Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le autodiagnostiche del HIV migliorano le campagne di prova “di porta in porta„

Malgrado progresso significativo nella prevenzione e nella terapia, milioni di persone ancora ottengono infettati con il HIV ogni anno. Il carico principale del HIV/AIDS cade sull'Africa. Per contenere l'epidemia, i metodi innovatori sono necessari permettere alla diagnosi precoce del tutto quelli influenzati.

Un gruppo di ricerca di Basilea ora ha potuto migliorare significativamente il successo di grazie “di porta in porta„ di campagne di prova alle autodiagnostiche del HIV.

Nel 2019, intorno 38 milione di persone universalmente sono stati infettati con il HIV. Due terzi di quelli hanno pregiudicato vivono in Africa, pricipalmente a sud del Sahara. Per contenere l'epidemia, è essenziale che tutte le infezioni siano trattate con la terapia del antiretroviral per impedire la trasmissione del virus.

Ciò, tuttavia, richiede una diagnosi precoce. Particolarmente nelle regioni remote, che sono lontano dalle cliniche e verificano i centri, l'accesso alla HIV-prova rimane una sfida.

Studio finalizzato Lesotho

Nel Lesotho, ogni quarto adulto è infettato con il HIV. È stimato che circa 15 per cento delle infezioni nel piccolo paese montagnoso al suggerimento del sud dell'Africa rimangano inosservati e contribuiscano ad ulteriore diffusione del HIV.

Per molti abitanti del Lesotho, la clinica più vicina è la passeggiata di alcune ore o una carrozza costosa guida via. Per facilitare l'accesso ai servizi sanitari ed alla prova del HIV, i centri sanitari organizzano regolarmente le campagne “di porta in porta„ di salubrità. Gli studi hanno indicato, tuttavia, che raggiungono soltanto circa 60 per cento della popolazione del villaggio.

Un gruppo piombo da Niklaus Labhardt, professore all'università di Basilea e guida del gruppo di ricerca all'istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (svizzero TPH), ora ha sviluppato una strategia per migliorare la copertura della prova da 20 per cento.

Per la prima volta, il gruppo ha combinato a casa le visite con le autodiagnostiche del HIV. Se i paesani sono assenti durante le visite della casa, il gruppo di campagna lascia le autodiagnostiche con materiale didattico nel linguaggio locale. I Consiglieri di salubrità del villaggio, che sono stati formati nel usando e nella valutazione delle autodiagnostiche, raccolgono in seguito le autodiagnostiche.

Approccio semplice, effetto principale

Lo studio ripartito con scelta casuale su grande scala incluso oltre 150 villaggi con più di 7.000 abitanti. I risultati di questo approccio semplice parlano per se stessi: “A 81 per cento, la tariffa del test HIV nell'intera popolazione del gruppo di intervento era 20 per cento superiore a nel gruppo di controllo,„ dice il Dott. Tracy Glass del biostatistician dello svizzero TPH.

In uno sotto-studio, il gruppo di ricerca ha analizzato la strategia fra i giovani ed ha completato la ricerca con le interviste.

Le campagne di prova tradizionali del HIV non raggiungono i giovani sufficientemente, sebbene il grado di infezione sia alto, particolarmente fra le giovani donne. Nel gruppo di intervento, la auto-prova ha provocato una proporzione elevata 36 per cento dei giovani che conoscono il loro stato del HIV che nel gruppo di controllo.„

Dott. Alain Amstutz, autore di studio primo, istituto svizzero di salute pubblica e tropicale

Il numero delle morti dell'AIDS sta diminuendo dal 2010 universalmente. Allo stesso tempo, c'erano ancora 1,7 milione nuove infezioni nel 2019, metà di loro in Africa. “Particolarmente nelle zone rurali, un'alternativa alle campagne tradizionali di salubrità è necessaria raggiungere la copertura ottimale della prova. La nostra strategia è un'altra particella elementare importante a cessare l'epidemia di HIV/AIDS in Africa del Sud,„ dice prof. il Dott. Labhardt.

Lo studio è stato sviluppato in stretta collaborazione con il servizio sanitario del Lesotho e l'ONG svizzero SolidarMed. Il contributo finanziario è stato fornito dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca, dalla società dell'AIDS dell'internazionale e dal beider Basilea di Infektiologie del für di Stiftung.

Source:
Journal reference:

Amstutz, A., et al. (2020) Home-based oral self-testing for absent and declining individuals during a door-to-door HIV testing campaign in rural Lesotho (HOSENG): a cluster-randomised trial. The Lancet. doi.org/10.1016/S2352-3018(20)30233-2.