Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La variante neandertaliana del gene si è collegata all'elevato rischio di sviluppare COVID-19 severo

Uno studio pubblicato in natura indica che un segmento di DNA che induce i loro portafili ad avere un elevato rischio fino a tre volte di sviluppare COVID-19 severo è ereditato da Neandertals. Gli studi sono stati intrapresi dai ricercatori a Karolinska Institutet e Max Planck Institute per l'antropologia evolutiva.

COVID-19 pregiudica molto più severamente qualche gente di altre. Alcune ragioni per questa - quale la vecchiaia - già sono conosciute, ma altri fattori finora sconosciuti egualmente svolgono un ruolo.

Questa estate, un grande studio internazionale ha collegato un cluster del gene sul cromosoma 3 ad un elevato rischio dell'ospedalizzazione e dell'arresto respiratorio sopra l'infezione con il virus SARS-CoV-2.

Hugo Zeberg e Svante Pääbo a Karolinska Institutet in Svezia ed il Max Planck Institute per l'antropologia evolutiva in Germania ora riferiscono che la versione del cluster del gene connesso con un elevato rischio di COVID-19 severo è molto simile alle sequenze corrispondenti del DNA di un Neandertal approssimativamente di 50,000 anni dalla Croazia ed effettivamente viene da Neandertals.

Risulta che questa variante del gene è stata ereditata dagli esseri umani moderni dal Neandertals quando hanno incrociato circa 60.000 anni fa. Oggi, la gente che ha ereditato questa variante del gene è tre volte più probabile da avere bisogno della ventilazione artificiale se sono infettate dal coronavirus novello SARS-CoV-2.„

Hugo Zeberg, Karolinska Institutet

Lo studio egualmente rivela le considerevoli differenze in come il terreno comunale questa variante genetica di rischio è nelle parti differenti del mondo. È particolarmente comune fra la gente in Asia del Sud in cui circa la metà della popolazione porti la variante Neandertal di rischio. in Europa, una in sei genti porta la variante di rischio, mentre in Africa ed East Asia è quasi inesistente.

Lo studio non fornisce spiegazione quanto a perché questa variante genetica conferisce un elevato rischio.

“Direzione che l'eredità genetica dal Neandertals ha tali conseguenze tragiche durante la pandemia corrente. Perché questo ora è imperativo sia studiato il più rapidamente possibile,„ dice Svante Pääbo, Direttore al Max Planck Institute per l'antropologia evolutiva.

Source:
Journal reference:

Zeberg, H & Pääbo, S (2020) The major genetic risk factor for severe COVID-19 is inherited from Neanderthals. Nature. doi.org/10.1038/s41586-020-2818-3.