Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La crusca d'avena dietetica può stampare in offset l'infiammazione indotta da radiazioni dell'intestino, manifestazioni di studio

Amato o odiato, l'avena umile potrebbe essere il nuovo superfood per i malati di cancro come la ricerca internazionale mostra che i ricchi di una dieta in fibra potrebbero diminuire significativamente l'infiammazione indotta da radiazioni dell'intestino.

Condotto dall'università di Gothenburg, l'università di Lund e l'università di Australia del sud, lo studio preclinico hanno trovato che la crusca d'avena dietetica può stampare in offset il danno gastrointestinale cronico causato dalla radioterapia, contraddicente le raccomandazioni cliniche di lunga data.

Il Dott. Andrea Stringer di UniSA del ricercatore dell'oncologia e della gastroenterologia dice che la ricerca fornisce le nuove comprensioni critiche per i pazienti della radiologia.

I malati di cancro si consigliano spesso di seguire una dieta limitata della fibra. Ciò è perché una dieta alta in fibra è creduta di esacerbare il rigonfiamento e la diarrea - entrambi gli effetti secondari comuni della radioterapia. Tuttavia, questo consiglio non è inequivocabilmente basato a prova, con fibra insufficiente potenzialmente che è controproduttiva e la tossicità gastrointestinale dell'esacerbazione. Il nostro studio ha confrontato gli effetti delle diete della NO--fibra e ricche di fibre, trovanti che una dieta senza fibre è realmente peggiore per gli oggetti che subiscono il trattamento della radioterapia.„

Ricercatore di Dott. Andrea Stringer, di gastroenterologia e di oncologia, UniSA

“Una dieta senza fibra genera le citochine infiammatorie che sono a lungo presenti dopo radiazione, con conseguente infiammazione aumentata dell'apparato digerente.

“Per contro, di una dieta ricca di fibra fa diminuire la presenza di citochine per diminuire l'infiammazione indotta da radiazioni, sia nel breve che nel lungo termine.„

Le emissioni intestinali che seguono la radioterapia sono problematiche per molti superstiti del cancro.

“in Europa, circa un milione di superstiti del cancro dell'pelvico-organo soffrono da salubrità intestinale compromessa dovuto i sintomi gastrointestinali indotti da radiazioni,„ il Dott. Stringer dice.

“Questo è egualmente ordinario in Australia ed intorno al mondo senza la maturazione immediata o il trattamento efficace.

“Se possiamo impedire alcuna di infiammazione derivando dalla radiazione semplicemente regolando i livelli dietetici della fibra, potremmo migliorare il lungo termine e possibilmente tutta la vita, salubrità intestinale fra i superstiti del cancro.„

Source:
Journal reference:

Patel, P., et al. (2020) Dietary Oat Bran Reduces Systemic Inflammation in Mice Subjected to Pelvic Irradiation. Nutrients. doi.org/10.3390/nu12082172.