Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'analisi di tendenza nel Giappone rivela il morbo di Creutzfeldt-Jakob non può essere così rara più

Il morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD) è un disordine debilitante che causa la degenerazione rapida del cervello come pure della demenza di progressione. È un disordine interno, piombo spesso alla morte appena in parecchi anni dell'inizio. CJD è il modulo più comune di un disordine umano causato “dai prioni,„ agenti patogeni che inducono la piegatura anormale delle proteine cellulari specifiche nel cervello chiamato “le proteine del prione.„

Il tipo principale di CJD, rappresentante 85% delle casse, è chiamato CJD sporadico (sCJD). Poiché lo sCJD pricipalmente si presenta nella vecchiaia tardi-media, un aumento nella popolazione di invecchiamento universalmente può potenzialmente causare un aumento nei casi di CJD, che è una preoccupazione globale stampante. Quindi, per aiutare i responsabili della politica ad organizzare in anticipo e per stabilire una strategia robusta, è essenziale per stimare le tendenze delle morti e dell'incidenza CJD-associate.

A questo scopo, un gruppo dei ricercatori all'università di Okayama, compreso il Dott. Yoshito Nishimura, il Dott. Toshihiro Koyama ed il Dott. Hideharu Hagiya, ha condotto un'analisi di tendenza dell'incidenza e della mortalità di CJD nel Giappone, fra 2005 e 2014. I loro risultati sono pubblicati nei rapporti scientifici, un giornale della ricerca della natura. Il Dott. Nishimura, il primo autore di questo studio, dice, “malgrado CJD che è una malattia rara, il fenomeno di popolazione che l'invecchiamento può avviare un aumento nell'incidenza e, così, il carico di sanità e socioeconomico di CJD. Il nostro scopo era di analizzare queste tendenze relative, ad uno sforzo per spargere la consapevolezza e stimolare le nuove strategie del trattamento.„

Per la loro analisi, gli scienziati hanno utilizzato i dati anagrafici nazionali sulle morti CJD-associate fra le persone invecchiate in 50 anni come pure i dati nazionali finanziati dal governo di sorveglianza di CJD (dal 2005 al 2014) nel Giappone. La loro analisi ha rivelato che, dal 2005 al 2014, c'era un importante crescita nel numero assoluto delle morti, dei tassi di mortalità e delle tariffe di incidenza connesse con CJD, anche dopo registrare per ottenere l'età. In particolare, l'aumento medio nell'incidenza è stato valutato 6,4% all'anno. Questa tendenza relativa alle tariffe CJD-associate di incidenza e della mortalità era particolarmente prominente nel gruppo dell'vecchio-età, specialmente in quelle sopra l'età di 70 anni.

Sebbene un rapporto precedente tramite la rete internazionale di sorveglianza del morbo di Creutzfeldt-Jakob abbia specificato che i tassi di mortalità annuali di sCJD avevano stato in rialzo nella maggior parte dei paesi partecipanti nelle due decadi scorse, questo studio indica che il Giappone potrebbe avere le più alte morti ed incidenza CJD-associate che altri paesi, che gli scienziati hanno attribuito ad un aumento nella popolazione di invecchiamento.

Il carico socioeconomico severo sui badante dovuto dalla la cedola indotta CJD di demenza l'attenzione dei responsabili della politica e sottolinea la necessità di un piano d'azione lenitivo con l'attenzione particolare in aumento nella prevalenza di demenza. In questo senso, speriamo che i nostri risultati possano contribuire a guidare i responsabili della politica nella giusta direzione.„

Dott. Yoshito Nishimura, ricercatore, università di Okayama

Nel 2015, più di 4,7 milione di persone nel Giappone stavano vivendo con la demenza e questo numero è aggettato per aumentare rapido da ora al 2025 a 7 milioni. Il contrario ad altri moduli di demenza, che progrediscono relativamente lentamente, pazienti con CJD soffre da demenza rapido di progressione. Quindi, c'è un bisogno urgente di trovare le efficaci strategie per migliorare la loro qualità delle vite e per diminuire il carico sui badante. I risultati di questo studio intraprendono un'azione in questa direzione, facendo luce sull'esigenza di efficaci misure di politica. Il Dott. Nishimura conclude, “CJD, anche se raro, sia più prevalente durante i 5-10 anni futuri. I responsabili della politica ed i servizi sanitari possono usare i nostri risultati per stabilire gli efficaci criteri di integrità.„