Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori mirano ad identificare i meccanismi di resistenza alle malattie nei pazienti di sepsi

La sepsi è stimata per causare a 11 milione morti ogni anno nel mondo. Il suo trattamento è basato sull'uso degli antibiotici e delle misure di sostegno dell'organo, ma su molte volte che viene a mancare dovuto i tentativi infruttuosi a modulare la risposta immunitaria.

La sepsi è una complicazione che si presenta da un'infezione generalizzata ed è caratterizzata da una risposta immunitaria dysregulated che comporta un ad alto rischio della morte. La sopravvivenza dell'infezione severa richiede l'attivazione dei meccanismi entrambe della resistenza.

Ciò diminuisce il numero degli agenti infettante e di resistenza alle malattie, che gestiscono il danno causato dalla risposta immunitaria e dagli agenti infettante che lo hanno avviato. Intorno un quarto dei meccanismi di tolleranza muore anche se l'agente infettante è sradicato completamente.

Il gruppo dei ricercatori piombo da Luís Ferreira Moita, ricercatore principale a Instituto Gulbenkian de Ciência (IGC), proposto per identificare i meccanismi di resistenza alle malattie che mettono a fuoco sul ruolo dei mitocondri in tali trattamenti.

La maggior parte dei organismi hanno meccanismi di difesa contro le perturbazioni di omeostasi (meccanismi fisiologici che permettono che gli organismi rispondano ai cambiamenti interni ed ambientali costanti), che sono essenziali all'inizio della risposta immunitaria. Uno dei grilletti principali si riferisce all'attivazione dei segnali di pericolo non appena strutture interne del venire a mancare di inizio delle cellule.

Queste strutture sono necessarie al funzionamento normale delle celle ed includono, tra l'altro, i mitocondri, conosciuti per il loro ruolo essenziale nel metabolismo delle cellule, vale a dire relativo a produzione di energia ed a quella ora abbia ruoli che estendono molto al di là di quello.

La ricerca sviluppata al IGC ha selezionato un gruppo di droghe mediche conosciute affinchè le loro capacità interferisca con le funzioni dell'area base.

Fra loro, è stato osservato che la doxiciclina, un antibiotico che appartiene alla famiglia delle tetracicline, conferisce un aumento nella sopravvivenza dei mouse sopra sepsi, indipendentemente dai sui effetti nel controllo del carico batterico. Gli studi precedenti hanno eseguito da altri hanno rivelato che la doxiciclina blocca il funzionamento di una parte delle celle - il ribosoma mitocondriale, che è responsabile di produzione della proteina in queste strutture cellulari.

Abbiamo scoperto che è questa inibizione di produzione della proteina nei mitocondri dell'organismo infettato che spiega l'aumento osservato nella sopravvivenza dei mouse con sepsi ed è indipendente dai beni antibatterici di questo antibiotico.„

Luís Ferreira Moita, ricercatore principale, Instituto Gulbenkian de Ciência

Per i parecchi decenni, è stato conosciuto che alcune famiglie degli antibiotici forniscono i vantaggi che vanno oltre i loro beni antibatterici importanti, ma finora rimangono non spiegate.

“I risultati abbiamo ottenuto il punto culminante che, nel caso di doxiciclina, questi vantaggi raggiungono i polmoni, in cui c'è una diminuzione nel danno delle cellule e nell'attivazione dei meccanismi della riparazione del tessuto.

Ulteriormente, nel fegato, la risposta di sforzo è attivata insieme ai cambiamenti metabolici che promuovono stati Henrique Colaço della riparazione del tessuto„, anche autore dello studio.

Source:
Journal reference:

Colaco, H. G., et al. (2020) Tetracycline Antibiotics Induce Host-Dependent Disease Tolerance to Infection. Immunity. doi.org/10.1016/j.immuni.2020.09.011.