Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca mostra il valore di psicoterapia remota di realtà virtuale multiutente per i disordini alimentari

Ricerca dall'università di risonanza, il centro di ricerca sui media interattivi, sui sistemi astuti e sulle tecnologie di emergenza - AUMENTO srl e l'università del Cipro ha rivelato che la tecnologia (VR) di realtà virtuale può avere impatto significativo sulla validità delle nomine remote di salubrità per quelle con i disordini alimentari, con un trattamento chiamato terapia dell'esposizione di realtà virtuale (VRET).

Questo documento dimostra il valore potenziale di psicoterapia remota (MUVR) di realtà virtuale multiutente per quelle con le preoccupazioni di forma e del peso dell'organismo.

Nello studio, pubblicato in giornale di interazione di uomo-macchina, i partecipanti ed i terapisti misura con le visualizzazioni Testa-Montate VR e sono stati presentati l'un l'altro all'interno del sistema di VR. Il partecipante poi personalizzerebbe il loro avatar virtuale secondo il loro sguardo (forma e dimensione dell'organismo, incarnato e colore e forma dei capelli). Il partecipante ed il terapista poi “sono stati teletrasportati„ a due interventi virtuali dell'ambiente per parecchie discussioni, aumentanti fino all'esposizione dello specchio.

L'esposizione dello specchio comprende il confronto in uno specchio con quelli forma ed organismo. Nel MUVR, il partecipante affronta l'avatar che virtuale hanno personalizzato per abbinare il loro proprio organismo fisico. Qui, potevano ancora regolare le forme dell'organismo facendo uso dei cursori, abbigliamento del cambiamento, incarnato come pure stile e colore di capelli virtuali. L'abbigliamento poi è stato diminuito gradualmente finché l'avatar del partecipante non fosse in loro biancheria intima virtuale.

Il partecipante poi è stato chiesto di esaminare ogni parte del loro organismo e di realizzare gli adeguamenti mentre descriveva le loro sensibilità, pensieri e preoccupazioni con il terapista, piombo alla terapia virtuale dell'esposizione per il paziente alla loro forma e dimensione dell'organismo attraverso l'avatar su misura.

Lo studio ha trovato che l'avatar del terapista era vitale al partecipante. L'avatar cartoonish ha facilitato la maggior apertura dai partecipanti, mentre gli avatar del terapista nel umano-modulo hanno rappresentato l'idea di giudizio negativo. Nelle interviste di post-sessione, i partecipanti hanno notato la mancanza di timore di giudizio come permettendo loro di commettere agli obiettivi della sessione.

Il potenziale di realtà virtuale che è utilizzata nell'affrontare le emissioni di salubrità con i pazienti, a distanza e senza l'emissione di giudizio potenziale, è affinchè VR sia utilizzato in tutto il settore di salubrità. Senza l'emissione di giudizio, che la gente può temere prima anche del chiedere il parere medico, VR può dare alla gente la fiducia per impegnarsi con ed abbracciare il consiglio medico. In termini di capacità tecniche, il potenziale per VR all'aiuto nelle nomine mediche senza contatto remote fra i pazienti ed i professionisti è considerazione particolare enorme e dovuta in tempo di pandemia.„

Dott. JIM Ang, professore di seconda fascia nelle multimedia/sistemi di Digital ed in supervisore dello studio

Il Dott. Maria Matsangidou, il socio di ricerca AUMENTO srl ed il ricercatore sperimentale dello studio hanno detto: “La realtà virtuale multiutente è un media innovatore per gli interventi psicoterapeutici che tiene conto la separazione fisica di terapista e di paziente, fornente così più apertura “comoda„ dai pazienti. L'esposizione alle preoccupazioni del paziente circa forma e la dimensione dell'organismo può esibire le reazioni ansiose, ma con la terapia remota dell'esposizione questa può suscitare nuovo imparando che guide il paziente per modellare le nuove esperienze.„

Source:
Journal reference:

Matsangidou, M., et al. (2020) “Now i can see me” designing a multi-user virtual reality remote psychotherapy for body weight and shape concerns. Human-Computer Interaction Journal. doi.org/10.1080/07370024.2020.1788945.