Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo stimolo del midollo spinale migliora i sintomi del motore e di dolore nella malattia del Parkinson

Un gruppo dei ricercatori negli Stati Uniti e nel Giappone riferisce che lo stimolo del midollo spinale (SCS) misurabile ha fatto diminuire il dolore ed ha diminuito i sintomi del motore della malattia del Parkinson, sia come terapia singolare che come “terapia di salvataggio„ dopo che le terapie profonde di stimolo (DBS) del cervello erano inefficaci.

Scrivendo nell'emissione del 28 settembre 2020 della medicina di Bioelectronic, primo Krishnan Chakravarthy autore, MD, PhD, assistente universitario di anestesiologia alla scuola di medicina di San Diego dell'università di California e colleghi ha reclutato 15 pazienti con la malattia del Parkinson, un disordine neurodegenerative che è caratterizzato comunemente dai sintomi fisici, quali i tremiti e la difficoltà progressiva che camminano e che parlano ed i sintomi del non motore, quali dolore e cambiamenti mentali o comportamentistici.

L'età media dei pazienti era 74, con una durata media di malattia di 17 anni. Tutti pazienti stavano avvertendo il dolore non alleviato dai trattamenti precedenti. Otto avevano subito DBS più iniziale, un non invadente, terapia di dolore in cui le correnti elettriche sono usate per stimolare le parti specifiche del cervello. Sette pazienti avevano ricevuto precedentemente soltanto i trattamenti della droga.

I ricercatori hanno impiantato (attraverso l'interfaccia) gli elettrodi percutanei vicino alle spine dorsali dei pazienti, che poi hanno scelto uno di tre tipi di stimoli elettrici: burst continui e di accensione o burst continui di intensità variante.

A seguito di post-impianto programmato continuo di trattamento, i ricercatori hanno detto che tutti i pazienti hanno riferito il miglioramento significativo, in base al disgaggio di analogo visivo, di una misura di intensità di dolore, con una riduzione media di 59 per cento attraverso tutti i pazienti e modi di stimolo.

Settantatre per cento dei pazienti hanno mostrato il miglioramento nella passeggiata dei 10 tester, una prova che misura la velocità di camminata per valutare la mobilità e l'andatura funzionali, con un miglioramento medio di 12 per cento.

E 64 per cento dei miglioramenti sperimentati pazienti in cronometrato su e vanno prova (del RIMORCHIATORE), che misura quanto ci vuole una persona all'aumento da una presidenza, camminano tre metri, girano intorno, camminano di nuovo alla presidenza e si siedono. Il RIMORCHIATORE valuta il bilanciamento e la stabilità fisici, entrambi che stanno e nel moto. Il miglioramento medio del RIMORCHIATORE era 21 per cento.

Gli autori hanno detto i risultati suggeriscono che SCS potesse avere vantaggio terapeutico per i pazienti con Parkinson in termini di trattamento per dolore e sintomi del motore, sebbene notassero ulteriori studi è necessario determinare se la funzione di motore migliore è dovuto i cambiamenti neurologici causati da SCS o da dolore semplicemente in diminuzione.

Stiamo vedendo i dati crescenti sugli usi novelli di stimolo del midollo spinale e le forme d'onda specifiche sulle applicazioni fuori della gestione cronica di dolore, specificamente malattia del Parkinson. La facilità potenziale di accesso e di impianto degli stimolatori nel midollo spinale confrontato al cervello suggerisce che questa sia un'area molto emozionante per prospezione futura.„

Krishnan Chakravarthy, MD, PhD, specialista della gestione di dolore, assistente universitario di anestesiologia alla scuola di medicina di San Diego dell'università di California

Source:
Journal reference:

Chakravarthy, K.V., et al. (2020) Single arm prospective multicenter case series on the use of burst stimulation to improve pain and motor symptoms in Parkinson’s disease. Bioelectronic Medicine. doi.org/10.1186/s42234-020-00055-3.