Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

“La lesione della materia bianca„ che mappa lo strumento può individuare i segni in anticipo del declino conoscitivo

Un nuovo strumento per analizzare il danno di tessuto veduto sulle scansioni di cervello di MRI può individuare con più di 70 per cento di accuratezza presto firmano del declino conoscitivo, nuove manifestazioni della ricerca.

I risultati dagli specialisti della rappresentazione alla scuola di medicina di NYU Grossman concentrano sui piccoli punti luminosi sulle scansioni chiamate hyperintensities della materia bianca. I numeri e la dimensione aumentati dei punti bianchi intensa veduti sulle immagini principalmente grige del cervello lungamente sono stati collegati a perdita di memoria ed ai problemi emozionali, particolarmente poichè la gente invecchia.

Più punti su MRI ed il loro avvenimento nel centro del cervello egualmente sono stati indicati per correlare con il peggioramento della demenza ed altri termini cervello-offensivi, quali il colpo e la depressione, dicono gli autori di studio. I punti rappresentano dei i fori ripieni di fluida nel cervello, lesioni che sono credute per svilupparsi dal guasto ai vasi sanguigni che nutriscono le cellule nervose.

I metodi correnti per la classificazione delle lesioni della materia bianca contano su poco più “dell'occhio preparato,„ i ricercatori dicono, facendo uso di un disgaggio a tre punti impreciso, con un punteggio dei punti bianchi minimi di 1 significato, mentre i gradi di 2 o di 3 suggeriscono la malattia più significativa. Il nuovo strumento è stato sviluppato, i ricercatori dicono, in uno sforzo per fornire un metodo costante e obiettivo per la calcolazione il volume e della posizione dei punti nel cervello.

Nel nuovo studio, pubblicante il giornale la radiologia accademica nel 27 ottobre online, il gruppo di NYU Langone ha selezionato a caso 72 scansioni di MRI a partire da un database nazionale degli anziani, l'iniziativa di Neuroimaging del morbo di Alzheimer. I numeri uguali erano dagli uomini anziani e dalle donne, principalmente bianchi e sopra l'età 70, con la funzione normale del cervello, o la mostra deun certo declino conoscitivo delicato, o la sofferenza dalla demenza severa.

Facendo uso di ultime tecniche di risonanza magnetica per la mappatura accurata della superficie del cervello, il gruppo poi ha usato il software per calcolare le misure precise del volume e di posizione per tutte le lesioni osservate della materia bianca. Specificamente, hanno tabulato i volumi, che sono misure tridimensionali nei litri, in base alla distanza di ogni lesione da entrambe le superfici del lato del cervello, con gli intervalli normali fra 0 millilitri (nessun lesioni vedute) e 60 millilitri (alcune lesioni). I maggiori di 100 millilitri dei volumi hanno indicato la malattia severa. Quando i ricercatori hanno quadrato le loro misure, hanno trovato che sette su 10 calcoli hanno abbinato correttamente la diagnosi reale del paziente.

“Gli importi delle lesioni della materia bianca sopra l'intervallo normale dovrebbero servire da segno di allarme immediato per i pazienti e medici,„ dice

Jingyun “Josh„ Chen, Ph.D., assistente universitario di ricerca nel dipartimento di neurologia a salubrità di NYU Langone.

Chen avverte che le misure del cervello della materia bianca da solo non sono sufficienti per certificare un'individuazione della demenza iniziale, ma dovrebbe essere considerato con altri fattori, compreso una cronologia del trauma cranico, della perdita di memoria e dell'ipertensione, come chiaramente funzionalità del declino conoscitivo e/o di altri cervello e malattie del vaso sanguigno.

Il nostro nuovo calcolatore per i hyperintensities correttamente d'incollatura della materia bianca, che chiamiamo distanziare bilaterale, offre i radiologi ed altri clinici una prova standardizzata supplementare per la valutazione delle queste lesioni nel cervello, molto prima di demenza o di danno severa del colpo.„

I GE di Yulin, MD, studiano il ricercatore senior, professore, dipartimento della radiologia a NYU Langone

Con tenere la carreggiata e uno strumento di misura standardizzati, dice Chen, ora è possibile riflettere la crescita delle lesioni della materia bianca relative quello di altre proteine dell'beta-amiloide e di tau anche credute per essere cause potenziali di demenza e del morbo di Alzheimer. L'accumulazione di qualsiasi sostanza potrebbe anche provare o confutare uno o più delle teorie circa che trattamenti biologici realmente piombo ai vari moduli di demenza.

Chen dice le pianificazioni del gruppo per estendere e collaudare il loro strumento di misura scansioni sulle 1.495 di cervello supplementari per comprendere un gruppo più diverso dallo stesso database.