà erano di peso eccessivo ed obeso, rispettivamente.

Circa un quarto ha avuto saturazione bassa dell'ossigeno all'ammissione. La frequenza cardiaca era più alta all'ammissione, come era il ritmo respiratorio, ma non alla temperatura o al BMI. Gli indicatori infiammatori sono stati sollevati significativamente in non superstiti all'ammissione.

I pazienti con un risultato letale erano più spesso maschii, 57% contro 51% e più vecchio, con un'età media di 77 anni contro 59 anni per i superstiti. Erano egualmente probabili avere malattie più di fondo, con un quarto che soffre dalla demenza, dall'ipertensione, dal diabete e dalla malattia renale.

Quattro preannunciatori significativi di mortalità

Facendo uso di questi dati per preparare l'algoritmo, è stato trovato che l'età ha predetto molto significativamente le probabilità della morte, alle più alte probabilità sestuplo della morte a 75 anni confrontati a 49 anni. Altri fattori di rischio significativi hanno compreso la presenza di cancro avanzato, affezione epatica all'infuori dei gradi leggeri, hemiplegia o paraplegia e demenza.

Mortalità in diminuzione con tempo dall'inizio della pandemia.

Gli indicatori del laboratorio quali l'amminotransferasi superiore dell'aspartato (AST), troponina, proteina C-Reattiva (CRP) e conteggi di globulo (WBC) bianchi come pure deidrogenasi del lattato e della creatinina (LDH), erano tutti collegati ad un elevato rischio della morte, con la trompocitopenia.

Le funzioni vitali all'ammissione, vale a dire, saturazione bassa dell'ossigeno, alta frequenza cardiaca e respiratoria, temperatura elevata ed alto BMI, sono state trovate per essere associate con un elevato rischio della morte.

Queste non sono sempre relazioni non lineari, poiché il rischio di morte è più alto con sia il più alta che temperatura più insufficiente come pure la pressione sanguigna sistolica. Inoltre, la saturazione più bassa dell'ossigeno è strettamente connessa all'più alta mortalità, ma soltanto ai livelli inferiore a 95%.

L'importanza dell'età

Quando i ricercatori hanno allineato i fattori di rischio dall'importanza, hanno trovato che l'età era il preannunciatore più importante di gran lunga, seguito dal laboratorio risulta (numero compreso dei respiri per minuto, temperatura, saturazione dell'ossigeno, frequenza cardiaca, conteggi di globulo bianco e livelli di LDH) ed indicatori vitali. Sorprendente, questi erano indicatori più importanti della mortalità che la presenza di comorbidities. Egualmente hanno identificato il tempo del calendario di essere un preannunciatore significativo della mortalità in COVID-19.

L'età esponenzialmente aumenta il rischio di morte, con il pendio che diventa mai più ripido mentre l'età aumenta. Per esempio, nel marzo 2020, il rischio di morte per un 70enne e un paziente di 80 anni che l'ospedalizzazione richiesta era 24% e 34%, rispettivamente - ma di soltanto 2% per un paziente di 18 anni. Da ora a maggio, tuttavia, l'80enni ha avuto una mortalità di circa 20%, mostrante l'effetto premonitore di tempo del calendario.

Il forte effetto dell'età potrebbe essere perché non solo si collega ai comorbidities che sono quotati nel modello ma anche ad altri che potessero causare un risultato peggiore. Di nuovo, l'età d'avanzamento è conosciuta per essere un preannunciatore della funzione immune in diminuzione, piombo alla persistenza virale aumentata, o ad una risposta immunitaria incontrollata che può causare le funzionalità cliniche severe in COVID-19.

Confronto con altri modelli

Un esame più iniziale di 50 modelli attuali che hanno offerto una previsione prognostica ha indicato che la maggior parte erano più piccoli nella dimensione di gruppo di dati e di più sono stati limitati nella portata geografica, con una maggioranza che è cinese. Lo studio corrente ha aumentato la potenza individuare i fattori di rischio significativi e permette un'interpretazione pronta di vari parametri.

Fra tutti i parametri, dicono, “l'età è quasi prognostica quanto tutte le altre informazioni su demografico e su comorbidities.„

Quando il laboratorio risulta e le funzioni vitali sono incluse, il punteggio premonitore aumenta ancora più. Ciò traccia una differenza da uno studio più iniziale. Le funzioni vitali più premonirici erano saturazione dell'ossigeno, ritmo respiratorio e la temperatura, che è d'accordo con altra studia sul rischio della mortalità. BMI egualmente è stato trovato per associarsi con il più alta mortalità.

La relazione positiva fra il più alta mortalità e gli indicatori gradisce la troponina I, LDH ed il conteggio delle piastrine basso già è stato riferito da altri autori. Considerando che i primi due possono riflettere i gravi danni del microvasculature, con danneggiamento risultante del cuore e di altri organi di estremità, la trompocitopenia potrebbe essere il seguito di danno della piastrina come conseguenza di grande e dei micro-grumi. Questi sono conosciuti per accadere in pazienti COVID-19, sia a causa di che peggiorando la disfunzione microvascolare.  

Il conteggio del neutrofilo è egualmente un forte preannunciatore, secondo le indicazioni di lavoro più in anticipo, ma non ferritina. Lo studio egualmente suggerisce che la presenza di malattie di fondo possa riflettere un elevato rischio dell'ospedalizzazione che la mortalità in pazienti ospedalizzati, di per sé. Le discrepanze in questa area possono essere più evidenti di reale, gli autori suggeriscono, particolarmente poiché tutti i pazienti con la malattia seria non muoiono.

Implicazioni ed orientamenti futuri

I ricercatori dicono che hanno sviluppato un modello rigoroso che ha fornito i risultati che potrebbero essere capiti dai clinici ed erano clinicamente accurati. L'uso dei parametri multipli e di grande gruppo aggiunge l'utilità clinica al modello premonitore era.

Mentre un modello solo età era utile, indicando il grande valore predittivo di questo singolo parametro, uno con i dettagli più demografici ed uno con sia i dettagli di comorbidity che demografici non hanno aggiunto più accuratezza alla previsione. Tuttavia, l'aggiunta dei dati del laboratorio e le funzioni vitali avanzano hanno amplificato il valore prognostico, per rendere un modello che “può essere utile da valutare la prognosi dei pazienti ospedalizzati,„ in attesa di ulteriore convalida.

Ciò potrebbe contribuire a decidere quali pazienti hanno bisogno rapido della cura specializzata o dare la priorità ai gruppi della popolazione per la vaccinazione. Potrebbe anche contribuire auto-ad identificare i fattori di rischio per COVID-19 ed a valutare la prognosi in persone infettate. Per concludere, può contribuire a classificare i pazienti per partecipazione ai test clinici come pure gli studi d'osservazione, contribuire a standardizzare i dati per efficacia studia.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2020, September 27). Fattori di rischio per mortalità fra i pazienti ospedalizzati con COVID-19. News-Medical. Retrieved on May 14, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20200927/Risk-factors-for-mortality-among-hospitalized-patients-with-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Fattori di rischio per mortalità fra i pazienti ospedalizzati con COVID-19". News-Medical. 14 May 2021. <https://www.news-medical.net/news/20200927/Risk-factors-for-mortality-among-hospitalized-patients-with-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Fattori di rischio per mortalità fra i pazienti ospedalizzati con COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20200927/Risk-factors-for-mortality-among-hospitalized-patients-with-COVID-19.aspx. (accessed May 14, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2020. Fattori di rischio per mortalità fra i pazienti ospedalizzati con COVID-19. News-Medical, viewed 14 May 2021, https://www.news-medical.net/news/20200927/Risk-factors-for-mortality-among-hospitalized-patients-with-COVID-19.aspx.