Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Biomarcatori che sono premonitori del vantaggio clinico nel cancro al seno triplo-negativo di Trop-2-expressing

Oncotarget recentemente ha pubblicato “i biomarcatori premonitori per efficacia govitecan del sacituzumab nel cancro al seno triplo-negativo di Trop-2-expressing„ che ha riferito che gli autori esaminatori se Trop-2-expression e la riparazione omologa di ricombinazione delle rotture del DNA del doppio filo di SN-38-mediated svolgono un ruolo nella sensibilità di cancro al seno triplo-negativo allo SG.

Più ulteriormente, due Trop-2-transfectants di MDA-MB-231, C13 e C39, sono stati trattati in mouse con lo SG per determinare se l'espressione aumentante Trop-2 migliora l'efficacia dello SG.

L'aumento di >2-fold mediato SG in Rad51 in MDA-MB-231 ma non ha avuto effetto in SK-MES-1 o HCC1806, con conseguente livelli più bassi di dsDNA irrompe MDA-MB-231. SG e simili effetti prodotti salini in mouse parentali del tumore-cuscinetto MDA-MB-231.

Tuttavia, in mouse che sopportano gli più alti tumori C13 e C39 di Trop-2-expressing dopo la transfezione Trop-2, lo SG ha fornito un vantaggio significativo di sopravvivenza, anche confrontato a irinotecan.

Questi risultati indicano che lo SG potrebbe fornire al migliore vantaggio clinico che irinotecan in pazienti i tumori HRR-competenti che esprimono gli alti livelli di Trop-2 come pure ai pazienti con i tumori HRR-carenti che esprimono i livelli moderato/di minimo di Trop-2.

Negli ultimi anni, c'è stato un fuoco aumentato sulla terapia personale del cancro.

Dott. Thomas M. Cardillo da Immunomedics, inc

Lo SG ha dimostrato il vantaggio clinico significativo attraverso un intervallo dei tumori solidi, compreso TNBC metastatico, cancro al seno ormone-positivo, il cancro polmonare della piccolo-cella, il cancro polmonare della non piccolo cella ed i carcinoma urothelial metastatici.

Rimane poco chiaro da questi risultati se il meccanismo ignorante per la sensibilità dello SG in questi vari modelli del tumore è espressione Trop-2 o vie difettose di HRR, o dalla loro combinazione.

Qui, gli autori di Oncotarget hanno esaminato la risposta di HRR in MDA-MB-231, essendo insensibili allo SG, compreso il upregulation di Rad51 ed i livelli di rotture del dsDNA mediate tramite l'esposizione dello SG e la hanno confrontata a quella alle delle righe SG sensibili del tumore per delucidare il ruolo che questa via svolge in celle proteggenti dalle rotture SG-mediate del dsDNA.

Ulteriormente, le celle MDA-MB-231 transfected per esprimere i livelli elevati di Trop-2 sono state valutate in vivo per gli effetti antitumorali dello SG rispetto ai tumori parentali con l'espressione bassa Trop-2.

Tuttavia, questo non elimina lo SG che è attivo in tumori con l'espressione Trop-2 e le carenze basse in HRR.

Il gruppo di ricerca di Cardillo ha concluso in loro pubblicazione di Oncotarget che, questi dati supportano forte l'ipotesi che come biomarcatore, alta espressione della superficie Trop-2 sul tumore di un paziente può essere premonitrice di un risultato clinico positivo per la terapia dello SG.

Più ulteriormente, ci sono biomarcatori secondari che possono avere bisogno di di essere considerato per quei pazienti con il minimo/espressione del moderato Trop-2 o quelli con l'alta espressione Trop-2 che terapia irinotecan precedente guastata per le ragioni all'infuori di resistenza acquistata.

Inoltre, mentre l'alta espressione di Trop-2 è stata trovata per essere un biomarcatore primario per efficacia dello SG, non dovrebbe essere un fattore limitante, perché altri biomarcatori secondari accoppiati con l'espressione Trop-2 possono similarmente essere premonitori del vantaggio clinico.

Per queste ragioni, i test clinici futuri dovranno esaminare completamente i biomarcatori potenziali, oltre all'espressione Trop-2, per generare un profilo che identificherà meglio quei pazienti probabilmente per trarre giovamento dalla terapia dello SG.

Source:
Journal reference:

Cardillo, T.M., et al. (2020) Predictive biomarkers for sacituzumab govitecan efficacy in Trop-2-expressing triple-negative breast cancer. Oncotarget. doi.org/10.18632/oncotarget.27766.