Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori emanano le linee guida per standardizzare i test di performance per le interfacce neurali

Come possono gli scienziati misurare e definire la prestazione degli elettrodi neurali se non ci sono standard costanti? I microsistemi di Friburgo costruiscono il Dott. Maria Asplund insieme al Dott. Christian Böhler ed a prof. il Dott. Thomas Stieglitz come pure prof. il Dott. Luciano Fadiga ed il Dott. Stefano Carli dall'istituto di tecnologia italiano all'università di Ferrara, Italia, hanno emanato le linee guida per standardizzare la prova della prestazione degli elettrodi per le interfacce neurali ed i sistemi bioelectronic.

I ricercatori hanno pubblicato la loro esercitazione nei protocolli della natura.

Le estensioni neurali impiantabili dell'interfaccia aumentano le opportunità affinchè i neuroscenziati studino il sistema nervoso compreso il cervello e di sviluppare i trattamenti potenziali per le malattie quali l'epilessia e la sclerosi a placche come pure per i disordini neurologici quali la paralisi e la perdita di discorso dopo il colpo.

Ciò dà agli elettrodi un ruolo chiave, poichè formano l'interfaccia fisica fra il sistema tecnico e le celle biologiche. Tuttavia non c'è corrente accordo generale quanto sul più bene valutare e confrontare gli elettrodi in laboratorio, o come stimare e predire il loro risparmio di temi quando riceve e stimolando i segnali elettrici dopo l'impianto.

Nella loro esercitazione il presente dei ricercatori e discute criticamente i test di performance chiave per la caratterizzazione degli elettrodi neurali dell'interfaccia. Egualmente spiegano come interpretano le prove ed applicano loro nelle procedure scientifiche ed i limiti su questa.

Senza test di performance correnti è difficile da valutare le molte proposte di materiali dell'elettrodo nella letteratura e da determinare dove dovremmo concentrare gli sforzi. Stiamo proponendo uno standard costante, per permettere alla segnalazione trasparente sulla prestazione dell'elettrodo e promuovere un trattamento scientifico efficiente. Alla fine vogliamo accelerare l'entrata in vigore nella pratica clinica.„

Dott. Maria Asplund, ingegnere di microsistemi, università di Friburgo

Source:
Journal reference:

Boehler, C., et al. (2020) Tutorial: guidelines for standardized performance tests for electrodes intended for neural interfaces and bioelectronics. In: Nature Protocols. doi.org/10.1038/s41596-020-0389-2.