Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano una proteina novella quel DNA delle riparazioni

I ricercatori dall'università di Siviglia, in collaborazione con i colleghi dalle università di Murcia e di Marburgo (Germania) hanno identificato una nuova proteina che permette di riparare il DNA. La proteina in questione, chiamato cryptochrome, si è evoluta per acquistare questa ed altre funzioni all'interno della cella.

La radiazione ultravioletta può danneggiare il DNA, piombo alle mutazioni che interrompono la funzione delle cellule e che può permettere che le cellule tumorali si sviluppino fuori controllo. Le nostre celle hanno meccanismi di riparazione del DNA per difendersi contro questo ordinamento di danno. Uno di questi sistemi è basato su una proteina, la fotodecomposizione, che usa l'indicatore luminoso blu per riparare il danno del DNA prima che piombo alle mutazioni.

Nel corso di evoluzione, i geni per la fotodecomposizione hanno duplicato e stato specializzati, creando le nuove proteine, cryptochromes, che smerigliatrice la loro capacità di percepire l'indicatore luminoso blu ed ora di eseguire altre funzioni in celle. Per esempio, i cryptochromes usano l'indicatore luminoso blu poichè un segnale regolamentare la crescita di impianto ed il ritmo che gestisce l'attività quotidiana (il ritmo circadiano) in funghi ed in animali.

Gli autori di questo studio hanno scoperto che nei circinelloides del mucore del fungo, un agente patogeno umano, cryptochromes è la proteina responsabile della riparazione del DNA dopo l'esposizione a radiazione ultravioletta, una funzione che dovrebbe essere eseguita tramite la fotodecomposizione.

Egualmente suggeriscono che i cryptochromes in questo fungo abbiano acquistato la loro capacità di riparare il DNA durante l'evoluzione da un cryptochrome ancestrale che non poteva riparare il DNA. Questa scoperta illustra come le proteine cambiano mentre le loro funzioni si evolvono.

I risultati sono stati pubblicati in un articolo nel giornale prestigioso “biologia corrente„.

Source:
Journal reference:

Navarro, E., et al. (2020) The DASH-type Cryptochrome from the Fungus Mucor circinelloides Is a Canonical CPD-Photolyase. Current biology. doi.org/10.1016/j.cub.2020.08.051.