Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'unità novella può avvantaggiare i pazienti con la paralisi superiore dell'arto

Un'unità minuscola la dimensione di piccolo paperclip è stata indicata per aiutare i pazienti con la paralisi superiore dell'arto a testo, email e perfino per comperare online nella prima prova umana.

L'unità, Stentrode™, è stata impiantata con successo in due pazienti, che entrambe soffrono dalla paralisi severa dovuto la sclerosi laterale amiotrofica (ALS) - anche conosciuta come la malattia del motoneurone (MND) - e nessune hanno avute la capacità di muovere i loro arti superiori.

Pubblicato nel giornale della chirurgia di NeuroInterventional, i risultati hanno trovato che lo Stentrode™ poteva senza fili riparare la trasmissione degli impulsi del cervello dall'organismo. Ciò ha permesso ai pazienti di completare con successo le mansioni quotidiane come attività bancarie online, acquisto e texting, che precedentemente non erano stati disponibili a loro.

Il professor Peter Mitchell dell'ospedale reale di Melbourne, Direttore di servizio di Neurointervention ed il ricercatore principale sulla prova, hanno detto che i risultati stavano promettendo e che dimostrano l'unità possono essere impiantati ed usati sicuro presso i pazienti.

Ciò è la prima volta un'operazione di questo genere è stata fatta, in modo da non potremmo garantire che ci non sarebbero stati problemi, ma in entrambi casi l'ambulatorio è andato meglio di avevamo sperato.„

Peter Mitchell, il professor, Direttore di servizio di Neurointervention e ricercatore principale, ospedale reale di Melbourne

Il professor Mitchell ha impiantato l'unità sui partecipanti di studio tramite i loro vasi sanguigni, accanto alla corteccia di motore del cervello, in una procedura che comprende una piccola incisione “del buco della serratura„ nel collo.

“La procedura non è facile, in ogni chirurgia c'erano differenze secondo l'anatomia del paziente, comunque in entrambi casi i pazienti potevano lasciare all'ospedale soltanto alcuni giorni più successivamente, che egualmente dimostra il ripristino rapido dall'ambulatorio,„ il professor Mitchell hanno detto.

Neurointerventionalist ed il CEO di Synchron - il partner commerciale di ricerca - professore associato Thomas Oxley, hanno detto che questo era un momento dell'innovazione per il campo delle interfacce del cervello-computer.

“Siamo eccitati per riferire che abbiamo consegnato completamente un impiantabile, netto, tecnologia wireless che non richiede la neurochirurgia aperta, che funzioni per riparare le libertà per la gente con l'inabilità severa,„ professore associato che Oxley, che è egualmente co-testa del laboratorio vascolare della bionica all'università di Melbourne, ha detto.

I due pazienti hanno usato lo Stentrode™ per gestire il sistema operativo automatizzato, congiuntamente ad un eye tracker per percorso del cursore. Ciò ha significato che non hanno avuto bisogno di un mouse o di una tastiera.

Egualmente hanno deciso l'addestramento imparare-assistito commputer per gestire gli atti multipli di clic di mouse, compreso lo zoom ed hanno lasciato il clic. I primi due pazienti hanno raggiunto un'accuratezza media di clic di 92 per cento e 93 per cento, rispettivamente e le velocità digitanti di 14 e 20 caratteri al minuto con testo premonitore reso non valido.

L'università di professore associato Nicholas Opie di Melbourne, la co-testa del laboratorio vascolare della bionica all'università e l'ufficiale principale fondante della tecnologia di Synchron hanno detto che gli sviluppi erano emozionanti ed i pazienti coinvolgere hanno fatti riparare un livello di libertà nelle loro vite.

“Osservando i partecipanti usi il sistema per comunicare e gestire un computer con le loro menti, indipendente ed a casa, è vero stupefacente,„ il professore associato Opie ha detto.

“Siamo riconoscenti lavorare con tali partecipanti fantastici ed i miei colleghi ed io siamo onorati per fare una differenza nelle loro vite. Spero che altri siano ispirati dal loro successo.

“Durante gli ultimi otto anni abbiamo attinto alcuno del mondo menti mediche e d'organizzazioni di piombo per creare un innesto che permette alla gente con la paralisi di gestire la strumentazione esterna con la potenza del pensiero. Siamo soddisfatti di riferire che abbiamo raggiunto questo.„

I ricercatori avvertono che mentre è determinati anni di distanza prima della tecnologia, capace di restituzione dell'indipendenza alle mansioni di ogni giorno complete è pubblicamente - disponibile, il gruppo globale e pluridisciplinare sta lavorando instancabile per rendere questo una realtà.

La prova recentemente ha stato sovvenzionato $AU1.48 milione dal governo australiano del commonwealth per ampliare la prova agli ospedali New South Wales e nel Queensland, con le speranze di iscrivere più pazienti.

Source:
Journal reference:

Oxley, T. J., et al. (2020) Motor neuroprosthesis implanted with neurointerventional surgery improves capacity for activities of daily living tasks in severe paralysis: first in-human experience. Journal of NeuroInterventional Surgery. doi.org/10.1136/neurintsurg-2020-016862.