Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio rivela gli impatti di COVID-19 sui feti

Che cosa sono i rischi ad un feto se una donna contratta COVID-19 mentre incinta e come può medici identificare quali gravidanze sono al maggior rischio di risultati avversi se una madre incinta verifica il positivo?

Un nuovo studio su 388 gravidanze in 22 paesi differenti - il più grande studio delle madri incinte con COVID-19 pubblicato fin qui - fornisce alcune risposte a queste domande. I risultati sono pubblicati in un articolo, “fattori di rischio connessi con i risultati fetali avversi nelle gravidanze influenzate da Coronavirus,„ pubblicato in Journal di De Gruyter di medicina perinatale.

In uno studio precedente su questo gruppo di donne, i ricercatori hanno trovato che i livelli della mortalità materna erano relativamente bassi ma alcune donne hanno avvertito la malattia seria, con l'ammissione di richiesta di circa 11% ad un'unità di cure intensive e l'intubazione di richiesta 6,4%. Questo nuovo studio ha messo a fuoco sui loro feti e sui fattori che pregiudicano i loro risultati.

I risultati avversi osservati durante lo studio hanno compreso l'aborto, il feto nato morto o la morte nei primi 28 giorni dopo la nascita. La tariffa di mortalità infantile fra le gravidanze era circa 4%, pricipalmente relativo alle nascite premature. Tuttavia, alcune tendenze sono emerso come fattori di rischio per i risultati avversi.

L'incidenza dei risultati fetali difficili era significativamente più alta quando l'infezione COVID-19 si è presentata nei primi 3 mesi della gravidanza. Ciò era egualmente vera per i bambini con peso alla nascita più basso e quando le madri erano così malate che hanno richiesto il trattamento dell'ossigeno.„

Dott. Cihat Șen, ricercatore addetto allo studio

In maniera sconvolgente, sebbene tutte le donne nello studio abbiano COVID-19, solo un bambino nello studio ha verificato il positivo a malattia e, riconoscente, era asintomatico, suggerente che la trasmissione dalla madre al bambino sia molto rara.

“Questi risultati potrebbero concedere a medici più giustamente al sarto il trattamento delle donne incinte con COVID-19 aiutandoli per identificare i fattori di rischio che potrebbero aumentare le probabilità di un risultato avverso,„ hanno detto Șen.

I risultati dello studio corrente indicano che quello minimizzare il rischio di infezione durante la gravidanza iniziale può essere particolarmente importante nel fare diminuire le probabilità di un risultato avverso. Similmente, medici dovrebbero studiare la possibilità molto attentamente di riflettere i bambini con basso peso alla nascita e quelli di cui le madri hanno richiesto la ventilazione mentre per quanto il loro rischio di risultato avverso sembri incinto essere più alto.

Source:
Journal reference:

Di Mascio, D., et al. (2020) Risk factors associated with adverse fetal outcomes in pregnancies affected by Coronavirus disease 2019 (COVID-19): a secondary analysis of the WAPM study on COVID-19. Journal of Perinatal Medicine. doi.org/10.1515/jpm-2020-0355.