Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti COVID-19 che avvertono i colpi sembrano avere risultati peggiori

La gente che avverte i colpi mentre infettata con COVID-19 sembra essere lasciata con la maggior inabilità dopo il colpo, conciliante uno studio piombo dai ricercatori di UCLH e di UCL.

Avendo COVID-19 all'inizio del colpo egualmente è stato associato con il tasso di mortalità più doppio di altri pazienti del colpo, secondo i risultati pubblicati nel giornale della neurologia, della neurochirurgia & della psichiatria.

I ricercatori hanno trovato la prova che la gente di origine asiatica potrebbe essere più probabile avvertire i colpi ischemici di COVID-19-associated (quelli causati dal bloccaggio dei vasi sanguigni che forniscono il cervello) che quelle in altri gruppi nel Regno Unito.

Confrontando le caratteristiche ed i risultati dei colpi sperimentati dalla gente con e senza COVID-19, abbiamo trovato che c'erano differenze fra i gruppi, suggerenti che COVID-19 esercitasse un'influenza sopra la presentazione del colpo.

Alcune delle differenze si riferiscono a cui altri studi stanno scoprendo circa COVID-19, in quanto potrebbe rendere il sangue più appiccicoso e più probabile coagularsi.„

Dott. Richard Perry, ricercatore del cavo, istituto del quadrato della regina di UCL di neurologia ed ospedale nazionale per neurologia e neurochirurgia, UCLH

La configurazione di risultati sugli studi precedenti piombo dai ricercatori di UCL che egualmente hanno suggerito che qualche gente con COVID-19 stia avvertendo i sintomi neurologici e che l'infezione può aumentare il rischio di colpo.

I ricercatori hanno esaminato la prova da 86 persone che hanno avute un colpo in Inghilterra o in Scozia ed hanno avute COVID-19 all'inizio del colpo, fra marzo e luglio questo anno e li hanno confrontati a 1.384 casi del colpo durante lo stesso periodo nella gente che non ha avuta alcuna prova di COVID-19.

La prova dell'infezione è stata determinata mediante una prova positiva di coronavirus entro quattro giorni dell'ammissione o ha sospettato COVID-19 ai tempi dell'ammissione e confermato sulle prove ad un punto qualunque durante i 10 giorni successivi.

I ricercatori hanno trovato che i pazienti ischemici del colpo che egualmente hanno avuti COVID-19 erano probabile soltanto mezzo lasciare l'ospedale senza alcun'inabilità quanto quelli senza COVID-19. I ricercatori ancora non hanno dati su quanto tempo queste inabilità in eccesso potrebbero persistere.

I colpi ischemici in pazienti COVID-19 erano due volte intorno probabili essere causati dal bloccaggio di più di un grande vaso sanguigno nel cervello (18% contro 8%), che i ricercatori dicono suggerisce la prova di coagulazione di sangue anormale. Egualmente hanno trovato che i colpi associati COVID-19 erano più severi, con un punteggio medio della severità del colpo (NIHSS) di 8, confrontato a 5 nel gruppo di controllo.

I livelli elevati dei D-dimeri, un indicatore della proteina per la viscosità di sangue, erano egualmente nel colpo ischemico riferito COVID-19 che in altri colpi ischemici. I nuovi risultati misura con altri studi che indicano che la gente con COVID-19 sembra avere sangue appiccicoso che è più suscettibile di coagularsi.

I ricercatori hanno trovato le differenze da origine etnica, poichè la gente di origine asiatica è stata sovrarappresentata (da più del doppio) nel gruppo COVID-19 che i pazienti bianchi o neri.

Il Dott. Perry ha detto: “Il nostro studio suggerisce che COVID-19 abbia avuto più impatto sui colpi nella comunità asiatica che in altri gruppi etnici. Non possiamo dire dai nostri dati se questo è perché la gente di origine asiatica è più probabile catturare COVID-19, o se i pazienti asiatici con COVID-19 sono più probabili avere colpi ischemici, o entrambi.„

Il professor David Werring (istituto del co-author del quadrato della regina di UCL di neurologia ed ospedale nazionale per neurologia e neurochirurgia, UCLH) aggiunto: “I nostri risultati suggeriscono che qualche gente, COVID-19 possa influenzare il rischio del colpo con il suo effetto sull'eccessiva coagulazione o infiammazione di sangue e possono anche influenzare le caratteristiche ed il risultato del colpo, compreso la maggior severità con un'più alta probabilità di grandi coaguli di sangue multipli dell'imbarcazione.

“I nostri risultati supportano la gente di prova per COVID-19 se entrano in ospedale con un colpo ed ulteriore ricerca è necessaria determinare se i trattamenti (quale l'uso di anticoagulazione completa iniziale della dose) dovrebbero differire secondo questo risultato dei test.„