Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La combinazione di peptidi e di antibiotici ha potuto essere chiave ad eliminare i parassiti di Leishmania

Una combinazione di peptidi e di antibiotici ha potuto essere chiave ad eliminare il parassita che causa la leishmaniosi e che evita la tossicità alla gente ed agli animali causati dalle droghe correnti. Lo studio, coordinato dai ricercatori al UAB, apre la porta ai nuovi, più efficaci trattamenti contro questa malattia.

La leishmaniosi è causata dai parassiti di Leishmania di protozoo che sono trasmessi dal morso di un sandfly infettato. Sebbene in paesi ricchi questa malattia pricipalmente pregiudichi i cani, in altri paesi può provocare la distruzione sulla salubrità degli esseri umani, causante qualche cosa dalle ulcere danneggiamento del midollo osseo, il fegato o la milza, tutto in grado di essere interno.

Il WHO stima che ci sia corrente oltre un miliardo genti che vivono nelle aree in cui il leichmaniasis è endemico e che c'è ogni anno oltre un milione di nuovi casi. C'è quindi un bisogno urgente di trovare che nuove, alternative efficienti e selettive a chemioterapia di leishmaniosi che può diminuire gli effetti secondari avversi di esistenza droga quali il paromomycin e il miltefosine.

I conferenzieri Rosa Maria Ortuño ed Ona Illa dal dipartimento di UAB di chimica erano incaricati di coordinazione della ricerca pluridisciplinare sull'individuazione delle terapie anti--Leishmania nuove. Egualmente sono stati coinvolgere nello studio i gruppi del conferenziere Jean-Didier Maréchal, dallo stesso dipartimento e di conferenziere Carme Nogués, dal dipartimento di UAB di biologia cellulare, Phyisology e l'immunologia come pure ricercatori Luis Rivas dalla margarita Salas - CSIC (Madrid) e Míriam Royo del CIB dal IQAC - CSIC (Barcellona).

Lo studio è consistito nel preparato e nella valutazione biologica di nuovi peptidi cella-penetranti (CPPs) che, con una coniugazione antibiotica, il servire da veicolo o il vettore per la droga, permettendole di entrare nella membrana cellulare del parassita e di essere rilasciato dentro, così causando la sua morte. Il risultato è la maggior efficacia, mentre allo stesso tempo un numero più basso delle dosi orali della droga è necessario. Inoltre, il CPPs sintetizzato non è tossico per le celle del mammifero, ma è per il Leishmania.

Sebbene l'idea di utilizzare CPPs nel trattamento della leishmaniosi non sia sconosciuta, l'importanza delle bugie di questo studio nella sua alta capacità cella-penetrante e nella selettività (mammifero contro le celle del parassita) di nuovi peptidi sintetizzati e studiati.„

Rosa Maria Ortuño, conferenziere, dipartimento di UAB di chimica

In particolare, la ricerca è servito a studiare i peptidi composta degli amminoacidi senza proteine con un coniugato covalente di doxorubicina (Dox), una droga che egualmente è utilizzata nei trattamenti del cancro. Mentre Dox nel suo modulo libero non è attivo una volta incubato con Leishmania perché non è capace di penetrare il suo interno, il coniugato Dox-PPC ha dimostrato per essere tossico nelle concentrazioni molto basse. La sua capacità cella-penetrante è stata razionalizzata con gli studi modellanti molecolari. I risultati altamente stanno promettendo e “moltissima ricerca ancora è necessaria prima del pensiero alle droghe nuove, ma ora siamo un po'più vicini del nostro obiettivo„, concludiamo Ortuño.

Source:
Journal reference:

Illa, O., et al. (2020) Chiral Cyclobutane-Containing Cell-Penetrating Peptides as Selective Vectors for Anti-Leishmania Drug Delivery Systems. International Journal of Molecular Sciences. doi.org/10.3390/ijms21207502.