Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I neonati analizzano il contenuto emozionale dei loro dintorni soltanto ad un livello molto di base

Gli esseri umani non sono sopportati con i circuiti maturi che fissano le emozioni alle cose che vedono o che sentono nel loro ambiente, manifestazioni del cervello nuove di uno studio.

I ricercatori che studiano le scansioni di cervello dei neonati hanno trovato che la parte del cervello in questione nell'avvertire le emozioni non è connessa dal punto di vista funzionale in un modo maturo con le regioni che elaborano gli stimoli visivi o uditivi.

In adulti, le connessioni fra quelle parti del cervello permettono che noi riteniamo il timore quando vediamo un ribassista nel legno o che amano quando vediamo la fronte di taglio di un membro della famiglia.

Ma sembra che richieda almeno alcuni mesi affinchè i bambini possa da connettere che cosa vedono con le emozioni di più alto livello specifiche, abbia detto Zeynep Saygin, co-author dello studio e assistente universitario della psicologia all'Ohio State University.

“Sta trovando noi realmente non ha preveduto. Abbiamo pensato che queste connessioni potrebbero essere destra matura dalla nascita,„ ha detto Saygin, che è un docente di memoria del programma cronico del trauma cranico dello stato dell'Ohio.

“Questo suggerisce che i neonati analizzino il contenuto emozionale dei loro dintorni soltanto ad un livello molto di base.„

Saygin ha intrapreso gli studi con l'erica Hansen e Jin Li, dottorandi in psicologia allo stato dell'Ohio. I loro risultati sono stati pubblicati oggi nel giornale PLOS UNO.

I ricercatori hanno analizzato le scansioni del fMRI dei cervelli di 40 neonati, tutto il più di meno di un settimane di età, che fa parte del progetto di sviluppo Connectome dell'essere umano. Hanno confrontato questi alle simili scansioni da 40 adulti che hanno partecipato al progetto separato Connectome dell'essere umano.

Stavano cercando le connessioni fra l'amigdala, la parte del cervello coinvolgere con avvertire le emozioni e (o rappresentazione) la corteccia occipitotemporal, che soprattutto è compresa con gli stimoli di trattamento da cui vediamo.

L'amigdala etichetta gli stimoli visivi con un valore emozionale. Per esempio, è questa cosa che io sono vedere pericoloso? Dovrei essere impaurito? Se si avvicinano o la evitano?„

Zeynep Saygin, co-author di studio e assistente universitario di psicologia, Ohio State University

In adulti, c'è un modulo specifico di connessione funzionale fra le due parti del cervello, Saygin ha detto. L'amigdala ha una più forte connessione alle regioni sensitive ad alto livello della corteccia visiva - la parte che elabora le fronti di taglio, gli organismi e gli oggetti. Questi sono i tipi di stimoli che possono autorizzare una reazione emozionale.

L'amigdala in adulti non è come connesso forte alle regioni sensitive primarie della corteccia visiva, che sono comprese con la rilevazione gli angoli, le righe, le barriere e dell'indicatore luminoso, cose che hanno contenuto meno emozionale.

Inoltre, gli adulti mostrano un simile reticolo per le regioni uditive anche. In adulti, l'amigdala ha una più forte connessione alle regioni uditive ad alto livello, come le regioni che discorso trattato e una connessione più debole alle regioni uditive primarie, quali le regioni che individuano le informazioni di frequenza.

“Vedere questo reticolo per sia le regioni visive che uditive era affermare, come dimostra che l'amigdala connette più con le aree che elaborano gli stimoli complessi - cose che autorizzerebbero una risposta emozionale - e non appena alle aree che sono più vicine nella vicinanza dell'amigdala,„ ha detto Hansen, autore principale dello studio.

Questo studio ha trovato che i neonati, a differenza degli adulti, hanno avuti simili tipi di connessioni fra l'amigdala e tutte le parti della corteccia visiva ed uditiva, con non molta differenziazione fra loro.

L'altra ricerca suggerisce che le connessioni più del tipo di adulto siano presenti in bambini entro alcuni mesi dopo la nascita. Ma questo è il primo studio per esaminare i neonati, Saygin ha detto.

“La crediamo che i bambini abbiano bisogno dell'esperienza e della maturazione più visive per potere fissare il valore emozionale agli stimoli visivi,„ abbiamo detto.

Il laboratorio di Saygin allo stato dell'Ohio corrente sta studiando i bambini dalla nascita per invecchiare 3 per imparare più circa come e quando i bambini piccoli sviluppano la capacità di connettere che cosa vedono con l'emozione adeguata.

La ricerca ha implicazioni cliniche importanti perché l'amigdala ha un ruolo in vari disordini che cominciano presto nella vita, compreso autismo ed ansia.

“È cruciale completamente capirla come l'amigdala connette al resto del cervello attraverso lo sviluppo iniziale,„ ha detto.

“Imparando circa il corso del suo sviluppo, dovremmo potere dire che cosa è tipico e come può andare storto. Quello può piombo ai nuovi interventi del trattamento e di sistema diagnostico.„

Source:
Journal reference:

Hansen, H. A., et al. (2020) Adults vs. neonates: Differentiation of functional connectivity between the basolateral amygdala and occipitotemporal cortex. PLOS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0237204.