Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo progetto per utilizzare i getti di plasma per decontaminare l'attrezzatura medica vitale ha esposto al virus Covid-19

Un NUOVO progetto sviluppato dalla città universitaria dell'innovazione della salubrità dell'università di Lancaster e dall'istituto di scienza dei materiali vederà l'esplorazione della tecnologia usata per decontaminare l'attrezzatura medica vitale esposta al virus Covid-19, via un'associazione con gli ospedali universitari della fiducia delle fondamenta di NHS della campata di Morecambe (UHMBT).

Gli ospedali sono veduti come aree ad alto rischio per la trasmissione del virus, con prova recente suggerire SARS-CoV-2 potrebbe rimanere sulle superfici per i fino a nove giorni - e potenzialmente per le settimane sui punti che comprendono le intercapedini e le cavità, quale dispositivi di protezione individuale (PPE). I punti sono puliti spesso con i disinfettanti ma questo è che richiede tempo ed inadeguato e potenzialmente offensivo per una certa strumentazione.

Il nuovo progetto esplorerà come i getti di plasma atmosferici (CAP) freddi possono essere utilizzati per pulire l'apparato via i gas elettricamente eccitati quale può essere utilizzato sicuro in aria. La strumentazione potrebbe includere i diaframmi degli stetoscopi e degli impulso-ossimetri, che sono sensibili ai prodotti chimici duri o ai materiali abrasivi. È creduto che il trattamento di pulizia del plasma possa diminuire la quantità di tempo richiesto di pulizia, eliminare il rischio di esposizione chimica e fare diminuire il potenziale per la resistenza antimicrobica - una minaccia globale seria.

La pandemia corrente Covid-19 ha evidenziato le emissioni a più strati all'interno degli ambienti del pubblico e dell'ospedale per quanto riguarda la trasmissione dei virus. Gli itinerari di trasmissione primari comprendono le goccioline contagiose attraverso l'aria ed il contatto personale, ma il contatto con le superfici contaminate potenzialmente fornisce un altro itinerario. La quantità di virus su una superficie, la sua stabilità, la sua resistenza contro gli agenti biocidali e la dose infettiva minima sono chiave alla trasmissione.

La disinfezione delle superfici di tocco comune - porte, manopole, inferriate, arredamento - o oggetti che contattano molta gente come gli stetoscopi, l'attrezzatura medica ed il PPE diminuirebbe gli itinerari dell'infezione secondari possibili. L'organizzazione mondiale della sanità raccomanda le linee guida ambientali rigorose della disinfezione e di pulizia. Tuttavia, l'aderenza è provocatoria - particolarmente con le situazioni pandemiche ed i portatori asintomatici.

Miriamo a dimostrare che i getti di plasma del CAPPUCCIO possono essere utilizzati per decontaminare le superfici che sono state sporcate dai virus, compreso i materiali nell'ambiente come il PPE e sviluppa una scalabilità e pianificazione di distribuzione per porta su scala industriale di questa tecnologia per distribuzione rapida negli ambienti clinici.„

Il professor Rob Short, Direttore, istituto di scienza dei materiali

Il progetto ora ha ricevuto il finanziamento start-up dall'assistenza tecnica e dal conto 2020-2021 di accelerazione di impatto del consiglio della ricerca di scienze fisiche (EPSRC), che supporta i progetti della fase iniziale che hanno la capacità di mettere gli output di ricerca scientifica in uso commerciale.

La città universitaria dell'innovazione di salubrità è stata integrale al progetto portando negli ospedali universitari della fiducia delle fondamenta di NHS della campata di Morecambe (UHMBT) poichè i partner assicurarlo è una soluzione appropriata e rispetta il rigore e gli standard clinici. Egualmente contribuirà a consegnare la soluzione ad altri fondi e impostazioni cliniche.

Dott. Sherry Kothari, Direttore della città universitaria dell'innovazione di salubrità, aggiunto: “La missione Del HIC è ai progetti di sostegno come questo, dove la competenza scientifica accademica può essere usata per contribuire a risolvere le emissioni nell'ambiente intorno a salubrità.

“Il HIC è egualmente qui di assicurarsi che una volta che queste soluzioni sono state trovate, possano essere sottoposte a operazioni di disgaggio su ed essere consegnate nelle impostazioni intorno al paese - ed il mondo - per assicurarsi che ognuna possa trarre giovamento da loro.

“La pandemia Covid-19 ha veduto gli scienziati dall'altro lato del globo che esamina come possono usare la loro conoscenza e competenza per contribuire ad uccidere il virus - e sappiamo dai nostri partner di NHS che questa emissione particolare è una che sta causando la grave preoccupazione del settore.

“Siamo deliziati supportare questo progetto e sperarlo può avere un impatto reale nella fermata della diffusione di Covid-19 nelle nostre comunità.„