Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il biomarcatore della rappresentazione di cervello può contribuire a predire la risposta in pazienti con i disordini psichiatrici, studio del trattamento rivela

Le scienze biologiche dei veterani di Cohen (CVB), soluzioni d'avanzamento della ricerca senza scopo di lucro di Biotech di una salubrità del cervello, oggi annunciano i risultati da uno studio che genera la nuova prova a sostegno di un biomarcatore critico della rappresentazione di cervello, che può aiutare la gente della guida che soffre da disordine post - traumatico di sforzo (PTSD) o da disordine depressivo principale (MDD) verso il trattamento più efficace.

Lo studio, intitolato “l'identificazione dei sottotipi di disordine psichiatrico dai reticoli funzionali della connettività nell'elettroencefalografia dello riposare-stato (EEG)„ piombo da professore di Stanford University della psichiatria e delle scienze comportamentistiche, Amit Etkin, il MD, PhD ed ha ricevuto il finanziamento principale da CVB.

Nei risultati, riferiti nel giornale https://www.nature.com/articles/s41551-020-00614-8, gli autori usati hanno avanzato le tecniche di apprendimento automatico sui dati dai segnali ad alta densità di elettroencefalogramma dello riposare-stato identificare i reticoli funzionali robusti e distinti della connettività in circuiti del cervello permettendo a subtyping dei pazienti, indipendente dalla diagnosi clinica.

Corrente, non ci sono strumenti per predire i risultati del trattamento per i pazienti di MDD o di PTSD. Sebbene la psicoterapia sia considerata l'approccio più efficace per la popolazione di PTSD generalmente, molti diversi pazienti non riescono a reagire a questo trattamento. Similmente, i farmaci antideprimenti migliorano soltanto modestamente i risultati sopra placebo nei pazienti di MDD. L'omissione di questi gruppi pazienti di reagire al trattamento può essere dovuto il fatto che la diagnosi clinica di questi disordini neuropsichiatrici fa partecipare le popolazioni biologicamente eterogenee che rispondono diversamente al trattamento.

Il Dott. Etkin sta catturando questi che trova nello sviluppo per uso clinico come fondatore delle neuroscienze del negativo per la stampa di cartamoneta dello start-up.

C'è una grande esigenza in psichiatria delle prove obiettive che possono informare lo sviluppo diagnostico e le decisioni cliniche del trattamento per i termini eterogenei quali PTSD e MDD. I nostri risultati sono emozionanti perché riflettono il progresso verso l'identificazione dei biomarcatori basati a prova ed egualmente dimostrano il valore delle tecniche di apprendimento automatico per l'avanzamento dell'approccio personale al trattamento - che fa parte di un punto di capovolgimento nel campo.„

Amit Etkin, MD, PhD, fondatore delle neuroscienze del negativo per la stampa di cartamoneta

Nello studio, i sottotipi pazienti trovati in PTSD e MDD non hanno differito in termini di severità clinica di sintomo prima del trattamento, ma hanno avuti risposte differenti ai trattamenti. Questi sottotipi sono stati identificati hanno basato sui reticoli funzionali della connettività, o sulle impronte neurali, trovate con l'elettroencefalografia (EEG), un metodo a basso costo per la misura della funzione del cervello che può essere fatta nel contesto di cura clinica. Interessante, i ricercatori hanno identificato le differenze in relazione con il sottotipo similmente forti della connettività in PTSD come pure nei pazienti di MDD. Uno dei sottotipi ha risposto male a psicoterapia o ai farmaci antideprimenti. Tuttavia, entrambi i sottotipi hanno risposto similmente al trattamento magnetico transcranial non invadente di stimolo del cervello (TMS). Ciò suggerisce che, per un sottotipo, la psicoterapia o il trattamento del farmaco sia la cosa migliore, mentre per l'altro sottotipo possono essere servite meglio avanzando più velocemente al trattamento di TMS - interamente basato “su una diagnosi biologica del cervello„ con l'elettroencefalogramma che è indipendente dai criteri clinici tradizionali per PTSD o MDD.

Queste scoperte hanno implicazioni significative mentre contribuiscono a stratificare le persone indipendenti dalla diagnosi clinica basata su che cosa può rappresentare un nuovo biomarcatore transdiagnostic. Ciò permetterà alla scoperta di una nuova generazione di scoperte terapeutiche di precisione e di trattamenti mirati a.„

Dott. Andreas Jeromin, ufficiale scientifico principale, CVB

In questo studio, apprendimento automatico applicato ricercatori per interpretare i segnali dall'elettroencefalogramma,„ aggiunge Lee Lancashire, il PhD, chief information officer a CVB. “Questa tecnica è interessante in quanto identifica insieme le funzionalità più importanti nei dati mentre ragruppa i partecipanti nei simili gruppi in un modo guidato da dati ed imparziale, non comprendente alcuna conoscenza priore circa la presentazione clinica di PTSD o di MDD. Il fatto che a sottopopolazioni basate a elettroencefalogramma identificate in PTSD anche ripiegato in MDD è un passo avanti nella comprensione dei questi disordini eterogenei ed ulteriori punti culminanti la potenza dell'apprendimento automatico.„

Source:
Journal reference:

Zhang, Y., et al. (2020) Identification of psychiatric disorder subtypes from functional connectivity patterns in resting-state electroencephalography. Nature Biomedical Engineeringdoi.org/10.1038/s41551-020-00614-8.