Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano il dispositivo portatile per quantificare il contenuto della capsaicina in peperoncini

Qualche gente ama l'alimento piccante -- il più caldo, il migliore. Altri escono del loro modo evitare l'ustione dibruciacchiatura di capsaicina, il composto quel peperoncini di elasticità la loro scossa.

Ora, i ricercatori hanno sviluppato un dispositivo portatile (a forma di capriccioso come un peperoncino) che può rivelare quanta capsaicina un pepe contiene, prima del morso in. Riferiscono i loro risultati in materiali nani applicati ACS.

I peperoncini sono un ingrediente di alimento popolare intorno al mondo. Oltre a comunicare un sapore piccante, la capsaicina in peperoncini ha parecchie indennità-malattia, compreso le attività antiossidanti, anti-cancerogene ed antinfiammatorie. Di conseguenza, la domanda di capsaicina come un additivo alimentare e l'agente farmaceutico sta sviluppandosi.

Warakorn Limbut e colleghi ha voluto mettere a punto un metodo semplice, accurato ed economico quantificare il contenuto della capsaicina dei campioni alimentari e del peperoncino. Gli altri metodi che sono stati sviluppati a questo fine sono complicati, che richiede tempo, o richiedono la strumentazione costosa e ingombrante.

I ricercatori hanno fatto un dispositivo portatile a forma di come un piccolo peperoncino che potrebbe essere connesso ad uno smartphone per video i risultati dell'analisi. Il sensore elettrochimico cartaceo all'interno dell'unità ha consistito dei nanoplatelets del graphene verniciata con gli atomi dell'azoto per migliorare la loro conduttività elettrica.

Quando il gruppo ha aggiunto una goccia di capsaicina diluita al sensore, il composto ha subito le reazioni di riduzione e dell'ossidazione, producendo una corrente elettrica che l'unità ha individuato. Dopo l'ottimizzazione del sensore, i ricercatori lo hanno usato per determinare le concentrazioni nella capsaicina in sei campioni secchi del peperoncino rosso.

Hanno aggiunto i peperoncini rossi ad una soluzione etanolo-contenente, lo hanno scossi su e poi hanno introdotto una goccia del campione. L'unità ha misurato esattamente le concentrazioni nella capsaicina da μM 7.5-90 nei sei campioni ed ha potuto individuare giù a 0,37 μM nei campioni diluiti.

Source:
Journal reference:

Soleh, A., et al. (2020) N-Doped Graphene Nanoplatelets for Direct Capsaicin Detection in Chili Pepper Samples. ACS Applied Nano Materials. doi.org/10.1021/acsanm.0c02079.