Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'anticorpo migliora la sopravvivenza senza progressione in pazienti con carcinoma della prostata avanzato

Un anticorpo per la cura del carcinoma della prostata avanzato migliora la sopravvivenza senza progressione in pazienti con carcinoma della prostata metastatico e castrazione-resistente.

Ciò è l'individuazione delle analisi a lungo termine di un test clinico internazionale di fase 3, recentemente pubblicate nel giornale principale “l'urologia europea„. Lo studio ha indicato che la sopravvivenza globale era 2 - 3 volte più superiore a nel braccio del placebo.

Ipilimumab è un anticorpo monoclonale umanizzato IgG1 che è attivo contro CTLA-4. CTLA-4 è una molecola che parte di comandi del sistema immunitario giù-regolamentandolo.

Le cellule tumorali possono eludere la difesa endogena del sistema immunitario disattivandolo. Un anticorpo che mira a CTLA-4, un cosiddetto inibitore del controllo (CPI), può bloccare questa disattivazione, quindi riattivante ancora una volta il sistema immunitario. Questa risposta immunitaria riattivata può poi aiutare l'organismo a distruggere le cellule tumorali.„

Michael Krainer, oncologo, dipartimento di medicina I, MedUni Vienna/policlinico di Vienna, centro completo del Cancro

“Il gruppo di lavoro di fama internazionale dei tumori urologici„ dalla divisione piombo da Krainer è stato invitato per partecipare alla prima prova clinica globale di fase 3 dei caratteri per pollice nel carcinoma della prostata CA184-043, i risultati a lungo termine di cui ora sono stati pubblicati “l'urologia europea„, il giornale dell'urologia più influente del mondo.

La prova recente ha incluso complessivamente 799 uomini. È stata condotta globalmente: U.S.A., nel Canada, nel Sudamerica, in Australia ed i paesi europei. I pazienti sono stati ripartiti con scelta casuale in un rapporto di 1:1 per ricevere la radioterapia della metastasi dell'osso (una singola frazione di 8 GY) seguita da ipilimumab 10 mg/kg o da un placebo ogni tre settimane via fino a quattro iniezioni.

Sebbene nella prima analisi prevista, il vantaggio di sopravvivenza nel gruppo curato sia presente che non era significativo, mentre l'analisi recente indica che la sopravvivenza a lungo termine dopo 3, 4 e 5 anni è due - tre volte più su nel braccio di immunoterapia rispetto al braccio del placebo.

Ipilimumab già è conceduto una licenza a dall'Agenzia europea per i medicinali per trattare il melanoma, il cancro polmonare ed il cancro di vescica. Tuttavia, c'è ancora una mancanza di dati affidabili per approvazione per curare il carcinoma della prostata, poiché la prima analisi prevista non ha mostrato alcun vantaggio significativo di sopravvivenza.

Alla luce di nuovi risultati a lungo termine, Krainer dice: “L'immunoterapia altamente sta promettendo e può essere usata, per esempio, quando le opzioni della chemioterapia sono state esaurite o sono indesiderabili. Può anche essere conveniente iniziarla ad una fase iniziale, poiché tutto il trattamento è più efficace se c'è poco presente del cancro ed il paziente è nella buona salubrità generale. Siamo il primo gruppo in Austria per acquisire tale esperienza apprezzata ed ora stiamo tentando di comprendere l'immunoterapia nel trattamento nel contesto dei test clinici internazionali.„

Il gruppo di lavoro presto comincerà su due protocolli di studio facendo uso di immunoterapia prima di una chemioterapia che è corrente il trattamento standard per i pazienti con carcinoma della prostata castrazione-resistente.

Source:
Journal reference:

Fizazi, K., et al. (2020) Final Analysis of the Ipilimumab Versus Placebo Following Radiotherapy Phase III Trial in Postdocetaxel Metastatic Castration-resistant Prostate Cancer Identifies an Excess of Long-term Survivors. European Urology. doi.org/10.1016/j.eururo.2020.07.032.