Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ragazzi e le ragazze che avvertono la pubertà più iniziale hanno aumentato il rischio di autolesionismo

I ragazzi e le ragazze che avvertono più presto la pubertà dei loro pari hanno un rischio aumentato di autolesionismo nell'adolescenza, di studio costituito un fondo per dall'istituto nazionale per il centro di ricerca biomedico di Bristol della ricerca di salubrità (NIHR Bristol BRC) e pubblicato nell'epidemiologia & nelle scienze psichiatriche del giornale oggi [martedì 6 ottobre] ha trovato.

Ciò è il primo studio per usare il getto adolescente della crescita - una misura obiettiva per l'inizio di pubertà perché è basato sulle cliniche della ricerca contenute misure di altezza - per esaminare la relazione fra la sincronizzazione della pubertà e l'autolesionismo. I risultati potrebbero essere usati per contribuire ad identificare i ragazzi come pure le ragazze, che sono al rischio aumentato di autolesionismo e sviluppano gli interventi iniziali per contribuire a diminuire questo rischio.

I dati d'esame da più di 5.000 persone, ricercatori hanno trovato che l'inizio più iniziale di pubertà in entrambi i ragazzi e ragazze, come misurate dall'età a velocità di altezza di punta (“il getto di crescita ") adolescente, è associato con un elevato rischio di autolesionismo all'età 16 anni. Egualmente hanno trovato una certa prova che, per le ragazze, questo aumento nel rischio persiste nell'età adulta iniziale.

È conosciuto che i giovani che avvertono la pubertà più iniziale sono all'elevato rischio dei problemi sanitari di salute mentale quale la depressione. La ricerca precedente egualmente ha indicato che le ragazze che avvertono la pubertà più iniziale sono all'elevato rischio di autolesionismo. Tuttavia, finora, la prova per se la sincronizzazione della pubertà è associata con autolesionismo in ragazzi era meno chiara. Ciò è esclusivamente perché gli studi più precedenti hanno messo a fuoco soltanto sulle ragazze, o ragazzi e ragazze non guardati. Molti studi egualmente hanno usato le misure soggettive di quando inizio di pubertà - per esempio chiedendo a giovani quando credono il loro sviluppo puberale iniziati confrontati ai loro pari - quale non potrebbe essere accurato.

Mentre i giovani si muovono con adolescenza, la loro altezza aumenta marcato relativamente su un corto periodo di tempo. La sincronizzazione del periodo massimo di cambiamento è conosciuta come loro velocità di altezza di punta: il punto temporale determinato quando la loro altezza sta aumentando alla tariffa più veloce. I ricercatori hanno calcolato l'età a velocità di altezza di punta dalle misure di altezza catturate da 5.339 partecipanti ai bambini dello studio degli anni 90 (ALSPAC) quando hanno assistito alle cliniche della ricerca durante l'infanzia e l'adolescenza. Hanno calcolato che l'età media a velocità di altezza di punta era di 13,5 anni in ragazzi e di 11,8 anni in ragazze.

Lo studio egualmente ha esaminato i questionari di auto-rapporto compilati dai partecipanti alle età 16 e 21 anno per valutare se c'erano rapporti di autolesionismo. Uno in dieci ragazzi ed in un quarto delle ragazze ha riferito il auto-danno all'età 16 anni. Dall'età di 21 anno, la percentuale di maschi che riferiscono chenuoce mai era 28 per cento e la percentuale di femmine era 35 per cento.

La ricerca ha trovato che per sia i maschi che le femmine, la percentuale di partecipanti che riferiscono l'autolesionismo era più alta fra quelle con velocità iniziale di altezza di punta e più bassa fra quelle con velocità recente di altezza di punta. Per le femmine, avvertendo la velocità di altezza di punta più in anticipo un anno è stato associato con un aumento di 15 per cento nelle probabilità di autolesionismo all'età 16 anni; per i maschi è stata associata con un aumento di 28 per cento. Mentre questi cambiamenti non possono essere causali, riflettono le grandi differenze nel rischio di evento che ora è conosciuto per essere relativamente comune.

Il nostro studio è il primo per studiare la relazione fra la sincronizzazione della pubertà e l'autolesionismo facendo uso di una misura obiettiva della sincronizzazione puberale nei ragazzi.

È provato che l'autolesionismo sta diventando più comune in giovani, in modo da è importante identificare i fattori connessi con autolesionismo in modo da possiamo fornire più presto la guida a quella gente che può essere la maggior parte al rischio. Ancora non conosciamo molto circa gli effetti psicologici di pubertà iniziale in ragazzi perché la sincronizzazione puberale maschio è così dura da misurare, in modo dai nostri risultati saranno importanti affinchè contribuire diminuiscano il rischio di autolesionismo in ragazzi come pure in ragazze.„

Elystan Roberts, ricercatore all'università di Bristol e di NIHR Bristol BRC e l'autore principale del documento

Dott. Becky Marte, ricercatore in epidemiologia nelle scienze di salubrità della popolazione all'università di facoltà di medicina di Bristol, aggiunta: “I punti seguenti saranno di identificare i meccanismi che spiegano l'associazione. Ciò potrebbe essere fattori biologici come i cambiamenti neurologici dell'ormone o dello sviluppo, o potrebbe essere fattori psicosociali come l'oppressione, l'uso della sostanza o la depressione. Una volta che abbiamo una migliore comprensione delle ragioni per le quali i rivelatori in anticipo sono più probabili ad autolesionismo, gli interventi possono essere destinati e consegnati per contribuire a diminuire il rischio di autolesionismo.„

Source:
Journal reference:

Roberts,E., et al. (2020) Pubertal timing and self-harm: a prospective cohort analysis of males and females. Epidemiology and Psychiatric Sciences. doi.org/10.1017/S2045796020000839.