Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le misure obiettive rivelano un'più alta prevalenza di perdita dell'odore in pazienti COVID-19

La perdita dell'odore è un sintomo frequentemente riferito di COVID-19 ma i rapporti di prevalenza variano dallo studio--studio e dall'intervallo da 5% a 98%. Con tali una vasta gamma di preventivi, è difficile da dare la priorità alla sua importanza per le prove ed il trattamento.

Ricercatori, piombo dal centro di sensi chimico di Monell, determinato in parte perché i rapporti variano così tanto. Hanno esaminato la ricerca attuale per determinare se gli studi che le misure dirette usate contro il auto-rapporto di perdita dell'odore potrebbero spiegare l'intervallo dei preventivi. Hanno trovato quello con le misure dirette, circa 77% dei pazienti COVID-19 hanno avuti perdita dell'odore contro soltanto 44% con il auto-rapporto.

Le misure dirette di abilità dell'odore comprendono avere odore dei pazienti e riferiscono sugli odoranti reali, mentre i metodi di auto-rapporto comprendono ottenere i dati attraverso i questionari pazienti, le interviste, o le cartelle mediche elettroniche. Le misure dirette sono obiettive mentre il auto-rapporto è le misure soggettive dell'esperienza di una persona.

Le misure obiettive sono un metodo più sensibile per identificare la perdita dell'odore relativa a COVID-19.„

Il McKenzie E. Hannum, PhD, primo autore, collega postdottorale a Monell

D'altra parte, misure soggettive, “mentre conveniente durante le fasi iniziali della pandemia, sottovaluti la prevalenza vera di perdita dell'odore,„ ha detto Vicente A. Ramirez, uno studente di laurea interno ad estate dell'università di California, di Merced e di Monell. DRS. Hannum e Ramirez sono entrambi i ricercatori nel laboratorio autore di Danielle senior R. Reed, PhD, direttore associato a Monell.

La loro ricerca suggerisce che le metodologie soggettive sottovalutino la prevalenza vera di perdita di odore e quella perdita dell'odore può essere un efficace metodo di vagliatura per rilevazione iniziale COVID-19. Il gruppo ha pubblicato i loro risultati nei sensi chimici, che è disponibile come documento di aperto Access.

Inoltre, il gruppo ha creato una risorsa di Web che tiene la carreggiata la pubblicazione di COVID-19 e perdita dell'odore riferisce, che è settimanale aggiornato. (Sia per favore paziente quando accedono al portale, la pagina richiede un momento al caricamento.) a metà ottobre 2020, il portale online contiene 118 studi su perdita dell'odore con vicino 44.000 e questo numero si sviluppa quotidiano.

La disparità fra la prevalenza riferita di perdita di odore nei metodi obiettivi e soggettivi richiede ulteriore esame delle conseguenze del auto-rapporto. “La gente di misurazione per perdita dell'odore può diventare sistematica quanto la temperatura corporea di misurazione per febbre„ ha detto Reed.

Coauthor Paule Joseph, PhD, un clinico agli istituti della sanità nazionali (NIH) aggiunge, “la misura dell'odore dovrebbe essere una parte di tutti gli esami clinici COVID-19 ed è uno strumento apprezzato della selezione.„

I ricercatori ancora non hanno una chiara maschera della traiettoria di perdita dell'odore di COVID-19-induced; il gruppo trovato ha variato i rapporti fra gli studi che hanno analizzato. Parecchi studi hanno riferito rapidamente i miglioramenti significativi dopo l'inizio dei sintomi. Tuttavia, altri studi hanno detto che molti pazienti ancora non avevano ritornato ad un odorato normale più di due settimane dopo l'inizio della perdita dell'odore.

Source:
Journal reference:

Hannum, M.E., et al. (2020) Objective sensory testing methods reveal a higher prevalence of olfactory loss in COVID-19–positive patients compared to subjective methods: A systematic review and meta-analysis. Chemical Senses. doi.org/10.1093/chemse/bjaa064.