Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I fornitori di cure mediche dovrebbero chiedere ai pazienti riguardo ad uso della cannabis, stimolo dei ricercatori

Gli infermieri ed altri fornitori di cure mediche dovrebbero parlare con pazienti circa le loro cannabis usano lo stesso modo che parlano di altre abitudini come il fumo e bere: ordinariamente e senza giudizio.

Quello dovrebbe accadere, ma troppo spesso non fa, non ha detto Wilson mariano, l'infermiere diplomato ed il professore associato all'istituto universitario di Washington State University di professione d'infermiera. È l'autore principale su un documento pubblicato recentemente nella gestione di dolore del giornale che cura circa il processo decisionale comune nel parlare dell'uso della cannabis.

“Vogliamo questo documento guidare i fornitori come possono cominciare aprire questa conversazione e normalizzarla,„ in Wilson abbiamo detto.

Gli inizio di modello decisionali comuni con il paziente o il fornitore che alleva l'argomento di uso della cannabis, poi passando verso i particolari circa la situazione, i vantaggi ed i rischi di quel paziente di uso della cannabis basati su ricerca e su prova e definitivo sulla formulazione della pianificazione.

La centrale alle conversazioni paziente-centrate sta capendo le massime priorità dei pazienti. I ricercatori hanno suggerito che i clinici dovrebbero chiedere “che argomenti a voi?„ così come “cui è la materia? “„

Wilson mariano, infermiere diplomato e professore associato, istituto universitario di Washington State University di professione d'infermiera

Alcuni studi hanno suggerito che le cannabis l'uso è utile ai pazienti con dolore cronico che egualmente stanno usando gli opioidi, tanti in quella popolazione paziente stanno usando la cannabis o considerandola, Wilson ha detto. Ecco perché è particolarmente importante che per i fornitori che lavorano nella gestione di dolore per discutere l'oggetto, sebbene i pazienti possano essere riluttanti a rivelare l'uso della cannabis perché potrebbero essere penalizzati nel passato.

Wilson dice le vere sfide della fronte di taglio dei fornitori nell'ottenere alle le informazioni correnti e basate a prova sui vantaggi ed i rischi di uso della cannabis. Il documento richiede la creazione di una repository di informazioni, di una ricerca e dei best practice centralizzati, non commerciali, scientifici su uso della cannabis. Una tal risorsa diventerà più importante come la legalizzazione della cannabis si sparge in tutta la nazione.

“Vogliamo i fornitori chiedere alla gente riguardo al loro uso della cannabis e vogliamo i pazienti ritenere comodi parlandolo, ma ora molti non fanno,„ Wilson ha detto.

Source:
Journal reference:

Wilson, M., et al. (2020) Shared Decision-Making for Patients Using Cannabis for Pain Symptom Management in the United States. Pain Management Nursing. doi.org/10.1016/j.pmn.2020.09.009.