Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il KARITÈ rilascia l'orientamento aggiornato per i lavoratori di sanità con il HIV, epatite

Alla luce dell'a tariffa ridotta della trasmissione e degli avanzamenti nei trattamenti per epatite B, epatite virale C ed il HIV, la società per l'epidemiologia di sanità dell'America oggi ha rilasciato l'orientamento aggiornato per il personale di sanità che vive con questi agenti patogeni del bloodborne basati sull'ultima scienza disponibile. Il KARITÈ White paper, “la gestione del personale di sanità che vive con l'epatite B, l'epatite virale C, o il virus dell'immunodeficienza umana nelle istituzioni di sanità degli Stati Uniti,„ sono stati pubblicati online in controllo di infezione del giornale & epidemiologia dell'ospedale. Il KARITÈ è stato alla prima linea di questa emissione da quando il suo insieme iniziale delle raccomandazioni è stato formulato nel 1990.

L'esperienza e la prova si sono accumulate negli ultimi dieci anni, che lo hanno reso necessario rivedere l'orientamento. L'orientamento protegge la segretezza e la salubrità sia dei lavoratori che dei pazienti di sanità. Gli avanzamenti nella cura hanno diminuito il rischio per la trasmissione di queste infezioni del bloodborne, rendendola più sicura per i pazienti ed il personale di sanità. Eppure, la svista appropriata e l'addestramento rimangono fondamentali.„

David K. Henderson, MD, Presidente corrente del KARITÈ e co-presidente del comitato pluridisciplinare che ha sviluppato il Libro Bianco

Le raccomandazioni, che aggiornano la linea guida 2010 del KARITÈ, riflettono l'esperienza che sottolinea l'a basso rischio della trasmissione dal personale di sanità ai pazienti. L'orientamento aggiornato egualmente considera gli interventi che diminuiscono il rischio per le esposizioni professionali e le lesioni come pure avanza nella terapia e nei trattamenti antivirali che curano l'epatite virale C e diminuiscono fare circolare il HIV ai livelli inosservabili in quasi tutte le persone che vivono con la malattia.

Il documento chiarisce i metodi di svista per il personale di sanità che vive con il HIV o l'epatite, particolarmente quelli responsabili dell'avanzamento delle procedure esposizione-inclini. Riflette molti impianti e polizze attuali dei banchi, mentre allinea con i principi globali contenuti nelle linee guida recenti dal Canada e dall'Australia.

Source:
Journal reference:

Henderson, D.K., et al. (2020) Management of healthcare personnel living with hepatitis B, hepatitis C, or human immunodeficiency virus in US healthcare institutions. Infection Control and Hospital Epidemiology. doi.org/10.1017/ice.2020.458.