Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio offre la nuova comprensione sui meccanismi molecolari che permettono che i parassiti di malaria spargano la malattia

La nuova comprensione sui meccanismi molecolari che permettono che i parassiti di malaria si muovano e sulla malattia di diffusione all'interno dei loro host è stata pubblicata oggi nel giornale del eLife di aperto Access.

Il movimento e l'infettività del falciparum del plasmodio del parassita ed infine la sua capacità propagare la malaria tra gli esseri umani, contano su un grande complesso molecolare chiamato il glideosome.

I nuovi risultati forniscono una cianografia per la progettazione dei trattamenti antimalarici futuri che mirano sia al motore glideosome che agli elementi che lo regolamentano.

I parassiti dal genere plasmodio, compreso il falciparum del plasmodio di specie più micidiale, sono ogni anno responsabili di mezzo milione morti da malaria. Poichè questi parassiti stanno diventando resistenti alle terapie artemisinin basate correnti, ci sono sforzi significativi per sviluppare i nuovi vaccini ed i trattamenti preventivi.

“Questo è particolarmente cruciale poiché il mutamento climatico minaccia di aumentare lo sbraccio delle anofeli che le zanzare che portano i parassiti,„ dice l'autore principale Dihia Moussaoui, uno studente al curie di Institut, l'università di Sorbonne, il CNRS, Parigi, Francia di PhD. “Abbiamo voluto catturare un più profondo esaminiamo i meccanismi molecolari che permettono a questi parassiti di muoversi fra le celle dei loro host per identificare i nuovi obiettivi potenziali per gli interventi.„

La memoria del glideosome nei parassiti del plasmodio caratterizza un motore essenziale della miosina A (PfMyoA) - un obiettivo primario per le droghe correnti contro malaria. PfMyoA è una molecola critica nel ciclo di vita del parassita, parzialmente perché alimenta la motilità veloce stata necessaria per la fase del tipo di spora mobile del parassita. La molecola ha un dominio globulare conservato del motore e un braccio di leva che lega due “catene leggere„ delle molecole, di PfELC e di MTIP.

Nel loro studio, Moussaoui ed il curie di Institut team, in collaborazione con il laboratorio di Trybus all'università di Vermont, gli Stati Uniti, hanno catturato le prime strutture dei raggi x del motore integrale di PfMyoA in due stati del suo motociclo in falciparum del plasmodio.

Il loro lavoro ha rivelato che un innesco unico del braccio di leva di PfMyoA deriva dalle interazioni specifiche del dominio del braccio/motore di leva, tenendo conto un più grande powerstroke migliorare la velocità di movimento.

Il braccio di leva contiene tipicamente le sequenze aminoacidiche chiamate motivi di quoziente d'intelligenza che legano le catene leggere molecolari. In PfMyoA, sia il primo motivo di quoziente d'intelligenza che il PfELC che lega a sono così degenerati nella loro sequenza che l'esistenza di una catena leggera essenziale è stata riconosciuta soltanto negli studi recenti.

Ulteriore analisi delle strutture dei raggi x dal gruppo ha mostrato che PfELC è essenziale per l'invasione dei globuli rossi dal falciparum del plasmodio ed è un punto debole nel montaggio della a completamente - glideosome funzionale, fornendo un secondo obiettivo novello per gli antimalarico.

Le strutture descritte qui forniscono una cianografia precisa per progettare le droghe che potrebbero mirare all'attività motoria integrale dell'associazione di PfELC o di PfMyoA. Tali trattamenti diminuirebbero la funzione glideosome, ostacolante la motilità della fase contagiosa dei parassiti del plasmodio al massimo del loro ciclo di vita e quindi impedente lo sviluppo della malattia.„

Anne Houdusse, studia l'autore ed il leader della squadra senior, Curie Institute

Source:
Journal reference:

Moussaoui, D., et al. (2020) Full-length Plasmodium falciparum myosin A and essential light chain PfELC structures provide new anti-malarial targets. eLife. doi.org/10.7554/eLife.60581.