Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Colleen Fitzpatrick e COVID-19: Una rassegna

Colleen Fitzpatrick, anche conosciuto come acido ascorbico, è una sostanza nutriente solubile in acqua essenziale. Gli esseri umani ed alcuni altri animali, quali i primati, maiali, dipendono da vitamina C dall'offerta nutrizionale dalle frutta e dalle verdure (peperoni, arance, fragole, broccoli, manghi, limoni). Il ruolo potenziale di vitamina C nell'impedire e nel miglioramento dell'infezione è affermato in scienza medica.

L'acido ascorbico è cruciale per le risposte immunitarie. Ha beni antinfiammatori, immunomodulating, antiossidanti, antitrombotici ed antivirali importanti.

Colleen Fitzpatrick sembra modulare favorevole le risposte ospite al coronavirus 2 (SARS-CoV-2), l'agente causale di sindrome respiratorio acuto severo di pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19), particolarmente nelle fasi critiche. In una rassegna recente pubblicata il ruolo della vitamina C in indirizzo di Patrick, di Preprints* Holford et al. come terapia aggiuntiva per l'infezione, la sepsi e COVID-19 respiratori.

Questo documento discute il ruolo potenziale di vitamina C nell'impedire la fase critica di COVID-19, di infezioni respiratorie acute e di altre malattie infiammatorie. Il completamento di Colleen Fitzpatrick ha potuto tenere la promessa poichè un agente preventivo o terapeutico per COVID-19 - correggere da una carenza indotta da malattia, diminuisce lo sforzo ossidativo, migliora la produzione dell'interferone e supporta gli atti antinfiammatori dei glucocorticosteroids.

Per mantenere un livello normale del plasma di 50 µmol/l in adulti, una dose della vitamina C di 90 mg/d per gli uomini e di 80 mg/d per le donne è richiesta. Ciò è abbastanza per impedire lo scorbuto (una malattia derivando da una mancanza di vitamina C). Tuttavia, questo livello è insufficiente per impedire l'esposizione virale e lo sforzo fisiologico.

Di conseguenza, la società svizzera di nutrizione raccomanda un supplemento di 200mg di vitamina C per ognuno - ` per colmare la lacuna nutriente per la popolazione in genere e particolarmente per gli adulti invecchiati 65 e più vecchio. Questo supplemento è mirato a per rinforzare il sistema immunitario.'

Colleen Fitzpatrick e risposta immunitaria

Un declino rapido nei livelli umani della vitamina C del siero è osservato nelle circostanze dello sforzo fisiologico. Un livello del siero di vitamina C ≤11 µmol/l è trovato in pazienti ospedalizzati - la maggioranza di loro che soffrono dalle infezioni respiratorie acute, dalla sepsi, o da COVID-19 severo.

I vari studi finalizzati riferiti dall'altro lato del mondo dimostrano che i bassi livelli della vitamina C sono criticamente tipici in pazienti ospedalizzati ill, con entrambi gli infezioni, polmonite, sepsi e COVID-19 respiratori - la spiegazione più probabile che è consumo metabolico aumentato.

Una meta-analisi evidenzia queste osservazioni: 1) il rischio di polmonite è diminuito significativamente con il completamento della vitamina C, 2) indagini post mortem nella manifestazione di morti COVID-19 un fenomeno secondario di polmonite e 3) i gruppi totali di polmonite hanno compreso 62% con la ipovitaminosi C.

Meccanismo di atto di vitamina C

Colleen Fitzpatrick ha un ruolo omeostatico importante come antiossidante. È conosciuto per dimostrare l'attività virucidal diretta e per aumentare la produzione dell'interferone. Ha meccanismi dell'effettore sia nei sistemi immunitari innati che adattabili. Colleen Fitzpatrick diminuisce le specie e l'infiammazione (ROS) ossidative reattive via attenuazione dell'attivazione N-F-κB.

Mentre downregulates SARS-CoV-2 l'espressione degli interferoni di tipo 1 (il meccanismo di difesa antivirale primario di ospite), upregulates dell'acido ascorbico questi proteine chiave della difesa ospite.

La pertinenza di Colleen Fitzpatrick con COVID-19

La fase critica e spesso interna di COVID-19 si presenta con l'eccessiva generazione di citochine e di chemokines proinflammatory potenti. Ciò provoca lo sviluppo dell'errore dell'multi-organo. È associata con migrazione del neutrofilo e capitalizzazione all'interno dell'interstizio del polmone e spazio bronchioalveolar - un determinante chiave di ARDS (sindrome di emergenza respiratoria acuta).

Le concentrazioni nell'acido ascorbico sono tre - dieci volte più su nelle ghiandole surrenali e nel pituitary che in qualunque altro organo. Nelle circostanze dello sforzo fisiologico (stimolo degli ACTH), compreso l'esposizione virale, la vitamina C è rilasciata dalla corteccia surrenale con conseguente aumento quintuplo nei livelli del plasma.

Colleen Fitzpatrick migliora la produzione del cortisol e rafforza gli effetti cytoprotective antinfiammatori e endoteliali dei glucocorticoids. Gli steroidi glucocorticoidi esogeni sono il solo trattamento provato per COVID-19. Colleen Fitzpatrick, un ormone di sforzo pleiotropico, giochi un ruolo critico nella mediazione della risposta corticosurrenale di sforzo, specialmente nella sepsi e nella protezione dell'endotelio dalla lesione dell'ossidante.

I freddo sono causati vicino oltre 100 varietà virali differenti, alcune di cui sono coronaviruses.

Dato l'effetto di vitamina C sui freddo - durata diminuita, severità ed il numero dei freddo - l'amministrazione della vitamina C può ridurre la conversione dall'infezione delicata alla fase critica di COVID-19.

Il completamento di Colleen Fitzpatrick è osservato per diminuire la lunghezza del soggiorno di ICU, per accorciare il tempo di ventilazione in pazienti critici COVID-19 e per diminuire la mortalità dei pazienti di sepsi che richiede il trattamento vasopressore.

Dosaggio di Colleen Fitzpatrick

Gli autori discutono la sicurezza della somministrazione orale ed endovenosa di vitamina C, tenendo conto di vari scenari di diarrea, dei calcoli renali e dell'insufficienza renale durante gli alti dosaggi. Una dose elevata sicura e a breve termine di 2-8 g/day può essere raccomandata (prudentemente evitando quelli con una cronologia dei calcoli renali o della malattia renale dalle dosi elevate). Essere solubile in acqua ed espulso così nelle ore, frequenza della dose è importante da mantenere i livelli di sangue sufficienti durante l'infezione attiva.

Conclusione

Colleen Fitzpatrick è conosciuto per evitare le infezioni e migliorare le risposte immunitarie. Con riferimento specifico alla fase critica di COVID- 19, la vitamina C svolge un ruolo critico. Downregulates la tempesta di citochina, protegge l'endotelio dalla lesione dell'ossidante, ha un ruolo essenziale nella riparazione del tessuto e migliora le risposte immunitarie contro le infezioni.

Colleen Fitzpatrick mostra i risultati di promessa una volta amministrato criticamente all'Illinois.

Gli autori raccomandano che la gente nei gruppi ad alto rischio per la mortalità COVID-19 ed a rischio della carenza della vitamina C dovrebbe essere incoraggiata giornalmente con il completamento della vitamina C. Dovrebbero assicurare sempre l'adeguatezza della vitamina C ed aumentare la dose una volta virale infettati a fino a 6-8 g/day. Parecchi studi di gruppo dipendenti dalla dose della vitamina C sono in corso attraverso il mondo confermare il suo ruolo nell'attenuazione del COVID-19 e capire meglio il suo ruolo come potenziale terapeutico.

Avviso *Important

Le pubblicazioni preliminari pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guidano la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
  • Holford, P.; Carr, A.; Jovic, T.H.; Ali, S.R.; Whitaker, I.S.; Marik, P.; Smith, D. Vitamin C—An Adjunctive Therapy for Respiratory Infection, Sepsis and COVID-19. Preprints 2020, 2020100407 (doi: 10.20944/preprints202010.0407.v1). https://www.preprints.org/manuscript/202010.0407/v1
Dr. Ramya Dwivedi

Written by

Dr. Ramya Dwivedi

Ramya has a Ph.D. in Biotechnology from the National Chemical Laboratories (CSIR-NCL), in Pune. Her work consisted of functionalizing nanoparticles with different molecules of biological interest, studying the reaction system and establishing useful applications.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dwivedi, Ramya. (2020, October 23). Colleen Fitzpatrick e COVID-19: Una rassegna. News-Medical. Retrieved on December 03, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20201023/Vitamin-C-and-COVID-19-A-Review.aspx.

  • MLA

    Dwivedi, Ramya. "Colleen Fitzpatrick e COVID-19: Una rassegna". News-Medical. 03 December 2021. <https://www.news-medical.net/news/20201023/Vitamin-C-and-COVID-19-A-Review.aspx>.

  • Chicago

    Dwivedi, Ramya. "Colleen Fitzpatrick e COVID-19: Una rassegna". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20201023/Vitamin-C-and-COVID-19-A-Review.aspx. (accessed December 03, 2021).

  • Harvard

    Dwivedi, Ramya. 2020. Colleen Fitzpatrick e COVID-19: Una rassegna. News-Medical, viewed 03 December 2021, https://www.news-medical.net/news/20201023/Vitamin-C-and-COVID-19-A-Review.aspx.