Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano il profarmaco mitocondriale-mirato a per il trattamento del glioblastoma

I ricercatori metodisti di Houston hanno trovato che i mouse che harboring i tumori umani di glioblastoma nei loro cervelli notevolmente avevano migliorato la sopravvivenza e l'obesità una volta dati un profarmaco di recente sviluppato.

Questo profarmaco mitocondriale-mirato a - un composto inattivo che le cellule tumorali si metabolizzano selettivamente per produrre un droga tossico attivo anche notevolmente migliora i risultati una volta accoppiato con le terapie standard di radiazione e/o della chemioterapia.

La droga selettivamente mira e distrugge al DNA dentro i mitocondri delle cellule di glioblastoma (la fabbrica di energia della cellula tumorale) che lasciano le celle normali intatte.

In uno studio dell'8 ottobre pubblicato online in terapeutica molecolare del Cancro, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana, ricercatori ha usato un profarmaco della seconda generazione chiamato Mp-Pinta (IV) mirare alle celle micidiali dei tumori di glioblastoma, un tumore al cervello che è quasi sempre interno e non ha maturazione. La speranza di vita in esseri umani con il glioblastoma varia a partire da alcuni mesi a due anni.

Le celle umane del glioma sono state eliminate dai pazienti durante l'asportazione chirurgica e sono state isolate in 10 minuti dopo rimozione. Le celle di glioblastoma sono state iniettate nei cervelli di 48 mouse femminili per uno studio dei 300 giorni.

Il profarmaco è stato tollerato bene e, una volta dato da sè, sopravvivenza estesa da più di un fattore di tre. Tuttavia, una volta combinata con la chemioterapia e la radioterapia standard, la droga era curativa in natura, permettendo che 90% dei mouse sopravviva a, prosperi e guadagni il peso durante i 10 mesi dell'osservazione.

Questo studio ci dice che aggiungendo Mp-Pinta (IV) ad un protocollo chemoradiotherapy potrebbe rispondere ad un bisogno critico nel trattamento di glioblastoma. Ora sappiamo che Mp-Pinta (IV) è un candidato eccellente per lo sviluppo preclinico.„

David S. Baskin, M.D, FACS, FAANS, autore e Direttore corrispondente di studio, Kenneth R. Peak Center per il cervello e trattamento pituitario del tumore, dipartimento di neurochirurgia, Houston metodista

Source:
Journal reference:

Raghavan, S., et al. (2020) MP-Pt(IV): A MAOB-sensitive mitochondrial-specific prodrug for treating glioblastoma. Molecular Cancer Therapeutics. doi.org/10.1158/1535-7163.MCT-20-0420.