Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori mappano la sequenza del primo schizzo di proteome umano

Venti anni dopo che la versione del genoma umano, “la cianografia„ genetica di vita umana, un gruppo di ricerca internazionale, compreso l'università di Chris di British Columbia in generale, ora ha mappato la sequenza del primo schizzo del proteome umano.

La loro opera è stata pubblicata il 16 ottobre nelle comunicazioni della natura ed è stata annunciata oggi dall'organizzazione umana di Proteome (HUPO). L'in generale è il solo scienziato canadese addetto al documento di comunicazioni della natura.

Oggi traccia una pietra miliare significativa nella nostra comprensione globale della vita umana. Considerando che il genoma umano fornisce “una cianografia„ completa dei geni umani, il proteome umano identifica le diverse particelle elementari di vita codificate da questa cianografia: proteine. Le proteine interagiscono per modellare tutto dalle malattie pericolose alla struttura cellulare nei nostri organismi.„

Chris in generale, il professor, facoltà di odontoiatria e membro del centro per ricerca di sangue, università di British Columbia

Con 90 per cento delle proteine nel corpo umano ora mappato, in generale dice che gli scienziati hanno una comprensione più profonda di come le diverse proteine interagiscono per influenzare le sanità, fornenti le comprensioni nella prevenzione delle malattie e nella medicina individualizzata.

Il loro lavoro può avere implicazioni per gli scienziati che studiano i trattamenti potenziali per COVID-19.

“in COVID-19, per esempio, ci sono due proteomes in questione, che del virus SARS-CoV-2 e che delle celle infettate, cui probabilmente interagisca con, modifichi e cambi la funzione dell'altra,„ dicono in generale. “Capire questa relazione può fare luce su perché alcune celle e persone sono più resilienti a COVID-19 ed altre più vulnerabili, fornendo informazioni funzionali essenziali sul corpo umano a che la genomica da solo non può rispondere.„

Altrettante malattie umane derivano dai cambiamenti nella composizione o le funzioni delle proteine, mappanti il proteome rinforza le fondamenta per la diagnosi di malattia, la previsione dei risultati, il trattamento e la medicina di precisione.

“Gli esseri umani dividono 99,9 per cento del loro DNA fra le persone, eppure le carenze nel proteome “parte„ provenire dalle mutazioni genetiche ereditate possono piombo alle malattie genetiche, o risposte immuni e cellulari difettose o insufficienti ai fattori di sforzo ambientali, nutrizionali e di infezione,„ dice in generale.

“Conoscere quale proteine sono chiave alla protezione dalla malattia ed alle carenze nell'espressione o nell'attività che sono marchi di garanzia della malattia, può informare la medicina individualizzata e lo sviluppo di nuove terapie.„

Source:
Journal reference:

Adhikari, S., et al. (2020) A high-stringency blueprint of the human proteome. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-19045-9.