Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Indagine sulle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive

I pazienti con malignità ematologica (PHM), anche infettata con COVID-19, sono stati studiati per le risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 mentre subivano la terapia anticancro sistematica.  Mentre nessuna correlazione ovvia è trovata fra i risultati sierologici e la diagnosi ematologica ed il trattamento, la risposta immunitaria è simile alla severità dell'infezione COVID-19 osservata nella popolazione in genere.

Studio: Risposte dell
Studio: Risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive. Credito di immagine: Studio di Borealis della corona

Secondo i rapporti del WHO, di coronavirus) la pandemia corrente COVID-19 (malattia 2019 ha causato a più di 35 milione COVID-19 i casi positivi, con oltre 1 milione morti. COVID-19 è causato da SARS-CoV-2 (coronavirus di sindrome respiratorio acuto severo 2), uno sforzo novello di coronavirus. È essenziale per capire la risposta immunitaria causata da SARS-CoV-2 in pazienti per sviluppare le strategie per le efficaci misure preventive, riuscite terapie e per aumentare la tariffa di ripristino. Le risposte immunitarie possono variare significativamente, come osservato in presenza dei comorbidities.

Le malattie di fondo, come cancro, sono un fattore di rischio alto- durante l'infezione COVID-19. I malati di cancro possono presentare le complicazioni severe dovuto la loro malignità, risposte immunitarie specifiche ed emissioni in relazione con la terapia. In un nuovo studio pubblicato sul medRxiv*, l'asina O'Nions et al. studia le risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in un gruppo dei pazienti con entrambi i malignità e COVID-19 ematologici aggressivi, all'ospedale di University College di Londra.

I pazienti con malignità ematologica (PHM) costituiscono soltanto 10% di tutti i cancri; tuttavia, la loro gestione terapeutica di fronte ad una pandemia diventa complessa. PHM sono riferiti per avere risultati severi durante l'infezione COVID-19. la Alto-mortalità egualmente è osservata, piombo ad un'esigenza dei cambiamenti nelle terapie standard. La maggior parte della prevalenza, del decorso clinico e dei risultati di COVID-19 in PHM ancora completamente non è stabilito.

Parecchie raccomandazioni sono state fatte alle terapie standard affinchè PHM indirizzino l'infezione COVID-19 ed attenuarla. Verso questo sforzo, lo studio sulle risposte immunitarie verso SARS-CoV-2 in PHM è in corso. Tuttavia, il seroprevalence e la grandezza, la cinetica e la funzionalità della risposta dell'anticorpo in PHM non sono conosciuti. In questo studio, il siero da 10 pazienti con le malignità ematologiche aggressive e COVID-19 sono stati raccolti fra aprile e maggio 2020 e sono stati provati ad anticorpi contro gli antigeni virali.

Tutti i pazienti hanno ricevuto SACT (terapia anticancro sistematica) entro 28 giorni di sviluppare l'infezione COVID-19. I sintomi COVID-19 in questi pazienti erano delicati a severo, con 2 di loro che richiedono il ITU (unita di cura intensiva) e la ventilazione meccanica. Dopo trattamento, tutti i pazienti sono stati scaricati dall'ospedale entro ~22,5 giorni della malattia. Tutti i pazienti hanno verificato il positivo a RNA SARS-CoV-2 con il metodo di PCR (reazione a catena della polimerasi), eccezione fatta per un paziente.

I campioni del siero sono stati schermati per gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 - contro l'antigene esterno della proteina della punta (s) e l'antigene della nucleoproteina (n). Due pazienti hanno esibito la negatività del siero. Il siero totale IgG era egualmente normale in ogni caso, confermante che alcuna riduzione o assenza di SARS-CoV-2 IgG non era dovuto il hypogammaglobulinemia (che indica un sistema immunitario alterato). Gli autori dimostrano che PHM può generare gli anticorpi agli antigeni SARS-CoV-2, simile ad altri pazienti COVID-19 senza malignità ematologica.

Gli autori egualmente hanno confrontato la dinamica temporale delle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2: sieroconversioni ad entrambi gli antigeni (S e N) erano simili a quelle riferite in pazienti senza malignità ematologiche, con una leggera mora.

Più ulteriormente, verificare l'attività funzionale degli anticorpi di SARS-CoV-2-specific - inibire infezione SARS-CoV-2 e neutralizzare il virus - i ricercatori hanno valutato l'attività di neutralizzazione (in vitro) dei sieri dai pazienti. Come previsto, i pazienti sieronegativi non hanno mostrato attività di neutralizzazione; tuttavia, in sei degli otto campioni pazienti sieropositivi, l'infezione virale è inibita. I due pazienti che non hanno mostrato attività di neutralizzazione hanno avuti livelli molto bassi di anti-S1 IgG, quasi nei livelli non quantificabili. Lo S1 è il dominio della proteina antigenica della punta di SARS-CoV-2. È interessante da notare, tuttavia, che altri due pazienti, malgrado i bassi livelli di anti-S1 IgG, hanno neutralizzato con successo l'infezione. Ricerca spiegano la causa di questa osservazione unica in pazienti: (i) hanno prodotto una proporzione elevata relativamente dello S1 IgG specifico con la capacità di neutralizzazione, (ii) hanno prodotto i titoli bassi di antiS1 particolarmente potente IgG, (iii) hanno prodotto gli anticorpi di neutralizzazione diretti contro altri epitopi virali, o (iv) hanno prodotto gli anticorpi di neutralizzazione non-IgG.

Inoltre, gli autori notano che i pazienti con il più forte anti-S1 IgG e risposte di neutralizzazione erano generalmente il più severamente l'Illinois. Ciò non è assoluta, tuttavia, precisano. In questo studio, gli autori riferiscono il primo studio longitudinale sulle risposte sierologiche a SARS-CoV-2 in pazienti adulti che subiscono SACT per le malignità ematologiche aggressive. La grandezza della risposta osservata dell'anticorpo correla generalmente con la severità di COVID-19, come è riferito nella popolazione in genere. Queste osservazioni hanno dovuto essere studiate in più grandi gruppi dei pazienti per trarre le conclusioni e modificare l'approccio a tali casi.

Concludono che non c'è correlazione evidente fra la risposta sierologica e la diagnosi, il tipo, o l'intensità ematologico di SACT. Il momento per sieroconversione tuttavia, è coerente più lungo in PHM. Questo studio evidenzia la complessità nell'instaurazione delle cause delle risposte variabili osservate e della necessità capire meglio la qualità delle risposte dell'anticorpo in PHM con differenti diagnosi e terapie.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Riferimenti:

 

 

Journal reference:
  • SARS-CoV-2 antibody responses in patients with aggressive haematological malignancies, Jenny O'Nions, Luke Muir, Jiexin Zheng, Chloe Rees-Spear, Annachiara Rosa, Christopher Earl, Peter Cherepanov, Rajeev Gupta, Asim Khwaja, Clare Jolly, Laura E McCoy, medRxiv 2020.09.29.20202846; doi: https://doi.org/10.1101/2020.09.29.20202846
Dr. Ramya Dwivedi

Written by

Dr. Ramya Dwivedi

Ramya has a Ph.D. in Biotechnology from the National Chemical Laboratories (CSIR-NCL), in Pune. Her work consisted of functionalizing nanoparticles with different molecules of biological interest, studying the reaction system and establishing useful applications.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dwivedi, Ramya. (2020, October 04). Indagine sulle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive. News-Medical. Retrieved on January 26, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20201004/Investigation-of-SARS-CoV-2-antibody-responses-in-patients-with-aggressive-hematological-malignancies.aspx.

  • MLA

    Dwivedi, Ramya. "Indagine sulle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive". News-Medical. 26 January 2021. <https://www.news-medical.net/news/20201004/Investigation-of-SARS-CoV-2-antibody-responses-in-patients-with-aggressive-hematological-malignancies.aspx>.

  • Chicago

    Dwivedi, Ramya. "Indagine sulle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201004/Investigation-of-SARS-CoV-2-antibody-responses-in-patients-with-aggressive-hematological-malignancies.aspx. (accessed January 26, 2021).

  • Harvard

    Dwivedi, Ramya. 2020. Indagine sulle risposte dell'anticorpo SARS-CoV-2 in pazienti con le malignità ematologiche aggressive. News-Medical, viewed 26 January 2021, https://www.news-medical.net/news/20201004/Investigation-of-SARS-CoV-2-antibody-responses-in-patients-with-aggressive-hematological-malignancies.aspx.