Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Le diete Ketogenic possono impedire o invertire l'infarto causato tramite il trattamento metabolico

La ricerca dalla Saint Louis University trova che le diete ad alta percentuale di grassi o “ketogenic„ potrebbero completamente impedire, o persino inverte l'infarto causato tramite un trattamento metabolico.

Il gruppo di ricerca, piombo da Kyle S. McCommis, Ph.D., assistente universitario in biochimica e biologia molecolare a SLU, ha esaminato un trattamento metabolico che sembra essere girato giù nel venire a mancare i cuori umani.

In un modello animale, l'infarto drastico in mouse è stato oltrepassato passando alle diete ad alta percentuale di grassi o “ketogenic„, in grado di completamente impedire, o persino inverte l'infarto.

Quindi, questi studi suggeriscono che il consumo di diete ad alta percentuale di grassi e più basse del carboidrato possa essere un intervento terapeutico nutrizionale per curare l'infarto.„

Kyle S. McCommis, Ph.D, assistente universitario, biochimica e biologia molecolare, Saint Louis University

I risultati, “modulazione nutrizionale di infarto in mouse Portafilo-Carenti del piruvato mitocondriale„ sono stati pubblicati il 26 ottobre online nel metabolismo della natura. Questa ricerca, che è stata iniziata durante le posizioni della facoltà postdottorale e minore di McCommis alla scuola di medicina dell'università di Washington, quindi è stata completata alla scuola di medicina di Saint Louis University.

Il miocardio del cuore richiede i grandi importi di energia chimica memorizzati in sostanze nutrienti per rifornire la contrazione di combustibile cardiaca. Per mantenere questa alta capacità metabolica, il cuore è flessibile e può adattarsi ai rifornimenti di combustibile metabolici alterati durante i diversi stati inerenti allo sviluppo, nutrizionali, o fisiologici.

La flessibilità alterata, tuttavia, è associata con disfunzione cardiaca nei termini compreso il diabete e l'infarto.

Il complesso mitocondriale dei portafili (MPC) del piruvato, composto di MPC1 e di MPC2, è richiesto per l'inclusione del piruvato nei mitocondri. Questo studio dimostra che l'espressione di MPC è diminuita nei cuori venenti a mancare del mouse e dell'essere umano e che l'eliminazione genetica del MPC in mouse piombo alla ricostruzione ed alla disfunzione cardiache.

“Interessante, questo infarto può essere impedito o persino invertito fornendo una dieta “ketogenic„ del carboidrato ad alta percentuale di grassi e basso,„ McCommis ha detto. “Un di 24 ore velocemente in mouse, che è egualmente “ketogenic„ egualmente ha fornito il miglioramento significativo nella ricostruzione del cuore.„

Le diete con il contenuto ad alta percentuale di grassi, ma abbastanza carboidrati per limitare la chetosi egualmente hanno migliorato significativamente l'infarto in mouse che mancano dell'espressione cardiaca di MPC.

“Il nostro studio rivela un ruolo critico per utilizzazione mitocondriale del piruvato nella funzione cardiaca ed evidenzia il potenziale degli interventi dietetici di migliorare il metabolismo grasso cardiaco per impedire o invertire disfunzione cardiaca e ricostruzione nella regolazione della MPC-carenza,„ McCommis ha detto. Gli studi in corso cercheranno di scoprire l'importanza dell'organismo di chetone contro il metabolismo di destino in questo trattamento di ricostruzione cardiaca migliore.

Presa-aways

  • Le diete arricchite con i livelli elevati di grasso ma di abbastanza carboidrato e proteina per limitare la chetosi potevano egualmente migliorare o persino impedire significativamente la ricostruzione e la disfunzione cardiache in un modello del mouse.
  • Questi studi suggeriscono che il consumo di diete ad alta percentuale di grassi e più basse del carboidrato possa essere un intervento terapeutico nutrizionale per curare l'infarto.
  • Come la dieta ketogenic, il digiuno prolungato aumenta il ricorso cardiaco all'ossidazione dell'acido grasso e diminuisce il cambiamento continuo ketolytic malgrado la consegna cardiaca aumentata dell'organismo di chetone. I livelli diminuiti veloci di 24 ore del glucosio di sangue e concentrazioni forte migliorate nel plasma di acidi grassi e di organismi di chetone non esterificati.
  • Il consumo Ketogenic di dieta per soltanto tre settimane e l'aumento concorde nel metabolismo grasso è stato associato con la ricostruzione inversa dei cuori di venire a mancare alla dimensione essenzialmente normale.
  • Questi risultati indicano che le diete ketogenic non migliorano il metabolismo cardiaco dell'organismo di chetone, ma piuttosto stimola l'ossidazione dell'acido grasso, che può essere responsabile della ricostruzione e della prestazione cardiache migliori.
Source:
Journal reference:

McCommis, K. S., et al. (2020) Nutritional modulation of heart failure in mitochondrial pyruvate carrier–deficient mice. Nature Metabolism. doi.org/10.1038/s42255-020-00296-1.