Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova tecnica ha potuto individuare e mappare la progressione dei cancri aggressivi

Facendo uso di nuova tecnica, un gruppo dei ricercatori di McGill University ha trovato “le aree sensibili minuscole e precedentemente inosservabili di rigidezza estremamente alta dentro i tumori aggressivi e dilaganti del cancro al seno.

I loro risultati suggeriscono, per la prima volta, che soltanto le regioni molto minuscole di tumore debbano irrigidirsi affinchè la metastasi abbiano luogo. Comunque ancora nella sua infanzia, i ricercatori ritengono che la loro tecnica possa risultare utile nella rilevazione e nella mappatura della progressione dei cancri aggressivi.

Ora possiamo vedere queste funzionalità perché il nostro approccio permette che noi catturiamo le misure all'interno del vivere, intatte, tessuti 3D. Quando i campioni di tessuto sono interrotti in tutti i modi, come è richiesto normalmente con le tecniche standard, i segni di queste “aree sensibili si eliminano.„

Chris Moraes, presidenza di ricerca del Canada ed autore senior di studio, dipartimento di ingegneria chimica, McGill University

Gli idrogel “astuti„ forniscono informazioni sulla progressione del cancro

I ricercatori hanno costruito i sensori minuscoli dell'idrogel che possono espandersi a richiesta, tanto come il gonfiamento dei palloni la dimensione di diverse celle e le hanno collocate culture dell'interno 3D e modelli del mouse di cancro al seno. Una volta avviata, l'espansione dell'idrogel può essere usata per misurare la rigidezza molto locale dentro il tumore.

Questa tecnica insolita, sviluppata con una collaborazione fra il dipartimento di McGill dell'ingegneria chimica e del Rosalind ed il centro di ricerca sul cancro di Morris Goodman a McGill, permette che i ricercatori percepiscano, dal punto di vista di una cellula tumorale, che cosa sta continuando nel loro ambiente circostante.

Che celle percepiscono le unità il loro comportamento

“Le cellule umane non sono statiche. Afferrano e tirano il tessuto intorno loro, verificando quanto rigido o morbidezza i loro dintorni sono. Che celle ritengono tipicamente intorno loro determina il loro comportamento: le celle immuni possono attivare, le cellule staminali possono essere specializzate e le cellule tumorali possono diventare pericolosamente aggressive,„ spiega Moraes.

“Le celle di cancro al seno ritengono solitamente i dintorni che sono abbastanza morbidi. Tuttavia, abbiamo trovato duro che le cellule tumorali dentro i tumori aggressivi hanno avvertito i dintorni molto più duri che precedentemente preveduti, quanto i ribassisti gommosi realmente vecchi e inariditi.„

I ricercatori ritengono che i loro risultati suggeriscano i nuovi modi in cui i meccanici delle cellule, anche alle fasi iniziali di cancro al seno, potrebbero pregiudicare la progressione di malattia.

“I metodi di sviluppo per analizzare i profili meccanici in tessuti 3D possono predire meglio il rischio paziente e risultato,„ dice Stephanie Mok, il primo autore sul documento e su un candidato di PhD nel dipartimento dell'ingegneria chimica. “Se queste “aree sensibili di rigidezza realmente stanno causando la progressione del cancro piuttosto che semplicemente essendo correlando con rimane una domanda in sospeso, ma estremamente importante a risoluzione.„

Source:
Journal reference:

Mok, S., et al. (2020) Mapping cellular-scale internal mechanics in 3D tissues with thermally responsive hydrogel probes. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-020-18469-7.