Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Il neurostimulation dei ponti con ripristino intensivo può stimolare il neuroplasticity

Uno studio scientifico recentemente pubblicato piombo dal centro per la neurologia studia a HealthTech Connex e un gruppo di ricerca dalla Simon Fraser University (SFU), riferisce le ultime innovazioni dal soldato del ferro del progetto. Captain Trevor che (pensionato) Greene, che è stato attaccato con un'ascia alla testa mentre serviva in Afghanistan, continua a spingere i limiti convenzionali nel ripristino di salubrità del cervello.

Lo studio della ricerca pubblicato nelle frontiere della neuroscienza umana piombo dal Dott. Ryan D'Arcy del neuroscenziato e comprende tenere la carreggiata il neuroplasticity di capitano Greene ed i suoi miglioramenti fisici, conoscitivi e di PTSD mentre riavvolge il suo cervello facendo uso di ultime e tecnologie del cervello più avanzate.

Capitano Greene ed il Dott. D'Arcy hanno raccontato il loro progresso notevole ed hanno montrato la loro missione per piombo le innovazioni scientifiche in neuroplasticity con una conversazione recente di TEDx

Nel 2006, capitano canadese pensionato Greene del soldato ha sopravvissuto ad un trauma cranico severo quando è stato attaccato con un'ascia alla testa, durante il suo giro di combattimento in Afghanistan. Ha passare gli anni in vari terapie e ripristino e nel 2009, ha cominciato lavorare con il Dott. D'Arcy. Nel 2015, B.C. ed il comando del Yukon della legione canadese reale ha aiutato l'attrezzatura Trevor con un esoscheletro robot, che lo ha aiutato a continuare ri-ad imparare camminare.

Il soldato chiamato del Project Iron, questa iniziativa emozionante era l'inspirazione per sviluppare il villaggio dei veterani della legione, un centro di $312M di eccellenza per PTSD, la salute mentale ed il ripristino dedicati ai veterani ed ai primi radar-risponditore (corrente in costruzione in Surrey).

Capitano Greene ed il gruppo di ricerca del soldato del ferro del progetto è continuato con ripristino quotidiano intensivo, ma il gruppo ha avvertito un plateau esteso in corso facendo uso della terapia convenzionale da solo.

All'innovazione il plateau, il centro per gli studi della neurologia ha lanciato una prova intensiva di 14 settimane facendo uso dello stimolatore portatile di neuromodulatore (o di PoNS™). Il ponte è una tecnologia di neurostimulation che invia una serie di piccoli impulsi elettrici al cervello tramite la linguetta (conosciuta come il neurostimulation multilingue) per facilitare sicuro il neuroplasticity.

Il gruppo ha tenuto la carreggiata i miglioramenti nei miglioramenti della funzione vitale del cervello facendo uso della piattaforma di NeuroCatch® (o di NeuroCatch®). NeuroCatch è una misura obiettiva rapida della funzione conoscitiva del cervello.

Quando Trevor ha avvertito un plateau nel suo ripristino, abbiamo provato gli approcci convenzionali intensivi del trattamento, ma inutilmente. Era solo dopo la combinazione nei ponti con questa terapia di ripristino che potremmo attraversare queste ultime barriere e dimostrare i miglioramenti significativi nelle sue misure della funzione vitale del cervello.„

Dott. Ryan D'Arcy, co-fondatore, HealthTech Connex ed il professor, Simon Fraser University

Risultati dello studio:

I risultati recentemente pubblicati nelle frontiere in neuroscienza umana dimostrano che il neurostimulation dei ponti, accoppiato con ripristino intensivo, può stimolare il neuroplasticity per sormontare un plateau esteso di ripristino come misurato obiettivamente da NeuroCatch e da altre tecnologie di scansione del cervello. I risultati principali erano:

Capitano Greene ha mostrato gli aumenti significativi delle misure cliniche di risultato per terapia fisica, anche dopo 14 anni poiché l'attacco dell'ascia. Capitano Greene e la sua moglie Debbie Greene egualmente ha riferito i miglioramenti notevoli e durevoli nella cognizione e nei sintomi di PTSD.

Capitano Greene ha mostrato i miglioramenti significativi della funzione vitale del cervello nella funzione conoscitiva, specialmente nella sensazione uditiva (come misurato dalla risposta N100), nell'attenzione di base (come misurato dalla risposta P300) e nel processo conoscitivo (come misurato dalla risposta N400).

Dice capitano Greene, “in primo luogo ho veduto la potenza del neuroplasticity negli inizi in cui Ryan mi ha mostrato le risonanze magnetiche del mio cervello che mostra il tessuto cerebrale sano che assume la direzione per i bit nocivi. In seguito, ho veduto la piena potenza dell'unità dei ponti quando ho ottenuto in modo dimostrabile più forte, più costante e di più coordinato dopo avere usando regolarmente per appena alcune settimane. Realmente è stata un commutatore del gioco per me e la mia famiglia.„

“Il progresso stupefacente di Trevor è senza dubbio che spinge le frontiere di scienza medica sormontando i limiti percepiti del ripristino del cervello,„ dice il Dott. Shaun Fickling, l'autore principale dello studio che ha completato il suo PhD alla Simon Fraser University.

“Questi risultati della rappresentazione di cervello forniscono la comprensione apprezzata nell'importanza di liberare la potenza del neuroplasticity ispirare la gente innumerevole incastrata dal cervello e dagli stati di salute mentale.„

Il Dott. D'Arcy conclude, “queste innovazioni della neuro-tecnologia hanno considerevoli impatti per ispirare molti noi spingere oltre i limiti convenzionali nel ripristino di salute mentale e neurologico.„

Source:
Journal reference:

Fickling, S. D., et al. (2020) Brain Vital Signs Detect Cognitive Improvements During Combined Physical Therapy and Neuromodulation in Rehabilitation From Severe Traumatic Brain Injury: A Case Report. Frontiers in Human Neuroscience. doi.org/10.3389/fnhum.2020.00347.