Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Malgrado le battute d'arresto COVID-19, il WHO mira ad eliminare la filariosi linfatica da ora al 2030

Nel 2019, 538,1 milione di persone sono stati curati per filariosi linfatica (LF) in 38 paesi che hanno applicato l'amministrazione di massa della droga (MDA) delle popolazioni a rischio della malattia, come raccomandato dall'organizzazione mondiale della sanità (WHO).

Diciassette paesi hanno raggiunto i criteri per l'eliminazione del LF come problema sanitario di salute pubblica; Il Kiribati, il Malawi e l'Yemen erano il più recente da riconoscersi dal WHO.

Il programma globale per eliminare la filariosi linfatica (GPELF) ha consegnato i 8,2 miliardo trattamenti cumulativi a più di 923 milione di persone dal 2000. I trattamenti mirano ai parassiti nel sangue della gente infettata ed impediscono il rischio di trasmissione nella comunità.

Le infezioni sono state portate a tali bassi livelli in alcune aree che 649,1 milione di persone più non richiedono MDA per questa malattia parassitaria debilitante.

Fissando le viste del 2030

L'insieme dell'obiettivo da GPELF nel 2000 per eliminare il LF come problema sanitario di salute pubblica globalmente da ora al 2020 non non tramite raggiunto per allora. Malgrado le battute d'arresto dovuto COVID-19, il WHO accelererà il lavoro per raggiungere questo obiettivo da ora al 2030.

I nuovi preventivi globali suggeriscono un rapporto di riproduzione di 74% del numero della gente infettata dall'inizio di GPELF.<.sup> i nuovi, obiettivi ambiziosi per 2030 sono che 80% dei paesi endemici abbiano risposto ai criteri per la convalida dell'eliminazione come problema sanitario di salute pubblica, con il 20% rimanente nell'ambito di sorveglianza dopo trattamento, significante che MDA più non sarà richiesto.

GPELF mira a diminuire la prevalenza dell'infezione sotto le soglie dell'obiettivo ed ad alleviare la sofferenza della gente influenzata dal linfoedema e dal hydrocele, le manifestazioni croniche della malattia. Il pacchetto essenziale raccomandato di cura per il linfoedema e il hydrocele di gestione dovrebbe essere disponibile in 100% dei distretti in cui la gente sta vivendo con queste manifestazioni.

Questo scopo è stato allineato rispetto agli obiettivi di assistenza sanitaria universale per lasciare nessuno dietro da ora al 2030. Segnalazione della morbosità di LF migliore ancora nel 2019, rappresentazione che i paesi stanno indirizzando questi servizi di pianificazione e di scopo per la gente influenzata dalla malattia.

Acceleri con una migliore combinazione di medicine

Nel 2017, il WHO ha pubblicato una nuova linea guida sui regimi alternativi di MDA per eliminare il LF ed ha raccomandato un regime combinato del ivermectin, del citrato di diethylcarbamazine e del albendazole (IDA) per accelerare l'impatto di MDA sulla trasmissione dei parassiti. Nel 2019, l'IDA è stato usato per curare 45,2 milione di persone in 11 paese. In India, l'IDA era esteso da quattro a 16 distretti curare più di 41 milione di persone.

Rischi per successo

Corrente, soltanto sei di 17 paesi convalidati come eliminandosi LF come attività di salute pubblica di problema sanitario di una sorveglianza di rapporto. Senza attività robuste di post-convalida, la trasmissione può rimanere inosservata ed il numero delle infezioni inscatola il resurge ai livelli precedenti. I paesi sono disposti a condurre la sorveglianza e rimanere vigilanti, ma i programmi richiedono il chiari orientamento e risorse. La ricerca supplementare ed i migliori sistemi diagnostici sono necessaria da progettare i metodi più dettagliati e standardizzati per sorveglianza.

Ulteriori dettagli dei progressi realizzati da GPELF nel 2019 sono riferiti nella registrazione epidemiologica settimanale.