Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

l'Glucosio-abbassamento della droga può proteggere i reni in pazienti con il diabete di tipo 1, manifestazioni di studio

Una droga d'abbassamento comunemente usata in pazienti con il diabete di tipo 2, può proteggere i reni in pazienti con il diabete di tipo 1. Secondo i risultati indicati in un nuovo studio pubblicato nella lancetta.

Ciò può essere enorme ed indurre molti a passare i trattamenti. L'insufficienza renale cronica è un problema principale, piombo entrambi che soffrono ed agli alti costi.„

Johan Jendle, il professor, università di Örebro

Una droga d'abbassamento comunemente usata in pazienti con il diabete di tipo 2, può proteggere i reni in pazienti con il diabete di tipo 1. Secondo i risultati indicati in un nuovo studio pubblicato nella lancetta.
“Questo può essere enorme ed indurre molti a passare i trattamenti. L'insufficienza renale è un problema principale, è responsabili entrambi che soffrono e gli alti costi. Ma più ulteriormente gli studi sono necessari confermare questi risultati,„ dice Johan Jendle, professore all'università di örebro.

Dapagliflozin ha indicato per proteggere i reni in pazienti con il diabete di tipo 2 ed i ricercatori vogliono scoprire se ha lo stesso effetto negli oggetti con il diabete di tipo 1. Il nuovo studio ha incluso duecento cinquantuno paziente con il diabete di tipo 1 e con i livelli aumentati di proteina nell'urina. I pazienti partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: un gruppo ha ricevuto un placebo, un altro hanno ricevuto una dose bassa di dapagliflozin, 5 mg ed il terzo ha ricevuto una dose elevata leggermente, 10 mg. I ricercatori poi hanno confrontato i livelli della proteina nell'urina dei partecipanti.

“Abbiamo esaminato la funzione del rene. L'alto zucchero e l'ipertensione di sangue producono il rene vulnerabile ed incapace di fare fronte. Paragono solitamente ad un filtro da caffè che si rompe - i motivi quindi il passaggio da parte a parte nel caffè. Non vogliamo la proteina passare da parte a parte nell'urina,„ spieghiamo Johan Jendle.
Nel gruppo che riceve la dose più bassa, la proteina livella nell'urina in diminuzione da 13 per cento mentre in pazienti che catturano la dose elevata, è caduto da 31 per cento.

“Inoltre, gli effetti secondari erano bassi,„ dice Johan Jendle.

Un effetto secondario serio della classe di droghe a cui il dapagliflozin appartiene è un rischio elevato di organismi di chetone aumentati nel sangue. I chetoni sono un segno della carenza acuta dell'insulina e possono piombo a chetoacidosi. Nessuno dei pazienti nel gruppo del placebo hanno sviluppato questa circostanza. Dei pazienti che catturano una dose bassa di dapagliflozin, un per cento è stato trovato per avere chetoni nel loro sangue mentre quattro per cento nel gruppo che riceve la dose elevata.

Nello studio, tre per cento nel gruppo del placebo e cinque rispettivi sei per cento che ricevono la dose elevata bassa o di dapagliflozin, hanno sviluppato un'infezione genitale comune. I ricercatori inoltre hanno veduto un aumento nelle infezioni di apparato urinario in pazienti che catturano la droga.

“Questi effetti secondari sono in conformità con che cosa precedentemente è stato riferito in pazienti con il diabete di tipo 2. Ed anche se i numeri sono bassi, lo scopo è di usare una dose bassa quanto fattibile evitare gli effetti secondari possibili. Per la prima volta abbiamo uno studio che indica che la terapia aggiuntiva ad insulina è associata con un rischio diminuito di complicazioni del rene,„ dice Johan Jendle.

Poiché la protezione del rene non era un punto finale prespecificato nello studio ma ha basato sui dati precedentemente raccolti, il punto seguente è di condurre un cosiddetto test clinico ripartito con scelta casuale futuro per confermare i risultati.