Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il film plastico adesivo inattiva il coronavirus novello sul contatto

Un film plastico adesivo destinato per proteggere le superfici quali le maniglie della porta, i corrimani, i bottoni dell'elevatore ed i touch screen inattiva il coronavirus novello sul contatto.

Il produttore della pellicola è Promaflex. Ha nanoparticelle di argento e della silice costruiti nella sua struttura del polietilene, grazie alla tecnologia sviluppata da Nanox (https://en.nanox.com.br/), una società brasiliana basata su São Paulo e di supporto dalle fondamenta di ricerca di São Paulo, con la ricerca innovatrice di FAPESP nel programma di Small Business (CONDUTTURA (https://bv.fapesp.br/en/3/)).

Nelle prove effettuate all'università di istituto delle scienze biomediche di São Paulo (ICB-USP), che ha laboratori ha certificato per il Livello III (BSL-3) di sicurezza biologica, la pellicola ha provato capace di eliminazione dei 99,84% delle particelle virali dopo due minuti del contatto.

La misura governante di norma tecnica di attività antivirale su plastica e su altre superfici non porose, l'iso 21702, richiede la dimostrazione di questa capacità in quattro ore. Il film plastico con le nanoparticelle della argento-silice ha fatto finora più presto ed il suo atto virucidal è aumentato col passare del tempo.„

Junior di Lucio Freitas, ricercatore a ICB-USP

Le prove eseguite per misurare la capacità del film plastico adesivo di inattivare il coronavirus novello erano in conformità con il 21702:2019 di iso. I campioni del materiale con e senza le nanoparticelle della argento-silice sono stati tenuti in contatto diretto con SARS-CoV-2 per gli importi variabili di tempo. Dopo i periodi stipulati, le particelle virali trovate nel materiale sono state eliminate e collocato in contatto con le celle di Vero per misurare l'infezione e la replica valuti dopo l'esposizione alla pellicola. Le celle di Vero sono derivate dal rene di una scimmia africana ed ampiamente usato nelle culture microbiologiche.

Il materiale genetico virale è stato quantificato dalla PCR, mostrante una riduzione di quasi 100% nelle copie di SARS-CoV-2 dopo due minuti dell'esposizione. “Le nanoparticelle della argento-silice si aggiungono al polietilene durante la sua produzione, in modo dall'atto antimicrobico della pellicola persiste durante la sua vita lavorativa,„ ha detto il CEO Luiz Gustavo Pagotto Simões (https://bv.fapesp.br/en/pesquisador/1408/luiz-gustavo-pagotto-simoes) di Nanox.

Nanox raccomanda l'uso della pellicola per fino a tre mesi, tuttavia, dopo di che può consumare dall'eccessivo contatto.

Copertura della fronte di taglio

La pellicola adesiva è la seconda materia plastica con le nanoparticelle della argento-silice di marketing da Nanox per la protezione contro COVID-19.

In società con il giocattolaio Elka, alla la ditta basata a Paulo di São ha sviluppato una copertura riutilizzabile della fronte di taglio fatta di materia termoplastica flessibile simile a gomma e ricoperta d'additivo come strato superficiale. La maschera promette confer ad un di più alto livello della protezione contro il coronavirus novello (colto più a: agencia.fapesp.br/33085/).

All'inizio d'agosto il prodotto è stato approvato da ANVISA, l'autorità di controllo sanitario di salute pubblica del Brasile, come una maschera FFP2 per uso in dispositivi di protezione individuale (PPE).

“L'approvazione estratta società per il filtro utilizzato nella maschera conformemente a NBR 13698 [la norma tecnica brasiliana per le mezze maschere di filtrazione utilizzate come strumentazione protettiva respiratoria del tipo non motorizzato del purificatore dell'aria] e nella maschera è registrata come PPE,„ Simões ha detto.

Le nanoparticelle della argento-silice sono state usate per ricoprire il fabbricato per ritiro anti-COVID-19. Nelle prove di laboratorio, il materiale rivestito egualmente ha provato capace di inattivazione del virus dopo due minuti (colti più a: agencia.fapesp.br/33568/).

L'additivo è stato utilizzato direttamente in ritiro ed in fabbricato fatti da parecchie imprese (quali Santista, Malwee, Cedro Têxtil e Delfim Tecidos) in virtù di un accordo di licenza con Nanox.

“Il fabbricato era un caso perturbatore per noi,„ Simões ha detto. “Abbiamo cambiato il nostro business plan ed abbiamo cominciato a concedere una licenza all'uso della nostra marca oltre a vendere l'additivo. In alcuni casi, utile i diritti d'autore sulle vendite dei prodotti che usano la nostra marca.„

I tessuti sono impregnati di nanoparticelle della argento-silice facendo uso di un trattamento conosciuto come la cuscinetto-asciutto-maturazione. Il riempimento è una tecnica del rivestimento comunemente usata come metodo di rifinitura del tessuto.

Il lavaggio ripetuto può piombo a perdita dell'additivo. “Ma abbiamo verificato l'eccessivo lavaggio del fabbricato con l'additivo e non abbiamo trovato perdita di efficacia,„ Freitas Junior ha detto.