Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga acida di riflusso ha potuto aiutare i neonati a recuperare dall'encefalopatia hypoxic-ischemica

I ricercatori in Cina hanno scoperto un modo potenziale impedire una mancanza di ossigeno o di flusso sanguigno causare la lesione cerebrale duratura nei bambini neonati. Lo studio, che sarà pubblicato il 29 settembre nel giornale di medicina sperimentale (JEM), suggerisce che quello mirare al ricevitore dell'istamina2 H con le droghe già usate per trattare il riflusso acido in infanti potrebbe aiutare i neonati a recuperare dall'encefalopatia hypoxic-ischemica (HIE), una circostanza che le influenze oltre 1 in 1.000 nati vivi e possono causare ad inabilità tutta la vita neurologiche.

HIE può svilupparsi durante la gravidanza o dalle complicazioni durante di lavoro e la consegna. I bambini prematuri egualmente hanno un ad alto rischio del disordine, in cui rotture al danno dell'offerta di sangue e dell'ossigeno la materia bianca del cervello, soprattutto composta di oligodendrocytes producenti grassa che isolano e proteggono le cellule nervose del cervello. Ciò può causare le inabilità neurologiche severe e durature, compreso paralisi cerebrale, l'epilessia ed il danno conoscitivo. I ricercatori sospettano che alcuni di questi sintomi potrebbero essere alleviati se le celle del precursore del oligodendrocyte potessero essere spinte a formare i nuovi oligodendrocytes capaci di riparazione della materia bianca persa.

“Tuttavia, molto pochi drogano gli obiettivi capaci dell'induzione della formazione del oligodendrocyte sono stati identificati,„ dice Weiwei Hu, un professore alla scuola di medicina dell'università di Zhejiang a Hangzhou e l'autore senior di nuovo studio.

Hu ed i colleghi hanno trovato che una proteina conosciuta come il ricevitore dell'istamina2 H inibisce la formazione di oligodendrocytes maturi capaci di riparazione della materia bianca del cervello dopo la lesione. I mouse che mancano del ricevitore dell'istamina2 H hanno recuperato meglio da ipossia-ischemia neonatale, rigenerante più della loro materia bianca e mostrante le abilità motorie migliori e la funzione conoscitiva.

La cimetidina ed altre droghe che mirano al ricevitore dell'istamina2 H già sono usate per trattare il riflusso acido in bambini neonati. Hu ed i colleghi hanno trovato che quello trattare i mouse con la cimetidina egualmente ha migliorato il ripristino degli animali da ipossia-ischemia. Fondamentalmente; poichè HIE spesso è diagnosticato soltanto parecchi mesi dopo la nascita; anche il trattamento in ritardo con cimetidina era efficace nella riparazione della materia bianca dei mouse.

Dato l'applicazione attuale degli stampi del ricevitore2 dell'istamina H in infanti prematuri e a termine, il nostro studio suggerisce che potrebbero anche essere un trattamento sicuro ed efficace per HIE neonatale.„

Weiwei Hu, il professor alla scuola di medicina dell'università di Zhejiang a Hangzhou

Source:
Journal reference:

Jiang, L., et al. (2020) Histamine H2 receptor negatively regulates oligodendrocyte differentiation in neonatal hypoxic-ischemic white matter injury. Journal of Experimental Medicine. doi.org/10.1084/jem.20191365.