Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli uragani possono urtare l'uso del trattamento ostruttivo casalingo dell'apnea nel sonno

Gli uragani urtano la capacità dei pazienti ostruttivi dell'apnea nel sonno di utilizzare la terapia positiva di pressione (PAP) della galleria di ventilazione non solo durante, ma anche prima e dopo la tempesta, secondo una ricerca scientifica dai ricercatori della scuola di medicina di Miller dell'university of miami pubblicati nel giornale della medicina clinica di sonno.

Molti pazienti egualmente hanno riferito che sono stati scontentati con la disponibilità di informazioni di preparazione del consumatore che li avrebbe aiutati per continuare il loro trattamento malgrado perdita di elettricità, dovendo riassegnare ed altre situazioni d'alterazione che accadono comunemente.

Come medici che curano comunemente i pazienti con apnea nel sonno ostruttiva, dobbiamo prevedere la perdita transitoria di trattamento e disporre dei mezzi pronti per i nostri pazienti circa cui da fare durante gli uragani e gli altri eventi estremi del tempo.„

Alejandro D. Chediak, M.D., autore di studio, capo del socio degli affari clinici nella divisione di cura polmonare e critica e della medicina di sonno alla scuola di medicina di Miller

Il Dott. Chediak ha detto l'uragano Katrina, un uragano potente che ha fatto l'approdo in Luisiana sudorientale nell'agosto 2005, richiesto lui per chiedere come l'apnea nel sonno ostruttiva ed altri pazienti che contano su strumentazione casalinga potrebbero continuare il trattamento con un disastro naturale.

“Ho imparato allora che l'infrastruttura era un problema. Se state provando ad includere i commputer dell'apnea nel sonno, più maschere, più strumentazione, come la entrate nell'area ed identificate la gente che la ha bisogno?„ ha detto. “Le buone notizie sono molta sono cambiato nella medicina di sonno dall'uragano Katrina. Per esempio, gli odierni commputer possono essere gestiti e tenuti la carreggiata attraverso un portale, che permette la comprensione nell'esigenza di assistenza.„

Egualmente c'è maggior accesso alle alimentazioni differenti, dalle batterie speciali ai generatori, che possono contribuire a tenere la strumentazione in servizio, secondo il Dott. Chediak.

Per capire meglio le preoccupazioni ed i comportamenti dei pazienti ostruttivi dell'apnea nel sonno durante gli eventi estremi del tempo, il Dott. Chediak ed i colleghi hanno studiato i pazienti che in circostanze normali sono stati conosciuti per utilizzare regolarmente e correttamente la terapia della PAPPA. Hanno analizzato ai i dati di video basati a nuvola sull'uso dei pazienti dei commputer della PAPPA prima, durante e dopo l'uragano Irma, che ha fatto approdo il 9 settembre 2017 sul continente Florida come tempesta di categoria 3. Più di 1 milione di persone hanno perso la potenza e molti hanno dovuto vivere temporaneamente nelle protezioni o hanno perso le loro case a causa della tempesta.

I ricercatori egualmente hanno esaminato 117 pazienti circa come l'uragano ha urtato la loro terapia.

Hanno trovato quello dopo l'uragano Irma, quasi 80% dei pazienti non potrebbero utilizzare i loro commputer della PAPPA per i 4,3 giorni essere in media. Come conseguenza del ritardo del trattamento, 64% di quei pazienti hanno sperimentato russare, 19% che si soffocano e la sonnolenza di 42%.

Settantuno dei 117 pazienti ha detto che hanno mancato i trattamenti perché hanno perso l'elettricità. Ma quella non era la sola ragione per le rotture nella terapia della PAPPA. La strumentazione malriposta durante le evacuazioni e una mancanza di sbocchi di potenza alle protezioni erano fra le altre ragioni.

Il video della nuvola ha rivelato i pazienti che l'elettricità persa ha avvertito un declino medio di 33 minuti nell'uso della PAPPA per il primo post-uragano dei 7 giorni. Interessante, c'era una tendenza verso l'post-uragano aumentato in coloro che non ha perso l'elettricità, un'individuazione di uso che potrebbe riflettere come gli eventi estremi del tempo urtano le vite della gente. Ha potuto essere che sacrificio della gente su sonno e su resto prima che la tempesta ed è sonno sfavorito dopo, secondo il Dott. Chediak.

Per concludere, lo studio ha confermato che molti pazienti hanno avuti difficoltà che trovano le informazioni di preparazione pertinente ai bisogni speciali dei pazienti ostruttivi dell'apnea nel sonno.

“Questo ha potuto applicarsi a tutti i disastri naturali, dagli uragani e dalle inondazioni ai terremoti ed agli incendi. Abbiamo bisogno delle informazioni centralizzate che i pazienti possono usare per preparare stessi per spostamento potenziale o tempo estremo. Nel migliore dei casi, quello ha potuto essere fornito dalle nostri società o ospedali nazionali. Alla scuola di medicina di Miller dell'university of miami, stiamo sviluppando una parte di nostro sito Web votato a che cosa fanno i nostri pazienti devono fare quando un evento estremo del tempo minaccia,„ il Dott. Chediak hanno detto.

I pazienti devono sapere, per esempio, che le più nuove unità della PAPPA possono essere fatte funzionare sulle batterie o sui generatori speciali. Gli autori hanno quotato le opzioni differenti per le unità della batteria per la strumentazione della PAPPA nel documento.

La terapia di mantenimento della PAPPA è importante per la gente con apnea nel sonno ostruttiva cronica. Senza terapia, i sintomi, quale sonno difficile, la letargia e russare, ricorrono spesso a breve termine. Gli intervalli a lungo termine del trattamento hanno potuto piombo ai rischi aumentati di ipertensione, i arrythmias cardiaci, colpi e più.

Source:
Journal reference:

Kwasnik, A., et al (2020) A survey of positive airway pressure therapy preparedness and outcomes following Hurricane Irma in patients with obstructive sleep apnea. Journal of Clinical Sleep Medicine. doi.org/10.5664/jcsm.8610.