Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il triptofano trovato in tacchini può accelerare la guarigione intestinale nella gente con la malattia celiaca

La gente con la malattia celiaca può trovarsi più comodi con i pranzi extra del tacchino di ringraziamento.

Un gruppo internazionale dei ricercatori piombo dalla McMaster University ha trovato che il triptofano, un amminoacido presente nelle quantità elevate in tacchino, con un certo probiotics, può aiutarli a guarire e rispondere meglio ad una dieta senza glutine.

Lo studio, pubblicato nella medicina di traduzione di scienza, precisata per studiare se la ripartizione di triptofano dai batteri dell'intestino è stata alterata nella malattia celiaca e se questa via potrebbe essere mirata a come terapia potenziale.

I risultati evidenziano il valore terapeutico potenziale di ottimizzazione del metabolismo del triptofano nell'intestino nella malattia celiaca per migliorare i sintomi di controllo, malgrado la dieta senza glutine ed accelerano la guarigione intestinale.

“Il trattamento solo per la malattia celiaca è un'aderenza rigorosa ad una dieta senza glutine, che è difficile da seguire e sempre non non piombo per completare il ripristino dell'intestino o risoluzione di sintomo,„ dice Elena Verdu, il ricercatore del cavo dello studio e un professore di medicina all'istituto di ricerca digestivo di salubrità della famiglia del Farncombe di McMaster. Egualmente tiene la presidenza della ricerca del Canada nella nutrizione, nell'infiammazione e in Microbiota.

Il triptofano è un amminoacido essenziale, che non può essere prodotto dall'ente e dalle necessità essere consumato attraverso gli alimenti quali pollame, cioccolato, le banane e le verdure crocifere quali i broccoli, il cavolo ed il cavolfiore.

Il triptofano è necessario per molte funzioni nell'organismo e può essere ripartito per i batteri nell'intestino, producendo le molecole bioactive (chiamate “metaboliti„) che interagiscono con i ricevitori nel rivestimento dell'intestino che gestiscono l'infiammazione. Uno di questi ricevitori è il ricevitore arilico dell'idrocarburo, o AhR e l'attivazione suboptimale di questo ricevitore è stata implicata nell'infiammazione intestinale cronica, compreso le malattie di viscere infiammatorie quali colite ulcerosa ed il morbo di Crohn.

La malattia celiaca è la distruzione del rivestimento dell'intestino superiore, quando una persona con determinati geni della predisposizione consuma il glutine nella dieta. Tuttavia, non ognuno con i geni ed il glutine celiaci del cibo svilupperà la malattia.„

Erica Galipeau, co-author di studio e un socio di ricerca, istituto di Farncombe

Verdu ha aggiunto: “Il nostro gruppo all'istituto di Farncombe ha aperto la strada allo studio su metabolismo batterico alterato delle proteine del grano, come driver ambientale supplementare nella malattia celiaca.„

I ricercatori hanno studiato tre gruppi: pazienti con la malattia celiaca attiva, pazienti due anni dopo una dieta senza glutine e gente in buona salute.

I pazienti celiaci hanno avuti prova di metabolismo batterico più basso di triptofano ed il loro microbiota dell'intestino non ha stimolato giustamente la via di AhR che gestisse l'infiammazione e proteggesse la barriera dell'intestino.

Queste alterazioni parzialmente sono state migliorate in pazienti dopo due anni di dieta senza glutine. Facendo uso dei mouse che esprimono i geni per la malattia celiaca, gli autori hanno indicato che due sforzi dei lattobacilli, dei batteri conosciuti al triptofano di ripartizione, di AhR attivato e di infiammazione diminuita causati da glutine.

I risultati di studio evidenziano il valore terapeutico potenziale di ottimizzazione del metabolismo del triptofano nell'intestino nella malattia celiaca per migliorare i sintomi di controllo.

Gli studi clinici futuri esaminerebbero le strategie terapeutiche, quale il completamento del triptofano congiuntamente al probiotics specifico che producono i leganti di AhR dalla dieta, in pazienti celiaci che non rispondono alla dieta senza glutine.

Source:
Journal reference:

Lamas, B., et al., (2020) Aryl hydrocarbon receptor ligand production by the gut microbiota is decreased in celiac disease leading to intestinal inflammation. Science Translational Medicine. doi.org/10.1126/scitranslmed.aba0624.