Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina il collegamento fra il caricamento genomica SARS-CoV-2 ed i risultati del paziente COVID-19

Un nuovo studio pubblicato online negli annali della società toracica americana esamina se la quantità di RNA o di caricamento genomica, di SARS-CoV-2, individuato nelle prove del tampone dei pazienti che sono ammessi all'ospedale con polmonite virale è associata con COVID-19 più severo.

SARS-CoV-2 è un virus che causa COVID-19. Gli studi precedenti su questo problema hanno avuti risultati contraddittori.

“Nell'associazione del caricamento genomica SARS-CoV-2 con i risultati pazienti COVID-19,„ Ioannis M. Zacharioudakis, il MD, lo specialista della malattia infettiva nel dipartimento di medicina alla scuola di medicina di Grossman di New York University ed i co-author hanno esaminato le cartelle sanitarie di 314 pazienti che sono venuto al pronto soccorso di salubrità di NYU Langone fra il 31 marzo ed il 10 aprile 2020, diagnosticate con COVID-19 su una prova diagnostica molecolare (RT-PCR) che egualmente ha avuta polmonite virale abbastanza seria richiedere l'ospedalizzazione.

Questa ricerca è stata condotta come studio di gruppo retrospettivo; uno che segue gli ex pazienti che hanno avuti caratteristiche comuni.

“Abbiamo dimostrato che per i pazienti ammessi all'ospedale con polmonite COVID-19, il caricamento SARS-CoV-2, come riflesso dal valore di soglia (Ct) del ciclo della PCR, dovrebbe essere esaminato come preannunciatore dei risultati avversi,„ abbiamo detto il Dott. Zacharioudakis.

“L'alto caricamento virale è stato indicato per essere un preannunciatore dei risultati difficili sopra e oltre l'età, gli altra problemi di salute e severità della malattia sulla presentazione, indicare che può essere usato rischio-per stratificare, o valutazione, pazienti.„

Le prove inverse in tempo reale di reazione a catena della transcriptase-polimerasi (RT-PCR) per SARS-CoV-2 sono la classe più accurata di oggi disponibile delle prove di COVID e possono campionare ed analizzare la più grande quantità di materiale genetico, anche nelle fasi presintomatiche della malattia.

In questo studio, i campioni respiratori che sono stati analizzati dalla tecnologia di RT-PCR sono stati riuniti dai pazienti che per mezzo dei tamponi rinofaringei, i tamponi lunghi che sono ampiamente usati nelle impostazioni di sanità come pure alle aree campione pubbliche.

Un valore di soglia del ciclo è uno dei risultati che le elasticità di tecnica di PCR e possono essere usate come sostituto della quantità di virus che è individuato sui tamponi rinofaringei. Poiché il valore di Ct è ottenuto sulla maggior parte delle piattaforme commerciali di prova di RT-PCR, può rivelarsi uno strumento disponibile facilmente al fornitore per contribuire rischio-a stratificare ed ai pazienti della valutazione ammessi all'ospedale con polmonite COVID-19.

I ricercatori hanno determinato che i punti finali di studio avrebbero incluso se un paziente ha richiesto la ventilazione meccanica o l'ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO) e se il paziente è morto mentre nell'ospedale o è stato scaricato a centro ospedaliero.

I calcoli statistici sono stati fatti per determinare quanto i punti finali sono stati raggiunti frequentemente dai pazienti che hanno avuti livello contro il caricamento virale basso dopo avere registrato per ottenere gli stati d'avvenimento dei pazienti (comorbidities) facendo uso dell'indice analitico di Comorbidity di Charlson e da quanto severo la polmonite era ai tempi della presentazione, secondo le indicazioni dell'indice analitico della severità di polmonite.

Sappiamo che il virus si moltiplica rapido nelle fasi sintomatiche asintomatiche ed in anticipo di COVID-19. Il nostro studio è in accordo con questa conclusione, come indicato dalla nostra individuazione del caricamento virale più alto in pazienti che hanno presentato più presto nella malattia.„

Ioannis M. Zacharioudakis, MD, specialista della malattia infettiva, dipartimento di medicina, scuola di medicina di Grossman di New York University

Ha aggiunto: “Lo studio egualmente ha trovato che i pazienti che hanno avuti multiplo comorbid condiziona, quali la malattia di cuore, il diabete ed il cancro; o chi erano immunocompromised dovuto il trapianto di organo solido; erano più probabile avere un più alto caricamento SARS-CoV-2 al ricovero ospedaliero e di conseguenza un rischio aumentato per i risultati difficili.„

Una caratteristica importante di questo studio era che ha messo a fuoco sui pazienti che hanno richiesto l'ammissione all'ospedale per polmonite COVID-19, un gruppo che è ad ad alto rischio per la malattia seria o la morte.

Il fatto che l'associazione di alto caricamento virale con i risultati pazienti difficili è rimanere dopo avere considerato gli stati stanti alla base dei pazienti, quanto tempo erano malati prima della venuta all'ospedale e come il malato essi era allora essi ha presentato aggiunge la prova apprezzata che dimostra la capacità del caricamento virale SARS-CoV-2 di predire i risultati di COVID.

Gli autori notano che, fra i pazienti con una presentazione clinica severa, quelli con un alto caricamento virale SARS-CoV-2 erano quasi due volte probabili ottenere intubated o morire.

Il Dott. Zacharioudakis aggiunto, “il nostro studio fornisce una giustificazione per usando il caricamento del SARS-CoV-2 dei pazienti ai tempi del ricovero ospedaliero per valutare il loro rischio di risultati avversi. In un'era quando la disponibilità di efficace provato farmaci antivirali contro COVID potrebbe essere limitata e la capacità per il video intensivo è limitata, è di massima importanza da potere da dare la priorità ai pazienti che trarranno giovamento il la maggior parte dal trattamento iniziale o un di più alto livello di cura. Ulteriori studi sono necessari valutare se una diminuzione nel caricamento virale dei pazienti ospedalizzati con COVID-19, che può o non può essere trattato con i farmaci antivirali quale Remdesivir, componente con un miglioramento nello stato clinico.„

Source:
Journal reference:

Zacharioudakis, I. M., et al. (2020) Association of SARS-CoV-2 Genomic Load with COVID-19 Patient Outcomes. Annals of the American Thoracic Society. doi.org/10.1513/AnnalsATS.202008-931RL.